Passa ai contenuti principali

PAK CHOI... e son cavoli (cinesi)


Scoperto per caso al supermercato, l'ho comprato più per il nome che per l'aspetto. Grazie a google ho poi scoperto che si tratta di una varietà di cavolo cinese.
Della famiglia delle crucifere, ne possiede tutte le qualità eccezionali: antiossidante, ricco di vitamine A, C, K e B. E' ipocalorico, ricco anche di tiocianati che, leggo, sono anti-cancro e riducono il colesterolo. Buona fonte di vari minerali...insomma un super, super food.
Va cotto poco affinchè conservi tutte le sue proprietà.

Bene, passiamo al sapore: un leggero sentore di cavolo, ma un profumo particolare che, mentre cuoce, a me ricorda addirittura la rosa.
Buonissimo...ecco come l'ho cucinato io.

INGREDIENTI
4 cavoli pak choi
1 spicchio d'aglio
olio evo
1 radice di zenzero
succo di mezzo limone
3 cucchiai di salsa tamari
2 cucchiai di semi di sesamo

PROCEDIMENTO (facilissimo)
Tagliare il cavolo a listarelle e farlo saltare con olio, aglio e zenzero tagliato finissimo.



Dopo pochi minuti aggiungere la salsa tamari e il succo di limone.


Intanto tostare i semi di zenzero.


Pochi minuti ed è pronto...impiattare e cospargere con i semi di sesamo tostati. Una bontà!


Commenti

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

MEDITERRANEO - sospesi da spazi

Venerdì scorso 10 giugno, a Torino al Teatro Vittoria, ho assistito a uno spettacolo di grande impatto e qualità. Ve lo raccconto come l'ho "letto" io...


Mediterraneo.
Dai Fenici ai Greci, fra Egeo, Ionio e Tirreno, si svilupparono grandi civiltà, dove si trovavano già i germogli di valori e culture del mondo in cui viviamo.
Lungo le coste di questo mare dai confini indefiniti, passavano le vie della seta e delle spezie, una sorta di crocevia tra oriente e occidente (P. Matvejevic): e lo spettatore si lascia coinvolgere da una nuvola di spezie dorate che avvolgono il palco e la platea, mentre le danzatrici si avvicinano agli spettatori offrendo essenze profumate...
Nei secoli le tante culture, religioni, razze si sono mescolate, confrontate e scontrate. Un fondersi che ha portato a esaltare le somiglianze sottovalutando forse le divergenze e gli antagonismi. Voci, dialetti diversissimi tra loro e anche incomprensibili sui quali Alessandra Pomata danza in maniera sublime esal…