giovedì 17 settembre 2015

Chiudi gli occhi e guarda


Tutto arriva al momento giusto.
Corradino mi ha tenuto compagnia in una domenica pomeriggio difficile, alla vigilia di un intervento chirurgico cui il mio piccolo di sette anni sarebbe stato sottoposto. 
Mentre facevo i conti con le paure e le angosce più grandi e profonde che un genitore possa sperimentare (per fortuna è andato tutto bene!), Nicola Pezzoli mi ha regalato un dolce e provvidenziale tuffo in un passato che sento anche mio. Un pomeriggio in compagnia di un libro letto di un fiato, come raramente mi accade.

Fine anni '70, le vacanze in Liguria di noi piemontesi/lombardi che per tutto l'anno aspettavamo quel luglio al mare. Per Corradino è la prima vacanza al Mare e in quel 1979 aveva 12 anni.
E' un ragazzino intelligente, tenero, insicuro e sensibile. Non si può non volergli bene, subito.

Che tenerezza la prima incondizionata infatuazione per "la biscugina Ilaria  -di Cuneo - che ha più del doppio dei miei anni", il senso di protezione nei confronti della giovane mamma vedova; bella la figura dello zio cieco e la sua lezione di vita in procinto di togliersela, la vita. 

Pensieri, infatuazioni, delusioni amare di un dodicenne che si affaccia su un nuovo mondo, agli albori di quella che chiamiamo adolescenza. 

Mi son lasciata trasportare da Corradino...ai miei dodici anni al Mare in Liguria, quando anche per me (coincidenza!) arrivò il primo bacio vero, datomi da un "vecchio" di diciassette anni...che schifo! Fu terribile e quello che per un mese era stato il ragazzo più bello della spiaggia, diventò l'essere più rivoltante sulla faccia della terra! 

Una dovizia di particolari che avevo dimenticato, profumi ed emozioni che mi hanno riportata indietro di tanti anni...un libro che tutti i nati negli anni '60/'70 dovrebbero leggere. 

[...] "I suoi occhi neri erano così meravigliosi che secondo me per portarli in giro
ci sarebbe voluto il porto d'armi, e fin da subito, per colpa di quegli occhi spudoratamente belli, 
non potei fare a meno (di supernascosto e con grande vergogna) di immaginarmi con lei in situazioni di marito e moglie, tipo baciarla, metterglielo dentro, litigare molto bene ecc."


Di Nicola Pezzoli - "Chiudi gli occhi e guarda" NEO EDIZIONI



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails