Passa ai contenuti principali

Chiudi gli occhi e guarda


Tutto arriva al momento giusto.
Corradino mi ha tenuto compagnia in una domenica pomeriggio difficile, alla vigilia di un intervento chirurgico cui il mio piccolo di sette anni sarebbe stato sottoposto. 
Mentre facevo i conti con le paure e le angosce più grandi e profonde che un genitore possa sperimentare (per fortuna è andato tutto bene!), Nicola Pezzoli mi ha regalato un dolce e provvidenziale tuffo in un passato che sento anche mio. Un pomeriggio in compagnia di un libro letto di un fiato, come raramente mi accade.

Fine anni '70, le vacanze in Liguria di noi piemontesi/lombardi che per tutto l'anno aspettavamo quel luglio al mare. Per Corradino è la prima vacanza al Mare e in quel 1979 aveva 12 anni.
E' un ragazzino intelligente, tenero, insicuro e sensibile. Non si può non volergli bene, subito.

Che tenerezza la prima incondizionata infatuazione per "la biscugina Ilaria  -di Cuneo - che ha più del doppio dei miei anni", il senso di protezione nei confronti della giovane mamma vedova; bella la figura dello zio cieco e la sua lezione di vita in procinto di togliersela, la vita. 

Pensieri, infatuazioni, delusioni amare di un dodicenne che si affaccia su un nuovo mondo, agli albori di quella che chiamiamo adolescenza. 

Mi son lasciata trasportare da Corradino...ai miei dodici anni al Mare in Liguria, quando anche per me (coincidenza!) arrivò il primo bacio vero, datomi da un "vecchio" di diciassette anni...che schifo! Fu terribile e quello che per un mese era stato il ragazzo più bello della spiaggia, diventò l'essere più rivoltante sulla faccia della terra! 

Una dovizia di particolari che avevo dimenticato, profumi ed emozioni che mi hanno riportata indietro di tanti anni...un libro che tutti i nati negli anni '60/'70 dovrebbero leggere. 

[...] "I suoi occhi neri erano così meravigliosi che secondo me per portarli in giro
ci sarebbe voluto il porto d'armi, e fin da subito, per colpa di quegli occhi spudoratamente belli, 
non potei fare a meno (di supernascosto e con grande vergogna) di immaginarmi con lei in situazioni di marito e moglie, tipo baciarla, metterglielo dentro, litigare molto bene ecc."


Di Nicola Pezzoli - "Chiudi gli occhi e guarda" NEO EDIZIONI



Commenti

  1. Ciao Simo!
    Anche a me è piaciuto molto questo secondo Corradino... - anche il primo mi era piaciuto, eh :) - Ma perché quel bacio ti ha fatto così schifo? :) spero che il piccolo Tigro stia bene, un bacio

    RispondiElimina
  2. Un grazie e un bacio grande, ma abbastanza grande perché ne resti un po' anche per il tuo bambino.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …