Passa ai contenuti principali

"NUA", la torta che impazza...


Mamita arriva spesso in ritardo: in ufficio, agli appuntamenti...e anche in questo caso ho scoperto solo ora una torta, la "NUA", che a quanto pare impazza da tempo sul web. Meglio tardi che mai. In effetti, è una bontà.
E' una semplicissima torta con in aggiunta della crema pasticcera e, volendo, frutta a pezzetti.
Dato che non voglio appropriarmi di meriti altrui, ecco qui la ricetta originale e di seguito vi espongo la mia con alcune piccole varianti e soprattutto con il procedimento senza robot.

INGREDIENTI PER LA CREMA PASTICCERA
200 ml latte intero
1 tuorlo
40 gr zucchero
30 gr farina "00"
scorza di limone grattugiata
1 pesca oppure 2 albicocche (oppure mela o pera)
estratto bio di vaniglia alcune gocce

INGREDIENTI PER LA TORTA
150 gr farina "00"
70 gr fecola di patate
3 uova
150 gr zucchero
100 ml latte intero
50 ml olio di semi
1 bustina lievito
estratto bio di vaniglia alcune gocce

CREMA PASTICCERA - PROCEDIMENTO
Portare il latte con la scorza grattugiata e l'estratto di vaniglia a sfiorare l'ebollizione. Spegnere il fuoco.
Sbattere il rosso d'uovo con lo zucchero e aggiungere la farina setacciata.
Amalgamare poco a poco il latte e riportare sul fuoco. Far rassodare la crema cuocendola a fuoco lento.



TORTA - PROCEDIMENTO
Sbattere con una frusta elettrica le uova (intere) con lo zucchero fino a ottenere una spuma chiara.
Aggiungere l'estratto di vaniglia, le farine setacciate con il lievito e infine l'olio e il latte continuando a sbattere con la frusta.
Mettere l'impasto in una tortiera a cerchio apribile foderata con carta da forno oppure in una semplice teglia imburrata e infarinata.
A questo punto distribuire sulla torta la crema pasticcera e poi la frutta a pezzetti.


Cuocere a 180°C per mezz'ora circa.
A piacere, spolverizzare con zucchero a velo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…