Passa ai contenuti principali

Chapati


Chapati, ovvero pane indiano, tanto per inaugurare la mia neonata passione per la cucina indiana. 
Ebbene sì, in questa bislacca estate annacquata dai monsoni  nostrani, a me è venuta una sana passione per questa affascinante e speziata arte culinaria. La visione del film, peraltro molto bello, "The lunchbox", ha dato il via al mio desiderio di realizzare il chapati, e di qui sono partita per il mio ideale viaggio culinario...poi chissà, un giorno...

Iniziamo con gli ingredienti...
300 gr farina integrale di grano tenero biologica
150 ml c.ca di acqua tiepida (*)
1 cucchiaino scarso di sale
1 cucchiaio di ghee (burro chiarificato) sostituibile con olio evo

Procedimento
Impastare tutti gli ingredienti fino a formare una palla soffice che dovrà riposare in una ciotola coperta con un canovaccio per almeno 20 minuti.


Formare delle palline uguali (con queste dosi ne vengono 8) e stenderle in forma circolare di c.ca 18 cm di diametro. I chapati devono essere abbastanza sottili.


Scaldare una padella antiaderente e far cuocere il chapati 1 minuto per lato finché si vedono delle piccole bolle in superficie.


Con delle pinze da pasta prendere il chapati e metterlo direttamente sulla fiamma del fornello per pochi secondi: si gonfierà rapidamente, quindi lo gireremo dall'altro lato e faremo lo stesso.
Il chapati è pronto per essere gustato e voi vi sentirete delle perfette donne indiane (o quasi...).


(*) ho provato a utilizzare, al posto dell'acqua, il siero di latte ricavato dalla preparazione del paneer. E' venuto un chapati estremamente soffice!

Commenti

  1. Ciao Simo! Proprio oggi mi era capitata tra le mani una ricetta di questo pane e ho pensato che la farò anche io... chissà se mi sentirò indiana :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, vai col chapati, poi mi fai sapere!! Un bacio!

      Elimina
  2. Sembra che tu dica "Chapati questo pane" :-) Molto bella Simo questa passione per la cucina indiana, che fra l'altro anche a me piace molto...anche se all'inizio anni fa pensavo che tutti i piatti si chiamassero tandoori! Bentrovata un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nico! Ben-ri-trovato a te! Favolosa la cucina indiana...a presto e buona domenica!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…