Passa ai contenuti principali

Pain d'épices


Profumo di cannella, zenzero, anice e miele.
Sentori natalizi, nordici, per un dolce leggero di origine francese facilissimo da preparare e che si presta a innumerevoli varianti.

INGREDIENTI
Farina "00" : 300 gr
Farina di segale: 100 gr
Latte intero: 250 ml
Olio di oliva: 60 ml
Miele di acacia: 300 gr
Spezie:
Cannella: 1 cucchiaino raso
Zenzero: i cucchiaino raso
Noce moscata: 1 cucchiaino raso
5/6 chiodi di garofano
3/4 "stelline" di anice stellato

Acqua o essenza di fiori d'arancio: a piacere

1 bustina di lievito per dolci
la punta di un cucchiaino di bicarbonato

PREPARAZIONE
Far bollire il latte con i chiodi di garofano e l'anice stellato;
filtrare il latte e versarlo sul miele, mescolando per scioglierlo;
aggiungere le farine precedentemente setacciate con le spezie, il lievito e il bicarbonato;
aggiungere infine l'olio e l'acqua di fiori d'arancio.
Foderare uno stampo da plum cake con la carta da forno (ungere lo stampo con olio di oliva così la carta da forno aderisce meglio).
Infornare a 170°C per circa 60' (controllare con uno stuzzicadenti la cottura!).



SERVIRE
E' buonissimo gustato con miele o melata; io l'ho servito, come dolce, come si vede nella foto, con uno zabaglione cui ho aggiunto panna montata e spolverizzato con cannella. Ideale accompagnare con un passito.
E' fantastico servito anche semplice con un té d'inverno, speziato, o addirittura a colazione al posto delle fette biscottate.

N.B. Solo facendolo si impara a dosare le spezie per dare la prevalenza a quella che si preferisce, a me ad esempio, piace far prevalere la cannella. Alcuni aggiungono uvetta o canditi, altri il cacao.

...Bon appetit!




La ricetta è liberamente tratta, con alcune modifiche sostanziali, dal mensile "Io Mediterranea" della "Fratelli Carli", mese di ottobre 2013. Ricetta originale a cura dell'Assocazione Cuochi di Torino.

Commenti

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …