Passa ai contenuti principali

La mia prima VERA pizza napoletana!


Me lo sono comprato: il magnifico libro "Passione Pizza" di Antonino Esposito, chef pizzaiolo sorrentino.
E mi si è dischiuso un mondo nuovo e affascinante.
Io quella cosa lì, morbida, malleabile, che profuma lievemente di lievito, che prende forma tra le mani, la adoro. Mi piace impastarla, reimpastarla, mangiarla cruda che mi viene una panza tanta e lei mi lievita nello stomaco e io lievito con lei.
La mia crescente passione culinaria mi è valsa una lievitazione di quattro chili belli e buoni negli ultimi mesi, (ben distribuiti nei posti più sbagliati) e la passione per gli impasti lievitati che mi sfondo ante e post cottura ha dato un notevole contributo al mio progressivo "espandermi". 

Prima però di pensare alla dieta che urge, vi devo raccontare della mia prima vera pizza napoletana.
Ragazzi, mi sono letteralmente esaltata quando, dopo 8 ore fuori dal frigo (come dice Antonino che ho seguito morbosamente alla lettera) il mio crìscito era vivo e mi parlava. Lì ho capito che avrei prodotto un impasto doc.

1,700 gr di farina... 1 lt d'acqua naturale ma non del rubinetto perché la nostra è troppo calcarea...
Ho pesato tutto al milligrammo, impastato, reimpastato e atteso per 3 volte i 15 minuti con la mia sveglia da cucina a coccinella che mi dava il via per un nuovo giro...dieci secondi per impastare e non uno in più!
Intanto la cucina veniva inondata mentre il Piccolo Tigro trasferiva tutti i suoi animaletti di gomma nel lavandino per far loro il bagno...ma io avevo occhi e mani solo per la mia pasta.

Copiando Antonino ho fatto i pesetti e me ne sono venuti proprio dieci! Ah che brava, ho sbagliato non solo lavoro ma anche a nascere in Piemonte, uffa.



Infine li ho portati a una festa nella cascina di amici con tanto di forno a legna per mettere alla prova il mio impasto doc.
Non vi dico il viaggio: il Piccolo Tigro, seduto sul seggiolino dietro, mi guardava come per dire "questa è tutta scema" mentre parlavo ai miei pesetti  in una cassetta sul sedile al mio fianco, preoccupata di mettere una leggera aria condizionata per non farli soffrire durante il viaggio dato il caldo afoso. 
Tralasciamo il fatto che ho rotto le scatole al povero Calogero, padrone di casa impegnato a preparare una sessantina di pizze con me al fianco che volevo provare a tutti costi a farne qualcuna con i miei dieci adorati pallini.

Ed ecco uscire dal forno la mia prima vera pizza. Non sarà perfetta, ma la assaggio e sento quell'inconfondibile profumo dell'impasto della vera pizza di Napoli, che solo chi l'ha assaggiata conosce. Un'emozione...



Bene, posso dirvi spassionatamente di comprarvi il libro perché ho capito che da anni facevo la pasta per la pizza e ho sempre sbagliato tutto o quasi. E' una scienza, quella della vera pizza. 

Un ultimo consiglio: la benedizione napoletana prima di infornare.
Se non disponete di un partenopeo a portata di mano, mi raccomando, non fatevi scappare mai un "boia fauss" che è la fine, s'ammoscia. Garantito da Mamita.







Commenti

  1. Che spettacolo!! Adesso però quel libro lo voglio anche io! :P
    Un abbraccio

    p.s. e chi se ne importa dei chili! Vuoi mettere che bontà una pizza così? :D

    RispondiElimina
  2. Compralo, è una rivelazione....e buone pizze!!
    Baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …