Passa ai contenuti principali

Treccia dolce dai mille profumi



Vi è un suggestivo paesino tra la Francia e l'Italia, a pochi chilometri dal Colle di Tenda, Breil-Sur-Roya, dove ci fermiamo sempre per una tappa nelle nostre trasferte oltre frontiera.
La tappa è ovviamente di stampo culinario, infatti la panetteria del paese offre invitanti prodotti di pasticceria oltre alle croccanti baguettes di tutti i tipi.
Qui ho scoperto la "Crescente de Breil", una mega focaccia dolce ricoperta di zucchero, fatta di pasta lievitata. Assomiglia alla treccia dolce, ma con qualche sapore in più, che ho identificato; ho quindi preso la ricetta base della treccia dolce aggiungendo semi di anice e aroma millefiori...provare per credere!

INGREDIENTI 

400 gr farina manitoba
25 gr lievito di birra oppure una bustina di lievito di birra essiccato
40 gr burro
100 gr zucchero
2 uova intere
80 ml latte
qualche goccia di aroma vaniglia
1 fialetta o alcune gocce di aroma millefiori
1 cucchiaio semi di anice
scorza di limone grattugiata
1 pizzico di sale


PER SPENNELLARE
1 uovo e 2 cucchiai di latte


DOPO LA COTTURA
poco zucchero e 1 cucchiaio di confettura di albicocche


PROCEDIMENTO
Intiepidire il latte e sciogliervi il lievito di birra con un cucchiaio di zucchero. Lasciar riposare finchè si svilupperà la schiuma.


Ora aggiungere alla farina setacciata, lavorare con una forchetta e unire il burro fuso, il restante zucchero, le due uova precedentemente sbattute, la scorza di limone, il pizzico di sale, l'aroma vaniglia e millefiori e i semi di anice.
Bisogna formare un impasto liscio e omogeneo, eventualmente aggiungendo farina se è troppo umido o altro latte se è troppo duro.
Fare una palla e lasciarla lievitare in luogo tiepido con un canovaccio  umido sopra per almeno tre ore (deve raddoppiare di volume).


A questo punto far rinvenire l'impasto. Alcune ricette dicono di farlo nuovamente lievitare per tutta la notte in frigo, io in genere procedo perché non ho tutto quel tempo e i pupi si vogliono mangiare la treccia al più presto.
Dividere quindi l'impasto in tre parti con un coltello, lavorare le tre parti (allungare tipo bastoni) e formare una treccia che dovrà nuovamente lievitare per un'oretta disposta sulla carta da forno, già pronta sulla teglia e ricoperta dal canovaccio umido.


Ora spennellare con l'uovo sbattuto insieme al latte e infornare in forno caldo a 180 °C per 30 min c.ca.
Quando la vedete dorata è pronta.
Appena sfornata, spennellare con la confettura di albicocche e spolverare abbondante zucchero che così non scivolerà via.


Buon appetito!










Commenti

  1. Lo conosco eccome questo dolce, come conosco Breil e la sua stazione di mattoni rossi.
    Grazie per aver messo la ricetta, lo farò di sicuro.
    PS:
    Forse un altro anno chiuderà la linea Limone-Ventimiglia/Nice, un vero peccato

    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorenzo! Non sapevo che chiudesse, un peccato davvero. Speriamo di no...ciao a presto!

      Elimina
  2. Domani la provo:) Mi fido di te e dei dolci francesi!
    Ciao:)

    RispondiElimina
  3. Ne facciamo uno simile nell'estremo Ponente ligure che è lì vicino a Breil. Al posto dei semi di anice però mettiamo semi di finocchio selvatico.

    RispondiElimina
  4. Può essere che mi sia confusa e che siano i semi di finocchio selvatico...non è che riesci a trovarmi la ricetta originale?
    Ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se me lo dicono sì, quando scendo al paesello. Tieni presente però che la forma non è proprio questa.

      Elimina
  5. Va benissimo, grazie! La mia è una libera interpretazione, mi piacerebbe tanto avere la ricetta originale!! O anche solo il nome del dolce (quello italiano, che vista la vicinanza a Breil sarà molto simile)...così lo cerco su internet...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …