Passa ai contenuti principali

Tempesta solare in corso



Per la sottoscritta è un potente alibi.
“Amore, sei leggermente nervosa, hai il ciclo?” chiede Lui timoroso.
“No, è la tempesta solare, l’ha detto anche la NASA”.

L’ultima tempesta degna di nota provocò, nell’800, una meravgliosa aurora boreale visibile fino a Roma e mandò in tilt i telegrafi, ma oggi potrebbe causare guai peggiori dato che dipendiamo completamente dall’elettronica.
Se la Nasa è preoccupata per satelliti, dispositivi elettronici, sicurezza nazionale e chi più ne ha più ne metta, c’è chi ipotizza improbabili stati alterati di coscienza.
Le tempeste provocherebbero stati di euforia o allucinazioni tipo ti fossi fatto ‘na canna o un bicchierino di Nebbiolo in più. In alternativa, ansia, depressione, nervosismo. Io, ovviamente, risento degli effetti nefasti, non di quelli inebrianti.

Ecco, tutta colpa delle tempeste solari. Lo sapevo, non mi bastavano gli ormoni che mi fanno incazzare come una iena ogni 28 giorni; credevo fossa tutta colpa della simbiosi col calendario lunare e ‘mo ci si mette pure il sole, una congiura.
Sarà per questo che si è bruciato il decoder sky? E il phon? E il microonde è sul punto di lasciarmi?

...E se fosse invece che quest’esubero di elettroni facesse bene alle piante?
Il mio gelsomino, ormai dato per defunto, ha messo delle foglie tipo limone, sembra aver subito una mutazione genetica...
...E se ‘sti elettroni provocassero picchi inaspettati nell’attività cerebrale? 
Vuoi vedere che ho capito perché mio figlio oggi ha preso 9/10 di matematica?

No, non mi voglio illudere, gli scienziati dicono che le tempeste del 2013 saranno debolucce rispetto a quelle di duecento anni fa, non provocheranno neanche spettacolari aurore boreali...niente di che, puzzette solari di poco conto.  


Immagine da meteoweb.eu

Commenti

  1. ah, il Nebbiolo, nettare adorato...
    ma Lui è timoroso di cosa? di esubero di elettroni o di forzata letargia agli ormoni? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roby!!! Qual buon vento? Qui tutti son timorosi, viste le mie esplosioni indotte da cariche negative...cani compresi che si nascondono sotto al divano...
      La letargia invece speriamo tardi ancora un po'...
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Dico la verità, il sottoscritto un po' ci spera, in certi eventi....
    Chissà che in seguito a qualcuno di quelli la segreteria di qualche scuola non si degni di affidarmi una supplenza!
    O (in alternativa) anche un sottoscala da gestire come aiutante-bidello.
    Mica sarebbe male, come alternativa... almeno per me, soprattutto di questi tempi!
    Tu che cosa ne pensi?
    Ciao.

    P.s. tuo figlio è quello che diceva strane parole come "tziu"? Tziu che tra l'altro, in sardo significa "zio." Avrete mica lontane ascendenze appunto sarde?

    RispondiElimina
  3. Ciao Riccardo! Quello delle strane parole è il piccolo cinquenne, quello che mi ha stupita con un 9 al 10 è il quindicenne...stasera giuro mi ubriaco (col Nebbiolo...).
    Penso che il precariato nella scuola sia una vergogna...eserciti di insegnanti senza posto fisso nè fissa dimora a volte. Spero che qualcosa cambi. Ma sembra sempre peggio!
    Ricordo a chi legge che per i cocopro/cococo iscritti alla gestione separata in via esclusiva, esiste la possibilità di percepire un'una tantum se si è avuto un periodo di disoccupazione di almeno 2 mesi nell'anno precedente. Vedere qui http://www.inps.it/CircolariZIP/Circolare%20numero%2038%20del%2014-03-2013.pdf
    Andando a un patronato si inoltra la domanda.
    Ciao Riccardo, in bocca al lupo e a presto!

    RispondiElimina
  4. Mmmm.....ora mi spiego tante cose! ....ma poi non si parla anche di un meteorite che sfiorerebbe la terra il 31 Maggio? mistero.. Ciao!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao cara Simo, mi hai fatto morire dal ridere come al solito. :)
    Un bacio grande

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…