Passa ai contenuti principali

Neve e tagliatelle alle castagne


Svegliarsi la domenica mattina sotto una coltre di neve.
Che bello restare in casa, guardare la neve fuori. Che bello cucinare, proprio come facevano le nostre nonne.

Da quando PapàC mi ha regalato la macchina per far la pasta, la famosa "Imperia", son tutta un fermento con produzioni varie di pasta fatta in casa, dalle lasagne ai "tajarin" ai ravioli che mi son venuti uno schifo ma la prossima volta andrà meglio.

Quando mi acchiappano questi metereo-attacchi dell'iper-massaia, il mio sito preferito è giallozafferano, fonte inesauribile di ricette perfette, ben spiegate e di sicura riuscita, ma questa volta ho trovato una ricetta interessante sul giornalino del Famila e ve la riporto, con qualche personale modifica.

TAGLIATELLE DI FARINA DI CASTAGNE CON SALSA DI TOPINAMBUR

Ingredienti (4 persone)

180 gr farina di grano duro
80 gr farina di castagne
2 uova intere
300 gr topinambour
4 fette speck (prosciutto crudo nella ricetta originale)
30 gr burro
30 ml panna
1 tazzina di latte
parmigiano reggiano
1 cucchiaio di olio
sale

Preparare la pasta per le tagliatelle unendo le due farine, le uova,  un bel pizzico di sale e un cucchiaio di olio di oliva. Se viene troppo duro e asciutto aggiungere poca acqua.
Tirare la pasta e poi procedere con le tagliatelle. Non spaventatevi se l'impasto non è elastico come quello che si fa di solito con la farina "00".





Ora pulire i topinambur armandosi di tanta pazienza, è una noia micidiale.
Invece di 300 gr come dice la ricetta, prendetene anche 100 gr in più, dato che molti se ne vanno pulendoli. Usare un pela patate è la cosa migliore.


Una volta puliti, tagliarli a dadini.
Sciogliere il burro in una padella e aggiungere i topinambur e mezza tazzina da caffé di acqua.
Far cuocere a fuoco lento 20 minuti con il coperchio. A fine cottura salare.



Togliere metà dei topinambur e metterli da parte.
Tagliare lo speck (o prosciutto crudo) a striscioline e aggiungerle in padella facendo rosolare qualche minuto (tenere qualche strisciolina di speck da parte per guarnire i piatti alla fine).
Mettere i topinambur lasciati da parte in un minipimer e frullarli con poco latte.
Mettere nuovamente questa crema in padella unendo anche la panna. Aggiustare di sale. Pepare se piace.

Nel frattempo portare a ebollizione l'acqua salata e cuocere le tagliatelle (7-8 min circa).
Scolare le tagliatelle e unirle in padella. Aggiungere il parmigiano reggiano grattugiato e infine servire nei piatti guarnendo con le striscioline di speck.


Come si dice dalle mie parti..."bon aptit", che si legge "bunaptit".

Commenti

  1. Uh farina di castagne e topinambur mi piacciono un sacco insieme!! Boneee le tue tagliatelle :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero buone...le abbiamo divorate!
      Ciao Elisa!

      Elimina
  2. questa me la segno, mi ha ingolosito

    RispondiElimina
  3. Mai mangiata la pasta con farina di castagne... sarà buonissima! :) Anche io ho la macchina per la pasta Imperia, ma non la uso tanto... mi sa che devo iniziare. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Fra, devi iniziare...è troppo divertente e si fanno un sacco di cose. Oggi ho fatto le bugie di Elisa...non belle come le sue ma buone!E ho appestato la casa con l'odore di frittura...
      http://www.saporidielisa.it/2013/01/bugie.html

      Elimina
  4. che bell'atmosfera mi ha regalato il tuo post!
    :)
    emme

    RispondiElimina
  5. Una ricetta che memorizzo volentieri e domani o domenica me la farò. Del Dolcetto o del Grignolino lo vedrei bene come abbinamento. Grignolino preferibilmente.
    Ciao e approfitto per dirti che ho riaperto il mio blog, l'indirizzo web nuovo è :

    http://www.logosnellanebbia.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, noi dolcetto di Nonno Mone (mio padre)...
      Memorizzo subito il tuo nuovo indirizzo e vengo a ri-trovarti!
      Ciao, a presto!

      Elimina
  6. Ciao..ti ho conosciuta oggi..ho già girovagato un pò nel tuo blog, sei simpeticissima.Ti ammiro per tutte le cose che fai.
    Io sono già nonna, e il tempo mi sfugge ancora di più...anch'io salto da un impegno all'altro ma forse con un pò più di tranquilltà, non avendo più l'impegno del lavoro e dei figli.
    Se ti va "passa a trovarmi" Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irma! Grazie e benvenuta. Verrò prestissimo a trovarti!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…