Passa ai contenuti principali

Maledetta comodità!

Basta lenzuola, con il pezzo sotto, il pezzo sopra e le coperte! 
Le usiamo solo più in Italia, le mamme europee mica stanno a perder tempo come noi: lenzuolo con angoli e sopra il piumone con il sacco. La mattina, in 3 secondi fai il letto che neanche te ne accorgi.
Ci ho messo un po' a scrollarmi di dosso le radicate abitudini ereditate da mamme e nonne e sono partita alla conquista di IKEA, sentendomi una gran figa. 
Bellissime le fantasie, soprattutto quelle per i bambini, colorate e coordinate...animaletti gufetti fiorellini...
Acquisto quindi due trapunte-caldo 5, sacco, lenzuolo e federe di ricambio; un paio di parures per Aladar (letto una piazza e 1/2) e altrettante per il Piccolo Tigro, cioè quattro completi, una cifra. 

Tutta felice ho dato una svolta alla mia vita, cacciando i sensi di colpa perché pure quelli mi son venuti, come se, un lenzuolo in meno, significasse trascurare le creature e non adempiere appieno ai miei doveri.
Relativamente facile con il singolo, non ci ho messo un granché a vestire il piumone...ma con quello grande ho sudato, imprecato e rischiato di buttare tutto nella spazzatura.
Piega il piumone, infila il sacco, ma il sacco è storto, cerca gli angoli, pinza gli angoli,  infilati nel sacco con la testa prima per sistemarlo, esci dal sacco, inciampati, cerca nuovamente gli angoli. Suda, suda...
Non è possibile, mi son detta. Sicuramente le svedesi conoscono il trucco!
Cerco su internet e trovo gente disperata quanto me:


Un altro dubbio mi assale: ma gli svedesi ogni quanti giorni cambiano le lenzuola? Ogni 6 mesi?
Non usando il lenzuolo sopra, il sacco funge da lenzuolo, quindi se non ogni settimana, almeno una volta ogni 15 giorni andrebbe cambiato, no? E io ogni 15 giorni mi devo fare un calvario del genere??? 
Per non parlare di quanto sono odiosi da stirare 'sti sacchi che non si piegheranno mai precisi come le vecchie lenzuola della nonna.

Ho poi trovato un video che spiega un trucchetto, che in realtà con i piumoni grandi e molto spessi non è che funzioni granché (io da sola non ce la faccio a fare la manovra!). Ma a quanto pare è l'unico sistema.

Mah, sarà anche più veloce rifare il letto la mattina, ma la paghi cara tutta 'sta comodità. Salvo dormire nello sporco. Che fa molto europeo.






Commenti

  1. Finalmente qualcuno con i miei stessi problemi!!!
    Cara Simona, per anni ho lottato con il piumone, tanto comodo quando sei a letto, ma così difficile per tutti gli argomenti così ben descritti da te.
    Ti lascio tutta la mia solidarietà:)
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Bene, allora non sono la sola! A presto, ciao!!

    RispondiElimina
  3. Ahah! Che bello sapere di non essere l'unica! Io ogni volta sudo, impreco, mi maledico per aver comprato il piumone Ikea. Che poi io il sacco lo uso come copriletto e non come lenzuolo, quindi lo cambio meno spesso, ma ogni volta un vero calvario, hai ragione!
    Io pensavo di scrivere all'Ikea e proporre di aggiungere delle specie di bottoni interni per fissare gli angoli ahahahah!
    Ora proverò a fare come il tipo del video...anche se dubito di riuscire a farlo con quell'agilità, perché il mio piumone è quello più spesso ç_ç
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, anche il mio è troppo spesso e pesante!

      Elimina
  4. è solo una questione di abitudine, io ci metto un minuto.
    se sono da sola ce ne metto due, quindi di solito mi faccio aiutare da mio marito.
    a volte per non cambiare tutto il sacco metto un lenzuolo tra il sotto e il sopra, ma non è molto comodo ...
    coraggio ce la puoi fare!

    RispondiElimina
  5. Cara Simona, proprio oggi, come regalo della Befana mi sono fatta il "cambio" del sacco!!!!.... Bravo quello del video che lo fa in un secondo e mezzo, l'ho visto fare da una cameriera in hotel a Berlino, però un particolare: non essendo più io una giovane tuttofare e avendo un discreto dolore alle spalle, è una chimera poterlo fare senza imprecazioni, salvo chiedere aiuto a Soffio... ma se sta scrivendo un post non ci sente, e poi dirmi: "comodi però i piumoni dentro al sacco" Buona notte nel sacco pulito!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente i sacchi di stoffa lucida vanno meglio. Io ne ho una di stoffa pesante che non scivola ed è un incubo!
      Ciao e benvenuta!

      Elimina
  6. L'idea del sacco è troppo bella, anche eprchè non sei costretta a vedere lo stesso piumino per tutti i mesi invernali!
    Però cambiare il sacco matrimoniale da sola è un dramma.... io mi ci infilo dentro per stenderlo meglio!

    RispondiElimina
  7. Pensa che mia madre mi aveva fatto un corredo pieno di lenzuoli e invece io e Andrea, dopo un viaggio in Olanda nel '94, decidemmo che una volta sposati avremmo preso un sacco con piumone, perché lì ci eravamo trovati tanto bene. E tutt'ora uso il sacco sia per noi che per la Ali.E' difficile che io metta il piumone nel sacco da sola, in genere si fa in due, è più comodo, con la stessa tecnica di quell'omino lì. E poi cambio il letto ogni sabato, ma ovviamente per farlo ho tre parure di sacchi ;-) Minimo minimo ne devi acquistare due, uno solo no, per lo stesso motivo che dici te. Tanti baci bella mia!

    RispondiElimina
  8. Condivido il tuo "problema"... ma, dopo tanti anni, ti assicuro che, pur restando sempre un'attività molto scocciante, mettere il piumone nel sacco non è così complicato (anche da soli)... :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …