Passa ai contenuti principali

Le minchiamamme: pericolo scampato?

Guida semiseria per genitori e figli "DSA"



Categoria che proprio non sopporto. Le prenderei tutte a schiaffoni, ma non potendo mi limito a denigrarle sul mio blog, dove tutto sommato godo di relativa libertà.

Le minchiamamme sono quelle fanatiche che, quando il piccolo è ancora nella pancia, già hanno deciso che sarà il più furbo-intelligente-dotato sulla faccia della terra.
Sarà il primo a spannolinarsi, il primo a camminare, il primo a mangiare da solo. Alle elementari sarà il più bravo e il più intelligente, idem alle medie. Poi farà il liceo, che ormai tanto tutte le scuole si chiamano licei, quindi le va pure bene, alla minchiamamma. All’università ne saprà più dei professori e avanti così in un turbine di grandi successi. Praticherà lo sci-il nuoto- il tennis-la pallavolo e suonerà (magnificamente) uno strumento.

I casi sono due: se la minchiamamma è fortunata, andrà davvero così e lei si esalterà sempre più, si proietterà completamente sul poveretto che dovrà dare così un senso all’insulsa vita della cretina madre; nel secondo caso il figlio non risponderà alle aspettative e la minchiamamma si sminchierà, diventando una normale mamma come tutte e magari anche simpatica e umana.
Il tipo inferiore di minchiamamma, quella proprio deficiente irrecuperabile, andrà in depressione totale (cavoli suoi).

Le mamme “DSA” sono marce di colloqui frustranti con gli insegnanti, non ne possono più di sentirsi dire che i figli non capiscono un tubo e sono lenti e non copiano dalla lavagna e non è mica vero che sono dislessici perché sono solo distratti…talmente stufe che, mentre aspettano il loro turno davanti all’aula, sentire lo starnazzamento delle minchiamamme gasate come bertucce dei dieci a ripetizione dei loro pargoli, provoca loro istinti omicidi.

Purtroppo esistono anche le minchiamamme DSA: son quelle che hanno girato il punto di vista e ti dicono che il loro figlio, proprio perché dislessico, è il più intelligente di tutti tipo Einstein e magari anche figo come Tom Cruise, entrambi dislessici. Niente di più folle, chiedere al proprio figlio di essere un genio: probabilmente, nel 99 % dei casi, il bambino sarà pienamente consapevole di non essere né un genio, né uno strafigo e in più dislessico, quindi doppiamente frustrato.

Imbecilli a parte, in linea di massima noi mamme DSA dovremmo essere meno a rischio di diventare minchiamamme. Occhio però…



immagine tratta da google immagini

Commenti

  1. le minchia mamme sono una categoria che non conoscevo... :)))

    RispondiElimina
  2. Eh eh prima o poi ne incontrerai una...tutta ispirata che ti racconterà qualche cavolata...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …