Passa ai contenuti principali

Con gli occhi al cielo


Timoroso, emozionato, forse anche un po' impaurito, mi hai chiesto di andare a vedere il cielo, perché ti ho spiegato che Babbo Natale, quello vero, può essere visto solo dai bambini la notte di Natale.

Ci siamo seduti sulla poltroncina alla finestra nella camera buia per vedere meglio la notte fuori...stretti stretti, con la tua soffice guancia premuta contro la mia e il tuo corpicino che quasi tremava per l'emozione. 

Il nasino all'insù, perso nella fiaba scrutando il cielo alla ricerca di un bagliore, mi hai regalato un istante eterno, scolpito indelebilmente nel mio cuore, ed io spero di averti regalato un frammento di magia, che tu possa portare con te per sempre...



Immagine tratta da google immagini

Commenti

  1. ciao Simo! gli auguri te li ricambio qua :*

    RispondiElimina
  2. Ricambio gli auguri di buone feste, graditi Simona. Grazie di cuore: sei sempre molto gentile. A presto
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Un momento magico così dolce e bello che non resta che augurarne di simili a tutti gli abitanti di questo malconcio pianeta...
    Auguri, grandissima amica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri a Te, caro Nic, che usi le parole con la stessa facilità con cui io mi sfondo chili di struffoli...

      Elimina
  4. Merci pour cet inoubliable moment de poésie qui à défaut de nous faire croire au père Noël, nous fait regretter de ne plus être un enfant.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merci à toi, de tout coeur et bienvenu ici!

      Elimina
  5. Quel instant filé d'émotion lorsque la sensibilité humaine rejoint la part immatérielle et fantastique des rêves et des fantasmagories!
    Ingénuité qui n'est pas naïveté mais seconde naissance à l'altérité des songes.
    Fabuleux en quelque sorte!
    Certo, favolosa Simona!

    RispondiElimina
  6. Grazie, penso che la magia di una fiaba possa renderci più forti per tutta la vita...
    Ancora Auguri, Versus!

    RispondiElimina
  7. bello... che dolce momento... tanti auguri Simo a te e alla tua bella famiglia, cani compresi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grqazie Fra, auguri a te di un sereno 2013!

      Elimina
  8. Un momento che solo una mamma può regalare :)

    RispondiElimina
  9. Davvero bello Simo! Questo pezzo, anche se prosa, è invece pura poesia! Buon anno Simo, un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …