Passa ai contenuti principali

Io Puta! Può interessare?

Prostitute e teorie economiche.


Magistrale interpretazione. Meraviglioso film.
Bella Vassilissa, quando le pute erano genuine e avevano il loro ruolo, quasi materno. Quando le puttane si chiamavano puttane. Oggi tutto è cambiato.
Le pute di oggi chiedono sostanziosi risarcimenti danni morali per essere ingiustamente passate per zoccole nei vari scandali. Perché loro sono invece ragazze piene di meriti, dato che con i 2.500,00 euro mensili (con accredito tramite bonifico continuativo!) più una tantum varie ci si pagano l'università, la casa...vere e proprie manager di se stesse. Diecimila euro per l'onomastico più buste qua e là sui cinquemila a botta. Ma loro sostengono di non averla data. Mitiche.
Trombare con il Benefattore ed entourage vario a quanto pare è un po' come iscriversi a una Cassa Previdenziale per la libera professione di prostituta. Un Inps di lusso che non paga solo malattia o maternità. Mica male!
Son convinta che se avessero fatto i provini tipo Grande Fratello per partecipare ai festini ad Arcore sarebbero arrivati pullman da tutta Italia stracarichi di aspiranti pute. Ah se avessi una ventina di anni in meno   sì che mi facevo la pensione!
Loro, le Olgettine, gli vogliono un gran bene al Benefattore e si augurano che campi cent'anni! Che tenere...

Potremmo però girare il punto di vista e chiamarla "redistribuzione della ricchezza": i Signori del Potere ne hanno tanti (e rubati) e giustamente li redistribuiscono (peccato che i beneficiari non siano coloro ai quali tale ricchezza è stata sottratta, cioè TUTTI i cittadini italiani ma solo Avvenenti Signorine). Ma non andiamo troppo per il sottile.

Le Avvenenti Signorine provvederanno a loro volta a spendere e sperperare velocemente tale ricchezza ed ecco confutata la "Teoria degli ingorghi" di Thomas Robert Malthus secondo la quale "Gli eccessivi accumuli di denaro tendono inesorabilmente alla speculazione finanziaria, piuttosto che agli impieghi nell'economia reale".
Le belle signorine quindi sottrarranno denaro alla speculazione finanziaria per destinarla all'economia reale.

Vuoi vedere che saranno ancora loro a salvare l'Italia?

Commenti

  1. Mediterraneo é un film fantastico, anzi, onirico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avrò guardato una decina di volte. Lo so quasi tutto a memoria!

      Elimina
  2. un capolavoro!
    riguardo all'ultima domanda: assolutamente sì ;)
    baciotti

    RispondiElimina
  3. Ciao Mamma Lellella! Come stai? Da quanto tempo...un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. E intanto in Bangladesh ( ma,...solo ,là) c'è una intera isola con bimbe e donne ridotte a schiave del sesso. E domani è "giornata" contro la violenza sulle donne...
    Mah...io comincio a essere troppo vecchio ho paura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, c'è una sostanziale differenza tra le donne e bambine ridotte a schiave del sesso e queste nostrane imprenditrici del sesso. Anche se anagraficamente ancora minorenne, non vedo una Ruby come schiava...se lo diciamo ci ride ancora sulla faccia!
      Le donnine di Arcore hanno scelto deliberatamente, le donne schiave sono una terribile vergogna del nostro mondo schifoso.
      Ciao Sandra, un abbraccio!

      Elimina
  5. Vengo direttamente dal blog di mammola, e ho sbirciato un sacco di post. Tutti molto interessanti e per molti ci è' scappato anche un bel sorriso che di questi tempi non guasta. Continuerò di sicuro a seguirti. Piacere di conoscerti sono Mamma Piky....e per quanto riguarda questo post....non so se purtroppo o per fortuna, ma forse il mestiere più vecchio del mondo ci salverà!

    RispondiElimina
  6. Benvenuta mammapiky!! Vengo anch'io a trovarti...a presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …