Passa ai contenuti principali

Finiremo a gambe all'aria?


Dobbiamo proprio trovare il modo per dire che i Maya avevano ragione. A costo di estinguerci come i dinosauri.
Le ultime notizie che avvalorerebbero la profezia sono l'asteroide che ci sfiorerà a  febbraio (non dicembre!)  e l'inversione del magnetismo terrestre a breve termine.
Quindi? 
Niente. Tutto come prima.

Per noi ignorantelli in materia, la prima cosa che ci vien da pensare quando si parla di inversione di poli, è di ritrovarci a testa in giù e gambe in su. Invece no, trattasi di inversione di magnetismo, cosa che a quanto pare accade ogni 200 mila anni in maniera graduale, ma sembra possa accadere anche in maniera abbastanza repentina. 
Sugli effetti di tale inversione non ci sono certezze, solo ipotesi. Non ci resta che stare a guardare. 
...Ma i magneti del frigo si attaccheranno ancora...?!? Mica voglio buttar via i miei bei magnetini di Napoli, Sevilla, Ostuni...

A me i poli magnetici si girano costantemente una volta al mese; posso dirvi che gli effetti non sono poi così devastanti.
Niente terremoti, eruzioni vulcaniche o glaciazioni, semplicemente qualche eruzione di brufoli, qualche urlo in più, ritenzione idrica, insofferenza. Sì, in effetti le torte si ammosciano, i muffins non crescono e le piante ingialliscono. Ma c'è di peggio. I miei figli, compagno e cagnoline hanno imparato a sopravvivere alla mia inversione di poli. Le piante ho imparato a non annaffiarle finché i poli non rientrano nella norma.

Per quanto riguarda l'asteroide, niente paura. Passerà vicino ma non ci sfiorerà neppure. Forse per il 2020 ci sarà qualche probabilità in più, ma per allora avremo il tempo di costruire una bella navicella spaziale kamikaze per distruggere la piccola asteroide rompi scatole.

In compenso le va bene a  Margherita Hack che venderà un bel po' di copie del suo libro "Stelle da paura".
Foto tratta da questo sito

Tempi strani questi. Tutto va a gambe all'aria, in Italia e non solo, e noi alziamo gli occhi al cielo in attesa di risposte-radicali. 
Tiriamoci su le maniche, che i Maya mi sa tanto che si mangiavano un po' troppi "teonanacatl".


Immagini tratte da google immagini

Commenti

  1. Ed in più non sono stati in grado di predire nemmeno la loro di estinsione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovevano mangiarsi i funghi porcini! Molto più buoni!!

      Elimina
  2. Ma... in attesa della fine del mondo, non dovevate venire a Genova?!
    È stata una serata meravigliosa, all'insegna della Narrativa, della Gastronomia e soprattutto dell'Amicizia, ma tu un po' mi sei mancata... :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero convinta che sarebbe stato di sabato...ho organizzato tutto per poterci essere, ho anche fatto spostare le lezioni di recupero a scuola a C.! Poi riapro la mail per controllare il posto e guardarmelo su google map e mi viene un colpo! Di venerdì no! Non potevo proprio: C. a scuola fino alle 20.30 io con il piccolo era impensabile che mi mettessi in macchina...e così non c'eravamo. Mi dispiace tanto, tantissimo. Ma recupereremo. Garantito! Un bacio!

      Elimina
  3. p.s. Ho imperdonabilmente visto solo adesso sia il post sulla splendida Vassilissa sia, soprattutto, quello sulla nonna bis. Sulle prime mi è preso un colpo: vuoi vedere che siamo parenti??!! Anche mia nonna è morta un sabato di inizio novembre a 97 anni!!!! Non sarà mica la stessa persona!!!! Poi però ho controllato le date: la mia era il sabato prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile...se non altro abbiamo in comune un buon dna. 97 anni è un traguardo di tutto rispetto! Un abbraccio e un pensiero alla tua nonna...

      Elimina
  4. niente paura, niente paura... il massimo che possiamo fare è vivere ogni giorno come fosse l'ultimo. Non lasciarci alle spalle niente di cui provare rimpianto o rimorso. La vita è bella, anche se finisce domani con un colpo di elettromagnetismo inverso :)

    RispondiElimina
  5. "Vivere ogni giorno come fosse l'ultimo" è saggio. "Non lasciarci alle spalle alcun rimpianto" è decisamente più pericoloso...:-)
    Ciao Giorgia!

    RispondiElimina
  6. l'unica cosa da paura è la faccia della Hack!!!
    Un abbraccio Simo

    RispondiElimina
  7. Molto bene...allora visto che il mondo non finirà prima di Natale posso cominciare a scrivere la mia letterina a Babbo Natale...besitos

    RispondiElimina
  8. Io non credo alla profezia del 21 dicembre, ma purtroppo siamo veramente giunti al punto più basso della storia e solo un cambiamento nelle nostre menti, può garantire il futuro.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno, Cavaliere oscuro. Ciao!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …