Passa ai contenuti principali

Genitori anziani e affido

Immagine da google immagini

Mi riallaccio all'argomento del precedente post, dove ho volutamente ironizzato.

La scienza ci inganna, illudendoci di poter restare giovani per sempre, fertili per sempre, belli per sempre. Ma purtroppo non è così!
Non è un lifting che ti sconta 20 anni, non è una gravidanza a 50 anni con bombe di ormoni che ti ridà la fertilità di una ventenne.
L'illusione di aver vinto sulla natura è pericolosa; questi anziani genitori dovranno fare, loro malgrado, i conti con la paura di non farcela a vedere il loro figlio maggiorenne.
Ma questo non vuol dire che non saranno genitori migliori di tanti altri.

Quello che dà da pensare è un altro caso: la Corte d'Appello di Torino ha dichiarato adottabile una bambina di 2 anni e mezzo, tolta a genitori troppo anziani ( 71 lui e 59 lei) e con grossi ed evidenti limiti nelle capacità genitoriali. Qui la notizia.

In realtà l'età avanzata non sarebbe l'unica motivazione, ma a quanto pare, benché non vi siano serie patologie della personalità, i genitori erano stati ritenuti incapaci di interagire con la figlia (???) per una strutturazione della personalità di entrambi; parlano di una madre per la quale è prioritario il bisogno narcisistico di avere un bambino (che scoperta), di un padre dipendente dalla moglie e di un comportamento narcisistico ossessivo e antisociale della coppia.
C'è anche un'ambigua denuncia penale nei confronti del padre che, secondo una vicina di casa, avrebbe "abbandonato" la piccola di 1 mese in macchina per scaricare la spesa...scagli la prima pietra chi non l'ha mai fatto!

L'età sarebbe quindi uno dei fattori che hanno fatto pendere l'ago della bilancia, non l'unico. 
In ogni caso, quello che allertò i servizi sociali e la procura dei minori quando la mamma era ancora nel reparto maternità fu proprio l'età avanzata (leggi qui). Non fosse stato per l'età nessuno si sarebbe mai posto alcun problema. 

Quali siano poi questi GRAVI LIMITI nelle capacità genitoriali, decisi a priori, in quanto l'affido è scattato quando la bambina aveva pochi mesi e non in conseguenza di un reale disagio accertato, vorrei proprio capire. 
In sostanza, in base al parere degli esperti, questa coppia è stata dichiarata incapace di crescere un figlio prima ancora di poterlo fare! Voglio sperare che ci siano gravi motivi che non ci hanno detto.

Già in affido dal 2011, la bambina ha continuato a vedere i genitori, ma ora è stata dichiarata adottabile e non potrà più vederli. Se la Cassazione dovesse ribaltare la sentenza, sarà un nuovo trauma per la piccola.

Ma siamo pazzi??

In Italia la legge consente di ricorrere alla fecondazione assistita solo in età fertile, quindi già dopo i 40 è sconsigliata. In pratica non puoi utilizzare ovuli di altre donne ma solo i tuoi e difficilmente over 45 ne hai ancora di buoni.
All'estero invece si può e la legge italiana non condanna chi va all'estero a effettuare la procreazione assistita! Poi però il Tribunale dei Minori ti toglie il figlio perché sei vecchierello. Lo dà in affido e dopo un paio di anni ti dicono "eh no, ormai sarebbe traumatico modificare i suoi attuali punti di riferimento, quindi non solo resta dov'è ma tu non lo vedi più".

A Carmen Russo sicuramente questo non capiterà, perché lei è una equilibrata mamma over 50, lo sappiamo tutti...non è "narcisista e istrionica" e lui non è un "bunomet" come il torinese, vero? (E soprattutto avrebbe in tal caso i soldi per pagare fior fior di avvocati). Poi il loro è un "dono di dio", quindi non si può obiettare nulla.
  
Ma parliamo della bambina di Torino, che non vedrà più i suoi genitori, in quanto risultano per la bambina "fonte di reale angoscia e di constatato turbamento" (e vorrei vedere!).

Allora facciamo due cose:

1- Emaniamo una legge che vieti di ricorrere alla fecondazione assistita, anche all'estero, oltre i 45 anni.
Se resti incinta in modo naturale a 45 anni (e succede) dimostra che hai trombato (e dì che lo hai fatto in Italia, per maggior sicurezza ) altrimenti scappa a gambe levate o ti tolgono il figlio, occhio.
2- Poi andiamo ancora di più a monte: per tutti una bella indagine psicologica pre-concepimento, così sterilizziamo tutte le coppie che non sono ritenute idonee (in base a insindacabile giudizio dei Consulenti del Tribunale dei Minori). 
Segue che i figli, anche tramite procreazione assistita, li potranno fare solo quelli sani-giovani-belli-perfettamente equilibrati...l'aveva più o meno già detto qualcuno o sbaglio?

Risultato: ci estingueremo.
Meglio così. 


Una sentenza che fa pensare, che suona come un terribile monito dall'alto. In questo accanimento...dov'è l'interesse superiore del fanciullo???


Legge 27 maggio 1991 n.176
Art.3 c.1
 In tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza sia delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorita' amministrative o degli organi legislativi, l'interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.

Commenti

  1. Essendo i Genitori residenti a Mirabello Monferrato, i giornali e la tv locale avevano dato ampio risalto alla vicenda...
    Al tempo del lieto evento di Gianna Nannini (54 anni, se non ricordo male) pubblicai un post sul blog che avevo aperto con Libero in cui esplicavo i miei dubbi pensando semplicemente che personalmente non me la sentirei di contribuire a procreare un Figlio all'età in cui si potrebbe auspicare di godersi i Nipotini. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto si è detto e tanto si dirà. Intanto la scienza va avanti e ci consente di abbattere alcuni limiti ma non tutti. Chissà, forse un giorno vivremo 200 anni e a 100 saremo dei ragazzi. Purtroppo per ora non è così.

      Elimina
  2. mmm... ottima la tua provocazione di sterilizzare tutte le coppie (anche e soprattutto giovanissime) non idonee... solo che poi nascerebbero poche decine di bambini all'anno invece dei milioni che nascono ora... :-))))

    nello specifico, anche se non capirò mai quest'ossessione di dover per forza procreare, penso che i casi in cui intervenire portando via i figli sarebbero ben altri... (a cominciare dalle famiglie in cui si inculcano pericolosi fanatismi religioidi ecc.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, con tutto il lavoro che c'è da fare...basterebbe andare in giro nelle grandi città a salvare dall'accattonaggio i bambini. Maltrattati, abusati, ... invece di accanirsi su mamme forse un po' egoiste nel loro desiderio di maternità...e ti credo, una vita sognando un figlio che non arriva non è cosa da poco.

      Elimina
  3. Ma che bello il tu post, una volta tanto tratta un argomento serio e va sino n fondo alle estreme conseguenze di tutte le stupidate che si dicono a proposito della fecondazione. Ma ci vuole tanto ad accogliere semplicemente tutti i figli che ci dona Dio? lui come sempre e' il più saggio di tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e una volta tanto mamma Simo scrive un post serio...:-)
      Ciao Giorgia, un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…