Passa ai contenuti principali

Adolescenza



Adolescenzaquel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato infantile a quello adulto dell'individuo - Fonte WIKIPEDIA

Ridatemi il mio cucciolo! Quel paciarotto, dolce caro amorevole bimbo!
Che cos'è questa creatura polemica incavolata sboccata antipatica?
Adolescenti: e speriamo che sia davvero solo un periodo transitorio.
Vivono costantemente chiusi a chiave nella loro camera; temperatura 30° C,  zero ossigeno (finestra chiusa per carità non apriamo), tasso di umidità 100%. Spesso al telefono, su internet o in allenamento pollici con l'xbox. 
A volte cantano - e sono canzoni orribili; a volte gridano e sghignazzano tra loro - e sono parolacce e cretinate colossali. Il loro mito? I soliti idioti al motto, ripetuto circa 2000 volte al giorno, anche a sproposito, "DAI CAZZO!".
Non si lavano - sono idrorepellenti e neanche puoi più entrare in bagno mentre sono sotto la doccia e dargli una bella strigliata con la spugna-carta vetro. 
Si riempiono di gel per capelli, producendo tutta quella polverina bianca, portano i jeans in fondo al sedere e sono stanchi, sempre stanchi e annoiati.
Comunicano (con te) con frasi tipo "non rompere", "non capisci un tubo", "fatti curare". Hanno un acuito spirito polemico su qualsiasi argomento. L'importante è andare contro. Di te.
Passano dall'arroganza più odiosa all'apatia più totale...poi, all'improvviso, ti chiamano:
"Mamma, vieni un attimo, devo dirti una cosa..."
"Cosa cavolo vuoi!?"
"Ti voglio beeeeene......"con quel faccino tornato per un istante quello di quando ancora te lo coccolavi e mangiavi di baci...e tu, naturalmente, ti sciogli come una caramella mou.


Immagine tratta da google immagini

Commenti

  1. Un bel giorno, quando si troverà davanti a una situazione in cui si dovrà realmente comportare da adulto scomparirà tutta questa rabbia, farà puf per magia: sarà diventato come te. E si pentirà di tutte le cavolate che ha detto / fatto... perché ti considererà una sua pari. Adesso invece sa di essere un bambino, e pensa che sia la tua autorità a non farlo crescere. In bocca al lupo, l'adolescenza, grazieadio, passa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, passerà...nel frattempo teniamo duro!!!

      Elimina
  2. E quando sfidano i padri o le femmine le madri? :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare è il passaggio indispensabile per affermare la propria personalità...e allora va bene così...

      Elimina
  3. Età brutta, delicata, difficile, in cui si impecoroniscono, e si vergognano di ammettere il bisogno di dare e ricevere affetto (specie quello materno). Ma per fortuna la loro vera natura rimane quella che dici alla fine. Ci vuole tanta pazienza.

    p.s. gli adolescenti mi sconcertano, ma gli adulti ancora di più. Fortunati quelli che rimangono bambini... :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, la loro natura è quella. Ah, che bello poter conservare l'animo dei bambini. In ogni caso anche l'adolescente più incazzato è sempre migliore di qualsiasi adulto.
      Purtroppo è così: l'essere umano, diventando adulto, SI ROVINA! A parte quelli che restano un po' bambini...
      Un abbraccio

      Elimina
    2. p.s. La tua "Dedica" è più azzeccata che mai...

      Elimina
    3. non a caso le parole adulto e adulterato hanno molto in comune... :)

      Elimina
  4. Ahahahah come mi ricordo 7/8 anni fa in cui ero così. Povera mamma, l'ho fatta dannare a son di rispondere male!

    RispondiElimina
  5. Beata te, questo significa che sei giovanissima...io ero così quasi una trentina di anni or sono...ahhhhhhhh!!!!!!!!!!!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Passerà! Però, per ora, non ti invidio nemmeno un po' :)))

    RispondiElimina
  7. Non ci sono ricette per l'adolescenza (e meno male!!!)
    Tu sei in vacanza??? Non ti vedo ultimamente.
    Ciao :)
    Lara

    RispondiElimina
  8. Oddio...ho già l'ansia per quando arriverà quel momento!!!

    RispondiElimina
  9. Ricordi che anche tu sei stata antipatica scontrosa e attaccabrighe? :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …