Passa ai contenuti principali

La Felicità è a portata di mano


"Mentre stai  lavando i piatti, prega. Ringrazia per il fatto di avere dei piatti da rigovernare: vuol dire che c'era del cibo, che hai nutrito qualcuno, che ti sei occupata di una o più persone con affetto, cucinando e apparecchiando. Immagina i milioni di persone che, in questo momento, non hanno alcun piatto da pulire, o nessuno a cui preparare la tavola"
La strega di Portobello - Paulo Coelho

Questa sera avrò undici persone a cena. Che culo, eh?



Commenti

  1. ahahah! me fai mori'... se mai verrò a mangiare da te voglio un piatto per ogni maccherone ok? :D

    RispondiElimina
  2. parecchio! :)
    ma se sei lavastoviglie munita è ok! :)

    RispondiElimina
  3. ce la farai Simo!!!
    In bocca al lupo

    RispondiElimina
  4. Non ti bastano tutte le preghiere esistenti allora quando laverai i piatti. Io pregherei ad alta voce affinchè qualcuno ti dia una mano :) In bocca al lupo o, come diciamo dalle mie parti, tenti reid.
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, quelle ad alta voce hanno funzionato...alla grande!
      Baci

      Elimina
    2. Bravo, quelle ad alta voce hanno funzionato...alla grande!
      Baci

      Elimina
  5. Questo genere di "ringraziamento" è una delle cose che mi fanno odiare le religioni... ma come, uno crede in un Essere Giusto e Perfetto e Buono, lo ritiene in grado di intervenire nel mondo (altrimenti non lo ringrazierebbe) e lo ringrazia perché dà la pappa a lui e lascia morire di fame chissà quanti bambini?
    Peggio di così ci sono solo quei calciatori cretini che lo ringraziano per un gol (e per i milioni di euro)...
    Certe "preghiere", caro Coelho, sono peggiori delle bestemmie...
    Lo diceva anche Levi, che è un abominio benedire laddove qualcun altro è maledetto... Dio li vomiterebbe a terra, certi ringraziamenti...

    p.s.
    la verità è che sono geloso perché non sarò tra quei fortunati invitati (loro sì hanno qualcuno da ringraziare: TE!) e allora me la prendo con Coelho... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quand'è che tu e Robydick ci venite davvero, qui?
      Noi vi aspettiamo e lo sapete!
      Baci!!
      p.s. sono visceralmente d'accordo con te su tutto ciò che hai scritto, anche se ammiro chi ha una grande e incrollabile fede e sa pregare davvero con il cuore.

      Elimina
    2. Anche io sono molto d'accordo con lo zio, spesso mi sono chiesto in passato come fosse possibile tutto questo! E ringrazio lo zio per aver finalmente detto qualcosa contro il calcio! Secondo me il calcio è proprio questo! Invece cara Simo è più facile che anche io salga a Milano a pranzo o a cena con Roby e Nick, per cui mi sa che devi venire anche tu! :)
      PS. Poi com'è andata?

      Elimina
    3. se c'è sempre quella certa libreria di quella certa tua amica, quest'autunno si potrebbe organizzare una bella presentazione, magari con la musica di Corrado, e approfittarne per trovarci in tanti amici bloggers... per ora non aggiungo altro per scaramanzia... :)

      Elimina
    4. Ok Nico, ci sto! Vada per Milano!!
      ...Sentito...zietto e Roby???

      Zio dammi il via e io mi attivo!!
      Ci sentiamo via mail così ci prepariamo all'evento...questo mi dice che è in arrivo il tuo nuovo lavoro...ma lo sai che il nostro comune amico blogger francese Versus è un grande artista nonché illustratore? Ci hai pensato? vai a vedere che bei lavori! E poi è una persona stupenda!
      A presto!

      Elimina
    5. la risposta a Nico mi dice che potremmo vederci addirittura due volte... se poi invece di Milano fosse Varese, meglio ancora (più bello il panorama e più vicino per me...) :D

      sì, ho già sbirciato da Versus, è davvero un altro di quegli artisti che sarebbe bello incontrare...

      Elimina
  6. Io ho dato nel week end...sabato a cena e domenica a cena... io e te sì che siamo felici eh Simo??!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le fortune abbiamo noi...e neanche lo sappiamo!!!:-)

      Elimina
  7. ESSI', ti tocca, e ringrazia la sorte benevola. Qui è una roulette, c'è chi azzecca il pieno e chi nasce in un mondo disgraziato e non azzecca mai niente.
    Cristiana

    RispondiElimina
  8. Se, sei una buona cuoca a parte le pentole dovresti avere ben poco da pulire a livello di piatti e poi puoi sempre coinvolgere il Maritino nella fase di lavaggio piatti...
    Mentre per quanto riguarda le belle parole di Coelho prima di lamentarci dovremmo sempr3e soffermarci su chi è meno fortunato di Noi. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace scherzare, in realtà mi ritengo MOLTO fortunata per tutte le meraviglie che mi circondano, figli e compagno al primo posto!

      Elimina
  9. Risposte
    1. Stanchezza...mal di schiena...stamattina 'na cozza in ufficio...ti basta?

      Elimina
  10. Risposte
    1. No, sola no...ma è stata una bella fatica lo stesso!
      Ciao Alberto!

      Elimina
  11. Ah, be'! Rimane da ricordare la grande frase di Paulo Coelho, allora!

    RispondiElimina
  12. ti stavo per lasciare un commento commosso, quando ho letto la frase finale del post: sei un mito!!! Ciò non toglie che hai postato una riflessione molto bella. In questi giorni di freddo,a d esempio, io non riesco a non pensare a chi si trova in strada la notte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In pratica rovino sempre tutto con le mie tavanate!!:-)
      Bacioni!!

      Elimina
  13. Eh Eh c'è smpre un altopositivo e uno...meno eh eh Ciao, Barbara

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …