Passa ai contenuti principali

Tradimento e frustrazione

                                 
Lo amo. Follemente, visceralmente. Il suo odore mi fa vibrare, il suo sapore mi fa impazzire le papille gustative, il suo retrogusto mi inebria. E più puzza, più lo voglio.
Nonostante questa folle passione, l'ho tradito.
Chi? Il mio amato formaggio super stagionato.
Con chi? Con un deprimente, grigio e anonimo "tofu".

Sebbene sia aperta alle novità e non disdegni affatto i cibi naturali e sani, ho sempre avuto una certa diffidenza per quei cibi, utilissimi in caso di intolleranze o patologie varie, ma per me deprimenti.

Sono quei non-cibi che ti lasciano la frustrazione per quello che vorresti in realtà e che loro ti fanno solo immaginare: il non-latte, il non-yogurt, la non-bistecca, il non-formaggio appunto...
Un po' come, per un uomo, trombarsi una bambola gonfiabile e per una donna farlo con un vibratore. Finito il tutto ne hai più voglia di prima. I surrogati non appagano...creano solo frustrazione e alimentano il desiderio.

Ma ieri mi son lasciata sedurre dal tofu, che almeno alla vista sembra un formaggio o quanto di più simile ad esso...poi è proteico, sano, naturale, senza tutti quei grassi brutti e ciccioni...
Mal che vada, mi son detta, sarà tipo un "primo sale" o quei tomini che sanno di poco ma che, con una bottarella di sale olio e peperoncino, sono passabili anche per una fanatica del formaggio "che cammina".

Primo assaggio. Panico. Non sapeva proprio di niente. Anzi aveva un gusto schifosetto, strano e indecifrabile.
Il problema è l'aspettativa: il mio cervello pensava di registrare un gusto anche lieve, ma di formaggio. Mica mi aspettavo il roquefort! No, ma almeno un gusto anche lontanamente simile a quello del formaggio...
Allora, per non demoralizzarmi, l'ho addobbato: in un piatto con rucola tutt'intorno, sale, olio, erbette provenzali...mamma mia fa ancora schifo...e vai di timo, altre erbette mediterranee...

Poi è arrivato PapàC:
-Wow, che meraviglia è questa?
-Tofu, amore mio. Questa sera cenetta bio...(che culo eh?)
Non ha mica osato, lui, dirmi che il tofu faceva veramente cagare e, povero, se l'è mangiato senza fiatare.

Io invece son stata colta da una reazione violenta e compulsiva.
Mi è presa una voglia incontenibile di fomaggio, quello vero, di cui fortunatamente il frigo era fornito.
E così: auricchio sulla piastra, con quella bella crosticina abbrustolita e quel meraviglioso grasso che cola, poi
raschera d'alpeggio! Tipico formaggio piemontese, con la buccia che odora di cantina dove è avvenuta la lunga stagionatura...con quel retrogusto unico impareggiabile e indescrivibile.
Mentre mi sfondavo etti di raschera con colata di miele millefiori ho giurato a me stessa che piuttosto rinuncio al formaggio per il resto dei miei giorni ma un surrogato come quel coso grigio e asettico mai.


Alla fine non è che PapàC ne abbia mangiato poi tanto di 'sto tofu e manco alle cagnoline voraci è piaciuto, quindi è finito nei rifiuti organici.
Io invece alle 2 di notte ancora sorseggiavo acqua e bicarbonato a mo' di idraulico liquido per digerire l'abbuffata di formaggio. Tutta colpa di quel tofu del cavolo.


Immagini dal web

Commenti

  1. De par chez nous abbiamo il "Rocamadour" che ti fa diventare capra.
    Anche pur troppo lo cantano!
    http://www.aoc-rocamadour.com/pres.html
    Versus from the land of the 300 fromages!:)

    RispondiElimina
  2. bestia... le prime righe mi han fatto pensare "il meglio"! poi ho letto "formaggio puzzolente" e ancora ci siamo, ottimo! ma... il tofu?????? manco per i sorci e bbono, maronnn benedetta che zozzeria...
    non conosco il Raschera, prima occasione non mancherò :P

    RispondiElimina
  3. Io, intollerante ai latticini di mucca ogni tanto lo mangio avvolto nello speck con fettina di pecorino sopra e passato alla piastra...almeno non sa di CARTONE!
    Ciao, Barbara

    RispondiElimina
  4. Io sono a dieta, perennemente, adesso mi sono rivolta persino ad una dietologa, visto che la pago, quando magno almeno mi sento un po' in colpa, ma mai, neanche nei momenti peggiori ho pensato di comperare il tofu, e dopo questo tuo post lo eviterò come la peste grazie dal profondo del cuore.

    RispondiElimina
  5. @Versus: j'adore le fromage de chèvre!!!
    I formaggi francesi sono meravigliosi!! A presto Versus!
    p.s. E' arrivato oggi il tuo bellissimo cadeau!!
    Grazie mille è davvero bello!

    @Robydick, visto lo Statuto del centauro, siamo abbastanza sulla stessa lunghezza d'onda. Un po' più puzzolenti le mie passioni...più dinamiche le tue...

    Hai ragione Barbara, sa di CARTONE!
    Ciao!!

    RispondiElimina
  6. io ogni tanto lo mangio alla piastra e condito con:
    opzione 1: aceto balsamico o meglio ancora glassa di aceto balsamico;
    opzione 2: salsa di soia
    opzione 3: ketchup!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Eli, sì penso che tali esperienze siano deleterie per qualsiasi dieta. meglio cose buone, anche se in inore quantità.
    Ciao, in bocca al lupo!

    Fra, ma così è buono? Forse ho sbagliato io a condirlo...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono... non si può dire!! ma almeno acquista sapore!! :) oppure ho assaggiato quello alle erbe... ma direi che se non hai l'obbligo di mangiarlo, puoi tranquillamente astenerti!!!!

      Elimina
  8. Ahahaha come mi sono rivista:))) Io mangerei solo formaggio!

    RispondiElimina
  9. Ti capisco, amica mia, perché sono formaggioso anch'io... :)
    Qualche sera fa mi sono fatto una scorpacciata di RACLETTE coi parenti svizzeri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Raclette è una cosa che mi manca e che devo comprarmi. E' sublime! Ciao zietto, un bacio!

      Elimina
  10. Eh sì...hai proprio ragione! Non c'è proprio paragone...
    Gnam che voglia di formaggio che mi hai fatto venire! :P

    RispondiElimina
  11. In una situazione analoga mi ci sono trovato tanti anni fa! E non ci sono più ricaduto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da quanto vedo sono pochi gli estimatori del tofu...
      Ciao caro Adriano!!

      Elimina
  12. Cara Simo, anche a me il formaggio mi manderà alla deriva! Tofu sì, ma dopo come hai fatto tu anche tutto il resto! più una bella mozzarellina di bufala, che non guasta assolutamente e ringalluzzisce le papille gustative! Credo che non andrò molto presto da un dietologo...sarebbe la prima cosa che mi toglierebbe :( Apprezzo la temerarietà di tuo marito, complimenti eheheh

    RispondiElimina
  13. Ciao Nico! Che piacere ritrovarti qui.
    Beh, la VERA mozzarella è una cosa sublime. Purtroppo qui è praticamente introvabile, quella vara, quindi cerco di togliermi la voglia quando scendiamo a Napoli. Ovviamente, al ritorno, sul lunotto dietro, c'è sempre l'immancabile scatola in polistirolo...
    PapàC, oltre che temerario, direi che è un gran signore...o una vittima?!?

    RispondiElimina
  14. sai anch'io avevo pensato a rivolti più "succulenti"...

    baciotti e buon 2012 :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti c'è di meglio...baci a te!

      Elimina
  15. A me invece il tofu piace e proprio per quel sapore suo strano, indecifrabile. Lo mangio semplice semplice, saltato in padella e poi condito con la salsa di soia.
    L'errore, secondo me, è considerarlo anche lontanamente un formaggio: ci si prepara a una sonora delusione se si pensa che abbia anche un'idea del sapore di un qualunque scipito formaggio.
    Detto ciò, i miei antenati paterni avevano un caseificio in quel di Lucca e nel mio dna c'è sicuramente l'amore per il cacio, di tutti i tipi: anche per me, come per te, più puzzolente è meglio è!
    Il che non mi impedisce, ogni tanto, di mangiarmi il mio tofu alla salsa di soia, con piacere :-)
    Saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è l'aspettativa che frega.
      Chissà, magari lo riproverò così, saltato e con salsa di soia...non appena avrò superato il trauma...:-)

      Elimina
  16. "-Tofu, amore mio. Questa sera cenetta bio...(che culo eh?)"

    ahahahahaha...pov'r omm! ;-)

    Davvero divertente, e sincero!
    P.S. Anch'io adoro il Raschera. Piemonte, Granda...formaggi ec-ce-zio-na-li! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, che poesia i nostri formaggi...!
      Ciao Lu, fatti sentire...neh!

      Elimina
  17. grande simoooo!

    a me fa lo stesso effetto la voglia di cioccolato
    :)

    ma ti dirò "l'orrido tofu" non lo disdegno
    ;)
    un bacione
    emme

    RispondiElimina
  18. Ciao Emme! Beh, per fortuna qualche estimatore c'è...il cioccolato per me è nulla, al cospetto del formaggio!
    A presto, un bacio!

    RispondiElimina
  19. complimenti per il blog :)
    A proposito di cucina - ma anche di figli - ti segnalo un'iniziativa interessante, rivolta ai ragazzi, ma anche a genitori ed insegnanti, come strumento di aggregazione e confronto. Si tratta di Cibolando, progetto di educazione alimentare dove i ragazzi possono imparare a mangiare sano divertendosi.
    Ecco il link al progetto: http://www.cibolando.it/come-partecipare/sbs-scl/
    Buona giornata :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …