Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Piacevoli frivolezze

La "Rubrica frivola" di una cara e dolce amica blogger, la Fra di "Parole per aria",  mi ha fatto venire una voglia matta di scrivere un post sull'argomento...ah come mi diverto! Dato che sono unaquarantenne seria e posata (non c'è nulla da ridere eh?!), più che una lista di fidanzati-tipo, vi farò una carrellata dei miei attori-cantanti-uomini preferiti, che sono costantemente cambiati nel corso degli anni, così come i miei gusti.  Questo a dimostrazione del fatto che noi donne cambiamo, ci evolviamo, a volte in-volviamo, ma non saremo mai le stesse...
Non che sia stata una bambina precoce, anzi, a 14 anni ancora giocavo con le bambole ed ero abbastanza tonta, ma già da piccola sognavo di sposarmi con Elvis Presley. Non mi perdevo neanche un suo film, immaginavo che sarebbe venuto a prendermi nella notte per portarmi con sè a lavorare in qualche circo (c'era un film dove lavorava nel circo...sai che bello...). Ma il povero Elvis era già defunto da tem…

Maschi o uomini? Femmine o donne?

Uomini.  A quarant'anni suonati posso dire la mia e tutto sommato, data l'età, il mio può considerarsi un autorevole giudizio. O no?
Ebbene, iniziamo.

Premessa: mi piacciono gli uomini. Molto. Come amici, compagni, confidenti, figli. E sono strafelice di avere due figli maschi, che sebbene mi distruggano la casa con i loro giochi violenti e la loro irruenza, sono dei teneroni, veri, genuini e carnali.
Dio quant'è bello quando ti abbracciano forte e ti dicono "sei la mamma più meravigliosa che ci sia".
Sì perchè gli uomini, è vero, saranno pure dei rompiscatole a volte, ma sono alla fine molto più trasparenti di noi. Quando un uomo ti racconta una bugia lo sgami al volo, che sia figlio o marito, una donna no. Motivo? Il senso di colpa: glielo leggi in faccia, a noi donne no.

Ma c'è un genere d'uomo che non mi piace, dal quale consiglio vivamente di tenersi alla larga.
Prima o poi capita a tutte di imbattersi in questo tipo di maschio un po' più indiet…

Normalità?

Che di normale, in me, non ci fosse nulla, era già una mia consapevolezza. Tempo fa il mio adorato Santo Omeopata mi disse: "Quando parla di sè, la parola normale non la utilizzi proprio". Ok, grazie Dott. A quanto pare però, anche tutti quelli che mi circondano proprio centrati non sono, cani compresi.
Mati, classe  2005, una bella Signora di mezza età, un po' Beagle un po' anche qualcos'altro ma non si sa cosa, buona, divanara e ingorda, sta lievitando oltremisura (come me, d'altronde). E' una cagnolina vegetariana (anche in questo simile a me): adora il melone, i mandarini, il finocchio crudo. Schifa il pesce eppure ha un alito peggio di una sogliola marcia. Va letteralmente fuori di testa per torte, muffins e corn flakes glassati.
Sandy, new entry, è la più fuori di testa di tutti. Adora mangiare il pongo e il sapone di Marsiglia (me l'ha mangiato tutto). Rosicchia i giochini in plastica del Piccolo Tigro e recentemente ha mangiato una decina di se…

Tradimento e frustrazione

Lo amo. Follemente, visceralmente. Il suo odore mi fa vibrare, il suo sapore mi fa impazzire le papille gustative, il suo retrogusto mi inebria. E più puzza, più lo voglio.
Nonostante questa folle passione, l'ho tradito.
Chi? Il mio amato formaggio super stagionato.
Con chi? Con un deprimente, grigio e anonimo "tofu".

Sebbene sia aperta alle novità e non disdegni affatto i cibi naturali e sani, ho sempre avuto una certa diffidenza per quei cibi, utilissimi in caso di intolleranze o patologie varie, ma per me deprimenti.

Sono queinon-cibi che ti lasciano la frustrazione per quello che vorresti in realtà e che loro ti fanno solo immaginare: il non-latte, il non-yogurt, la non-bistecca, il non-formaggio appunto...
Un po' come, per un uomo, trombarsi una bambola gonfiabile e per una donna farlo con un vibratore. Finito il tutto ne hai più voglia di prima. I surrogati non appagano...creano solo frustrazione e alimentano il desiderio.

Ma ieri mi son lasciata sedurre dal t…

Viva Viva la Befana!

Una cosa ancora non l'ho capita: perché Babbo Natale è buono, ricco, con la slitta e le renne e la Befana è una vecchia brutta povera sfigata?  Solito maschilismo imperante. Vabbé.
Io la Befana la amo. Perché mi ci identifico. Lei vien di notte con le scarpe tutte rotte...io con i gambaletti (antistupro) tutti rotti, dato che sotto agli stivali chi vuoi che li veda?  Lei ha i porri sul viso, io invece, visto l'imminente ciclo, sono devastata dai brufoli, e non so che cosa sia meglio.  Lei c'ha i baffetti, io li strappo, ma mica sempre eh? Lei ha un vestito tutto stracciato, io il maxi-felpone-pigiamone antistupro anch'esso. Lei dispensa dolcetti e caramelle...io me li mangio perché sono stressata.
Solo in una cosa siamo diverse:

Scusate, ora devo proprio andare...

Immagini tratte da google immagini