sabato 29 dicembre 2012

Proposito per il 2013


Ieri sera tutti dormivano eccetto Aladar ed io. Incredibile, non mi ero ancora addormentata sul divano.
Transformers 3 su Sky, doppia copertina di pile, stufa a palla, effervescente Brioschi per digerire, che bello mangiarle una a una e farle scoppiettare sulla lingua!

Facevamo i cretini mentre i transformers combattevano improbabili guerre...e io ridevo constatando che la protagonista bionda di Transformers3 ha la stessa espressione ebete di Arisa.




..."Mamma, sono felice, sai? ...Perché sei felice tu. Perché ridi! Non ridi mai, sei sempre arrabbiata, hai da fare...A me basta vederti felice e son felice anch'io."

Ecco una di quelle belle botte al cuore.

Proposito per il 2013: meno pulizie, meno incazzature e più tempo a ridere con i miei cuccioli, che finisce che diventano grandi e mi son persa i momenti migliori a imprecare con il folletto in mano.

Auguri a tutti!! 

Immagini tratte da google immagini

giovedì 27 dicembre 2012

Con gli occhi al cielo


Timoroso, emozionato, forse anche un po' impaurito, mi hai chiesto di andare a vedere il cielo, perché ti ho spiegato che Babbo Natale, quello vero, può essere visto solo dai bambini la notte di Natale.

Ci siamo seduti sulla poltroncina alla finestra nella camera buia per vedere meglio la notte fuori...stretti stretti, con la tua soffice guancia premuta contro la mia e il tuo corpicino che quasi tremava per l'emozione. 

Il nasino all'insù, perso nella fiaba scrutando il cielo alla ricerca di un bagliore, mi hai regalato un istante eterno, scolpito indelebilmente nel mio cuore, ed io spero di averti regalato un frammento di magia, che tu possa portare con te per sempre...



Immagine tratta da google immagini

venerdì 21 dicembre 2012

Buongiorrrrrno!


Toc toc...ci siete tutti?!?
Io son qui, come sempre, in ufficio.
Non ci siamo estinti, non ancora. E che ci credevamo? Siamo troppo cattivi per estinguerci!
E domani, tutti a prendere a librate i fanatici delle pseudoscienze! Leggi qui della giornata mondiale contro le pseudoscienze.

A proposito di Cetto, ho visto il film...geniale come sempre Albanese, avanti anni luce, forse persino troppo avanti per i nostri tempi. Film surreale che fa riflettere.
Bentivoglio supera se stesso.

martedì 11 dicembre 2012

Lei è meglio

Mati

Questa mattina mi ha svegliata un solletico vicino al naso...apro gli occhi e la vedo, talmente vicina che non la metto a fuoco, mi osserva e mi annusa. "Ammazza che alito hai, Mati!" e dal suo sbuffo capisco che il mio non è meglio.
Mi alzo e lei mi segue in bagno, poi a svegliare Aladar che manco le bombe lo destano, poi colazione e fetta biscottata poi ciao Mati, ciao Sandy, ciao tutti mamma va in ufficio.



Se non fosse per gli "animalisti" di casa, alias PapàC e Aladar, tu mica saresti qui. No, io non ero per nulla favorevole a un animale in casa che non fosse un criceto o un pesce rosso. Poi, come non bastasse, si è aggiunta anche la tua collega Sandy.
Non parliamo di quando, in sindrome premestruale, vengo colta da attacchi di iperpulizia compulsiva e minaccio di cacciarvi ma voi lo sapete che non vi caccio però vi nascondete prudentemente sotto al divano.
Quando urlo con il Piccolo Tigro e Aladar perennemente in guerra pieghi di lato quella testolina come per dire "qualcosa non va?"


Come quando impreco raccogliendo le cacche in giardino...o ce l'ho con i peli sul divano...e  "chi cavolo me l'ha fatto fare?".
Sopporti le angherie del piccolo e al massimo ringhi neanche troppo convinta, pronta invece a difendere il branco come una belva quando vi sia il minimo pericolo.
Paziente e fedele, sei l'unica della famiglia che mi sopporta ancora. L'unica che non può mandarmi a stendere come fanno tutti gli altri.
Perché tu sei meglio di me, palla di pelo puzzona che non sei altro.


lunedì 10 dicembre 2012

Addio Monti!



Addio/ Monti sorgenti dall'acque- ed elevati al cielo/ cime inuguali/ note a chi è cresciuto tra voi/ e impresse nella sua mente/ non meno che l’aspetto de' suoi familiari/ torrenti- de' quali si distingue lo scroscio/ come il suono delle voci domestiche/ ville sparse e biancheggianti sul pendìo/ come branchi di pecore pascenti/ addio!/ Quanto è tristo il passo di chi/ cresciuto tra voi/ se ne allontana!//

Alla fantasia/ di quello stesso che se ne parte volontariamente/ tratto dalla speranza di fare altrove fortuna/ si disabbelliscono/ in quel momento/ i sogni della ricchezza/ egli si maraviglia d'essersi potuto risolvere/ e tornerebbe allora indietro/ se non pensasse che, un giorno- tornerà dovizioso/ Quanto più si avanza nel piano/ il suo occhio si ritira/ disgustato e stanco/ da quell'ampiezza uniforme/ l'aria gli par gravosa e morta/ s'inoltra mesto e disattento/ nelle città tumultuose/ le case aggiunte a case/ le strade che sboccano nelle strade/ pare che gli levino il respiro/ e davanti agli edifizi ammirati dallo straniero/ pensa/ con desiderio inquieto/ al campicello del suo paese/ alla casuccia a cui ha già messo gli occhi addosso/ da gran tempo/ e che comprerà/ tornando ricco/ a' suoi monti//

Addio ai Monti 
cap.VIII de "I promessi sposi" 
di Alessandro Manzoni

Anche Heidi piangeva nel suo "Addio Monti"...e noi con lei piangiamo lacrime amare vedendo all'orizzonte un incubo che nuovamente avanza. E abbiamo paura.






Immagine di Heidi tratta da google immagini

martedì 4 dicembre 2012

Dopo Tolomeo e Copernico, una nuova Teoria


La Teoria Geocentrica

Teoria geocentrica o Tolemaica: la terra è al centro dell’universo e attorno a essa ruotano il sole, i pianeti le stelle e la luna.

Teoria eliocentrica o Copernicana: è il sole a essere al centro e la terra e i pianeti gli ruotano attorno.

Teoria pisellocentrica o di Mamma Simo: ogni uomo ruota tutta la vita attorno al proprio pisello.

Dimostrazione scientifica della teoria:

Fase 1, anni 0-3: il bambino-maschio scopre il proprio pisello. Lo guarda, lo esplora, ne va fiero.
Tipico di questa fase correre in giro per casa nudo con il pisellino all’aria pisciottando qua e là come per marcare la casa. Se poi casualmente si confronta con una femminuccia priva del piccolo prolungamento, allora si gasa come una bestia. E’ in questi anni che il pisello forgia l’uomo che il bambino diventerà. L’autostima di un uomo, non illudiamoci, è tutta basata sul suo pisello. Quindi, mammine, via alle esultazioni, capriole ed esclamazioni: “wow che pisellone! Neanche Spiderman ce l’ha così grandeee!!!”

Fase 2, anni 3-6: il maschietto fatica a smettere di far pipì a letto, mentre le coetanee femminucce si sono spannolinate da mo’…quand’anche avesse smesso di far pipì a letto è sufficiente lo stress dell’asilo a farlo riprendere, oppure l’arrivo di un nuovo fratellino…insomma il pisellino è la cartina di tornasole, il mezzo per denunciare malessere o ansie.
Dicono i pediatri che è proprio una questione fisica: questo prolungamento fa sì che per loro sia più difficile controllare il flusso in uscita. Vabbuò…manco fosse lungo mezzo metro!

Fase 3, anni 7-12: fase più tranquilla nello sviluppo evolutivo del sodalizio uomo-pisello, durante la quale però insorge nel bambino la preoccupazione che non cresca abbastanza. Frequenti i confronti con papà e fratelli più grandi. Frase consigliata: “Sì ma tuo fratello alla tua età ce l’aveva moooolto più piccolo e, da grande, ce l’avrai come papà o ancora di più perché mangi tanta verdura!!” Così gli facciamo mangiare la verdura. Frase controindicata nel caso il papà non sia alquanto dotato, in tal caso consigliato dirgli che è meglio pensare alla carriera e cercare velocemente altre doti spiccate.

Fase 4, anni 13-18: è in questa fase che la teoria pisellocentrica dà il meglio di sé. Il maschietto in piena tempesta ormonale vive in stretto contatto con il proprio pisello, fino a consumarselo. Pallidi, esangui e un po’ allampanati. Non temete, non si drogano. Sono in simbiosi perfetta. 

Fase 5, anni 19-35: l’uomo vive il suo periodo pisellocentrico migliore. Forza, giovinezza, vigore e testosterone fanno sì che lui e il suo pisello vivano in serena costante armonia. Il pisello gratifica l'uomo e l'uomo gratifica il proprio pisello facendolo lavorare a pieno ritmo.

Fase 6, anni 36-45: il vigore cala un po’, ma in genere sono ancora in perfetta armonia. Si amano, si stimano e sono complici. Vale sempre la teoria, ma l’uomo ha imparato a dominare maggiormente  il suo brillante amico, che così dà il meglio di sé. L'esperienza dà i suoi frutti e gratifica entrambi.

Fase 7, anni 46-60: il sodalizio di una vita si incrina. L’uomo si sente tradito, abbandonato anche se non sempre e con differenze individuali. Corre ai ripari e se lo vedete girare con le orecchie rosse e bollenti non è l’ipertensione! Se accoppiato di lunga data non se ne fa un problema, se ancora “sul mercato” potrebbe farsi dei debiti per comprarsi quintali di Viagra.

Fase 8, anni 60 e oltre (l’era della prostata): fine dell’amore di una vita. L’uomo, solo e definitivamente abbandonato, reagisce in modo diverso in base al carattere e all’equilibrio. Alcuni restano in costante lutto, altri se ne fanno una ragione e trovano nuovi interessi. Il loro “sole” ha smesso di splendere e pare collassato su se stesso. Cercano nuovi soli attorno ai quali ruotare. L’uomo meno evoluto continua a ruotare attorno alla sua Supernova.

Anche nel caso di depressione, tristezza, ansia, traumi…durante tutta la vita di un uomo il pisello sarà il campanello d’allarme. E’depresso? Non reagisce. In ansia? Al contrario reagisce troppo  velocemente. E’ aggressivo? Lo usa a mo’ di manganello…

Insomma, ragazze, facciamocene una ragione; li vogliamo sempre felici contenti attivi sessualmente? Bene, parliamo con lui, il pisello, facciamocelo amico. Lui sa essere un amico fedele, molto più del suo possessore e non ci tradirà mai.
Perché, come dice la teoria pisellocentrica di Mamma Simo, i nostri compagni sono un po’ come le caramelle Polo, (ve la ricordate la pubblicità?)…un pisello con un uomo intorno….

Caramella Polo, un buco con la caramella intorno


Immagini tratte da google immagini

martedì 27 novembre 2012

Auto-intervista

Il mio alluce 

Auto-intervista non significa che ho intevistato la mia auto, ma che mi sono intervistata. Nessuno mi ha mai intervistata così lo faccio da sola. 

Se qualcuno volesse prendere esempio e fare altrettanto, farà cosa molto gradita (copiate-incollate e linkatemi il vostro post!).
Non è un contest a premi, non confeziono gioiellini né patchworks  da regalarvi...ho la creatività di un criceto albino...al massimo potrei spedirvi una gustosa "tuma" (formaggio) ma poi puzza...


Intervista liberamente tratta  dal forum:http://forum.azzurra.org/archive/index.php/t-6176.html


Il tuo difetto fisico? Alluce troppo grande

Cosa ti piace di te? L'alluce troppo grande

Descriviti con 4 aggettivi. Istintiva, cagacazzo, ipercritica, logorroica

Quanti minuti riesci a correre quando ti alleni? Non mi alleno

Quanti addominali fai senza fermarti? Non faccio addominali e si vede

Fai la sauna? No, ci ho la pressione bassa

Ti depili? Sì. Il pianeta delle scimmie non esiste quindi mi devo adeguare

La tua colazione: Té verde alla rosa e una dozzina di biscotti con tre tipi di marmellata

Cosa leggi quando sei in bagno? Il mensile dei soci Coop


La canzone più bella del secolo "Take on me" degli A-Ha


La più brutta
 Tutte quelle di Carmen Consoli


Quella che ti ha fatto innamorare "Take on me" vent'anni fa. "Torna a Surriento" qualche anno fa...e l'ho presa in parola! Eh eh...

L’ultima volta che hai pianto 2 minuti fa guardando quant'è sporco il bagno e la montagna di panni da stirare

L’ultima volta che ti sei arrabbiato Ieri mattina, quando Mati ha scagazzato in salotto

Fumi? No

Il sogno della tua vita Fare la mamma e fare la ballerina classica. Ho realizzato solo il primo e ne sono strafelice. D'altronde con il 40 di piedi sarebbe stato abbastanza improbabile fare la ballerina...

A chi somigli? (attore o cantante): ma che domanda del cavolo è? A Robert De Niro

A che ora vai a dormire? Ufficialmente alle 24, sul divano dalle 21.30

Destra o sinistra? Sinistra per l'attenzione al sociale (si presume)

La cosa più trasgressiva che hai fatto? Ho fatto l'occhiolino a un vecchietto. Ma avevo un tic nervoso.

Maglietta o camicia? camicia ma non da notte (solo pigiamoni felpati)

Simpatia o bellezza? nessuna delle due. Solo superdotati.

Slip o boxer?  boxer possibilmente non bucati e puliti

Mutandine o perizoma? mutandine. Odio il filo interdentale in mezzo alle chiappe

Ultima volta che hai fatto l'amore: .....quel che conta è la prossima, che spero non sia tra sei mesi

Muccino o Ozpetek? 
 Ozpetek 

La prima persona con cui parli al mattino il mio compagno che mi sveglia e regolarmente lo mando a stendere perché ho un sonno bestia

Un nome che ti piace Matilde, alias la mia cagnolina puzzona

Un posto per vivere Provenza

Un lavoro che avresti fatto Professoressa isterica

L’amore è...morbido

La vita è
...difficile ma bella

Il sesso è...profumato


Animale preferito gorilla di montagna (giuro, non è una battuta)

Cane o gatto? Cane

Mi piace far l'amore sul letto "bei patanu" (trad. belli nudi)

Ho paura di... fare una puzzetta in luogo pubblico ed essere sgamata

Cosa ti piace in una persona La schiettezza

Il piu' bello del mondo Robert Redford

La piu' bella del mondo Scarlett Johansson

Cosa non sopporti L'ipocrisia e i fornelli unti


La persona che ti ha reso piu' felice
 i miei figli

Il film che ti fa più paura Shining

Che superpotere vorresti? Trasformarmi in un Folletto (aspirapolvere)

Il tuo portafortuna 'o sfaccimmiello di Napolimania

Film preferito "Jona che visse nella balena"


Cibo preferito formaggio super stagionato

Doccia o bagno? doccia, purtroppo

Passiamo alle domande serie:

Che cosa ne pensi dell'omosessualità? Omo-che? Ma stiamo ancora lì a dividerci in categorie? Non siamo tutti la stessa cosa chiamata Umanità? Poi la costituzione non sancisce che siamo tutti uguali e non disciminabili? Pensavo che fossimo liberi di amare (e di trombare) chi ci pare...no?

Facile fare l'anticonformista...allora mettiamola così: e se tuo figlio un giorno venisse a casa e ti dicesse "Mamma, sono gay"? Bene, gli direi che l'importante è che si accompagni sempre con persone che lo amano per quello che è. Che gli auguro di essere felice ogni giorno della sua vita e di mandare aff. con violenza tutti quelli che non lo rispettano. Ma questo ha valore universale. ...Poi, in definitiva, molto meglio un genero che una nuora!

Masturbazione pratica gratificante, creativa che non fa diventare ciechi. Un abuso al limite causa capogiri

Matrimonio contratto. Che faccia ingrassare e metter su pancia non è ancora scientificamete provato

Divorzio grande conquista, anche se non lo auguro a nessuno. Un lutto vero e proprio. Devastante.

Aborto grande conquista, altrettanto devastante 

Omeopatia la medicina del futuro

Chiesa cattolica anacronistica, dogmatica, ipocrita, una casta

Che ne pensi delle religioni? Oppio dei popoli, citando...


Credi in dio? Spero in dio...nel frattempo credo profondamente nel rispetto del prossimo

Quindi non hai paura del "dies irae"? no, ho paura della mia coscienza, molto più severa del dio castigatore. A lei non racconto palle. La giustizia c'è, ed è in questo mondo. Tutto tende all'equilibrio. 

Un comandamento universale non giudicare

Una massima Vivi e lascia vivere

Il mondo oggi un mondo allo sbaraglio, affondato in un medioevo culturale e civile

Come sopravvivere allora? Cultura e senso critico. Non smettere mai di conoscere e informarsi

Il futuro I giovani

La cosa più bella e vera i bambini!

A voi la parola.













lunedì 26 novembre 2012

Finiremo a gambe all'aria?


Dobbiamo proprio trovare il modo per dire che i Maya avevano ragione. A costo di estinguerci come i dinosauri.
Le ultime notizie che avvalorerebbero la profezia sono l'asteroide che ci sfiorerà a  febbraio (non dicembre!)  e l'inversione del magnetismo terrestre a breve termine.
Quindi? 
Niente. Tutto come prima.

Per noi ignorantelli in materia, la prima cosa che ci vien da pensare quando si parla di inversione di poli, è di ritrovarci a testa in giù e gambe in su. Invece no, trattasi di inversione di magnetismo, cosa che a quanto pare accade ogni 200 mila anni in maniera graduale, ma sembra possa accadere anche in maniera abbastanza repentina. 
Sugli effetti di tale inversione non ci sono certezze, solo ipotesi. Non ci resta che stare a guardare. 
...Ma i magneti del frigo si attaccheranno ancora...?!? Mica voglio buttar via i miei bei magnetini di Napoli, Sevilla, Ostuni...

A me i poli magnetici si girano costantemente una volta al mese; posso dirvi che gli effetti non sono poi così devastanti.
Niente terremoti, eruzioni vulcaniche o glaciazioni, semplicemente qualche eruzione di brufoli, qualche urlo in più, ritenzione idrica, insofferenza. Sì, in effetti le torte si ammosciano, i muffins non crescono e le piante ingialliscono. Ma c'è di peggio. I miei figli, compagno e cagnoline hanno imparato a sopravvivere alla mia inversione di poli. Le piante ho imparato a non annaffiarle finché i poli non rientrano nella norma.

Per quanto riguarda l'asteroide, niente paura. Passerà vicino ma non ci sfiorerà neppure. Forse per il 2020 ci sarà qualche probabilità in più, ma per allora avremo il tempo di costruire una bella navicella spaziale kamikaze per distruggere la piccola asteroide rompi scatole.

In compenso le va bene a  Margherita Hack che venderà un bel po' di copie del suo libro "Stelle da paura".
Foto tratta da questo sito

Tempi strani questi. Tutto va a gambe all'aria, in Italia e non solo, e noi alziamo gli occhi al cielo in attesa di risposte-radicali. 
Tiriamoci su le maniche, che i Maya mi sa tanto che si mangiavano un po' troppi "teonanacatl".


Immagini tratte da google immagini

martedì 20 novembre 2012

Io Puta! Può interessare?

Prostitute e teorie economiche.


Magistrale interpretazione. Meraviglioso film.
Bella Vassilissa, quando le pute erano genuine e avevano il loro ruolo, quasi materno. Quando le puttane si chiamavano puttane. Oggi tutto è cambiato.
Le pute di oggi chiedono sostanziosi risarcimenti danni morali per essere ingiustamente passate per zoccole nei vari scandali. Perché loro sono invece ragazze piene di meriti, dato che con i 2.500,00 euro mensili (con accredito tramite bonifico continuativo!) più una tantum varie ci si pagano l'università, la casa...vere e proprie manager di se stesse. Diecimila euro per l'onomastico più buste qua e là sui cinquemila a botta. Ma loro sostengono di non averla data. Mitiche.
Trombare con il Benefattore ed entourage vario a quanto pare è un po' come iscriversi a una Cassa Previdenziale per la libera professione di prostituta. Un Inps di lusso che non paga solo malattia o maternità. Mica male!
Son convinta che se avessero fatto i provini tipo Grande Fratello per partecipare ai festini ad Arcore sarebbero arrivati pullman da tutta Italia stracarichi di aspiranti pute. Ah se avessi una ventina di anni in meno   sì che mi facevo la pensione!
Loro, le Olgettine, gli vogliono un gran bene al Benefattore e si augurano che campi cent'anni! Che tenere...

Potremmo però girare il punto di vista e chiamarla "redistribuzione della ricchezza": i Signori del Potere ne hanno tanti (e rubati) e giustamente li redistribuiscono (peccato che i beneficiari non siano coloro ai quali tale ricchezza è stata sottratta, cioè TUTTI i cittadini italiani ma solo Avvenenti Signorine). Ma non andiamo troppo per il sottile.

Le Avvenenti Signorine provvederanno a loro volta a spendere e sperperare velocemente tale ricchezza ed ecco confutata la "Teoria degli ingorghi" di Thomas Robert Malthus secondo la quale "Gli eccessivi accumuli di denaro tendono inesorabilmente alla speculazione finanziaria, piuttosto che agli impieghi nell'economia reale".
Le belle signorine quindi sottrarranno denaro alla speculazione finanziaria per destinarla all'economia reale.

Vuoi vedere che saranno ancora loro a salvare l'Italia?

venerdì 16 novembre 2012

Noi ti ricordiamo così...


Nonna Bis "è andata sulla Stella" sabato scorso, 10 novembre...aveva 97 meravigliosi anni! 



Dedicati a Te:
Nonna
Ricette, persone, ricordi
Ricordo che...


Musiche:
"Natalie" Corrado Cordova, "Sola" Diana Navarro, "Bona jurnata" Corrado Cordova, "Watermark" Enya
Foto:
Corrado Cordova e zia Sara

venerdì 26 ottobre 2012

Genitori anziani e affido

Immagine da google immagini

Mi riallaccio all'argomento del precedente post, dove ho volutamente ironizzato.

La scienza ci inganna, illudendoci di poter restare giovani per sempre, fertili per sempre, belli per sempre. Ma purtroppo non è così!
Non è un lifting che ti sconta 20 anni, non è una gravidanza a 50 anni con bombe di ormoni che ti ridà la fertilità di una ventenne.
L'illusione di aver vinto sulla natura è pericolosa; questi anziani genitori dovranno fare, loro malgrado, i conti con la paura di non farcela a vedere il loro figlio maggiorenne.
Ma questo non vuol dire che non saranno genitori migliori di tanti altri.

Quello che dà da pensare è un altro caso: la Corte d'Appello di Torino ha dichiarato adottabile una bambina di 2 anni e mezzo, tolta a genitori troppo anziani ( 71 lui e 59 lei) e con grossi ed evidenti limiti nelle capacità genitoriali. Qui la notizia.

In realtà l'età avanzata non sarebbe l'unica motivazione, ma a quanto pare, benché non vi siano serie patologie della personalità, i genitori erano stati ritenuti incapaci di interagire con la figlia (???) per una strutturazione della personalità di entrambi; parlano di una madre per la quale è prioritario il bisogno narcisistico di avere un bambino (che scoperta), di un padre dipendente dalla moglie e di un comportamento narcisistico ossessivo e antisociale della coppia.
C'è anche un'ambigua denuncia penale nei confronti del padre che, secondo una vicina di casa, avrebbe "abbandonato" la piccola di 1 mese in macchina per scaricare la spesa...scagli la prima pietra chi non l'ha mai fatto!

L'età sarebbe quindi uno dei fattori che hanno fatto pendere l'ago della bilancia, non l'unico. 
In ogni caso, quello che allertò i servizi sociali e la procura dei minori quando la mamma era ancora nel reparto maternità fu proprio l'età avanzata (leggi qui). Non fosse stato per l'età nessuno si sarebbe mai posto alcun problema. 

Quali siano poi questi GRAVI LIMITI nelle capacità genitoriali, decisi a priori, in quanto l'affido è scattato quando la bambina aveva pochi mesi e non in conseguenza di un reale disagio accertato, vorrei proprio capire. 
In sostanza, in base al parere degli esperti, questa coppia è stata dichiarata incapace di crescere un figlio prima ancora di poterlo fare! Voglio sperare che ci siano gravi motivi che non ci hanno detto.

Già in affido dal 2011, la bambina ha continuato a vedere i genitori, ma ora è stata dichiarata adottabile e non potrà più vederli. Se la Cassazione dovesse ribaltare la sentenza, sarà un nuovo trauma per la piccola.

Ma siamo pazzi??

In Italia la legge consente di ricorrere alla fecondazione assistita solo in età fertile, quindi già dopo i 40 è sconsigliata. In pratica non puoi utilizzare ovuli di altre donne ma solo i tuoi e difficilmente over 45 ne hai ancora di buoni.
All'estero invece si può e la legge italiana non condanna chi va all'estero a effettuare la procreazione assistita! Poi però il Tribunale dei Minori ti toglie il figlio perché sei vecchierello. Lo dà in affido e dopo un paio di anni ti dicono "eh no, ormai sarebbe traumatico modificare i suoi attuali punti di riferimento, quindi non solo resta dov'è ma tu non lo vedi più".

A Carmen Russo sicuramente questo non capiterà, perché lei è una equilibrata mamma over 50, lo sappiamo tutti...non è "narcisista e istrionica" e lui non è un "bunomet" come il torinese, vero? (E soprattutto avrebbe in tal caso i soldi per pagare fior fior di avvocati). Poi il loro è un "dono di dio", quindi non si può obiettare nulla.
  
Ma parliamo della bambina di Torino, che non vedrà più i suoi genitori, in quanto risultano per la bambina "fonte di reale angoscia e di constatato turbamento" (e vorrei vedere!).

Allora facciamo due cose:

1- Emaniamo una legge che vieti di ricorrere alla fecondazione assistita, anche all'estero, oltre i 45 anni.
Se resti incinta in modo naturale a 45 anni (e succede) dimostra che hai trombato (e dì che lo hai fatto in Italia, per maggior sicurezza ) altrimenti scappa a gambe levate o ti tolgono il figlio, occhio.
2- Poi andiamo ancora di più a monte: per tutti una bella indagine psicologica pre-concepimento, così sterilizziamo tutte le coppie che non sono ritenute idonee (in base a insindacabile giudizio dei Consulenti del Tribunale dei Minori). 
Segue che i figli, anche tramite procreazione assistita, li potranno fare solo quelli sani-giovani-belli-perfettamente equilibrati...l'aveva più o meno già detto qualcuno o sbaglio?

Risultato: ci estingueremo.
Meglio così. 


Una sentenza che fa pensare, che suona come un terribile monito dall'alto. In questo accanimento...dov'è l'interesse superiore del fanciullo???


Legge 27 maggio 1991 n.176
Art.3 c.1
 In tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza sia delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorita' amministrative o degli organi legislativi, l'interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.

giovedì 25 ottobre 2012

Rabbia o tenerezza?


Carmen Russo incinta, 53 anni lei, 63 lui.



...Ma gliel'hanno detto che poi bisogna anche riuscire a tenerli in braccio??? 

Continuate ad allenarvi, "ragazzi"...continuate...




Immagine tratta da google immagini, QUI

giovedì 18 ottobre 2012

Prime uscite serali

E guarda che ci trovo su google immagini...

Quattordici anni. Tempo di cinema e pizza da soli.
E a mezzanotte ti tocca uscire a recuperarli.
In pigiama, mezza addormentata, fa freddo, salgo in macchina e vado a prendere AladarMiglioreamicoG. Chissenefrega, tanto non devo mica scendere dalla macchina.
-Wow Mona! (beh, Simo sarebbe meglio...) Certo che sei proprio fashion! - esclama MiglioreamicoG.
-Madoooo! Che cesso che sei, mamma! - rinforza il concetto Aladar.
Ecco com'è nato il mio nuovo soprannome. MONAFASHION.
Dolci creature.





lunedì 15 ottobre 2012

Demotivazioni



-Aladar...
-Checc'è ma?
-Sai, mamma quasi quasi si iscrive a un concorso di baile flamenco...però devo allenarmi parecchio, eh!!
Perplesso il mio adolescente cucciolo...sguardo eloquente...ghigno malcelato...
Pausa.
Silenzio.
-A q-u-a-r-a-n-t-a-d-u-e anni? Cos'è, un concorso per "nonne senza speranze"?
-...Dici che non è il caso, ammamma?

-GRANDE. Iscriviti.
-Davvero?????
-Così ti sbattono fuori alle prime eliminatorie, vai in depressione e finalmente LA S-M-E-T-T-I  CON 'STO FLAMENCO DELLE PALLE!

.......mezz'ora dopo...

-Mamma!
-Cosa vuoi?
-Mi porti al campetto a giocare a calcio?
-Ho da fare. Vacci in bici.
-E' sgonfia, lo sai.
-Vai a piedi.
-Con le scarpe da calcio? Mi distruggo i piedi!
-Bene. Così LA S-M-E-T-T-I CON 'STO CALCIO DELLE PALLE!


Immagine tratta da google immagini. Questo il sito.

venerdì 5 ottobre 2012

Panze al vento


L'atra sera vedo in tivvù Raffaella Fico sfilare. 
Visibilmente stanca, un po' appesantita con il pancione in bellavista, sempre bellissima.
Al di là del fatto che va bene mostrare la pancia, nessun problema; lo hanno fatto in tante e non mi dà fastidio, solo non mi sembra il caso, tutto qui. 
Vedo la gravidanza come un periodo particolare, come se la vita desse alla donna l'opportunità unica di nove mesi per pensare, entrare in se stessa, ascoltare...

Ricordo la stanchezza di quei mesi... la fatica; mi è venuta l'angoscia a pensare a lei, costretta a continuare a essere "fica"e sensuale in un periodo in cui hai solo voglia di metterti in un comodo e contemplativo stand-by e di lievitare serenamente.

Stop. Il mondo deve fermarsi. Poi tanto ricomincia tutto come prima. 
E' un caro prezzo da pagare il non poter "fermare la corsa". Balotelli va e viene, la giovinezza viene e se ne va, idem la bellezza, i soldi, il successo.

Ma la gravidanza capita una, forse due o forse tre volte nella vita...e io mi chiedo perché almeno loro, che non devono lavorare in ufficio né in fabbrica per otto ore al giorno magari in piedi, che non hanno bisogno della maternità anticipata-obbligatoria-facoltativa al 30 % dello stipendio...nè devono lavorare fino all'ottavo mese trascinandosi come zombie per stare un mese in più a casa dopo il parto...perché cavolo non si mettono un bel premaman (firmato) si allungano sul divano (firmato, mica Ikea) e si godono la loro bella pancia che tanto al resto del mondo non è che gliene freghi poi così tanto???




martedì 2 ottobre 2012

Pillole di saggezza / 4 "Antica saggezza"


Dicevano le nonne, a proposito di mariti:

"Non importa se prendono appetito fuori,
l'importante è che tornino a casa per sfamarsi"

Ah, com'erano sagge le nonne...
Ma a me, se prende "appetito" fuori, tutta 'sta voglia di sfamarlo mica mi viene.

OOOmmmmmmmmmmmmmmm.................



L'imagine "nonna che cucina da colorare" è tratta da google immagini, questo il link

giovedì 27 settembre 2012

Stress settembrino


Mamma Simo è in pieno stress settembrino.
Iniziate le scuole con tutti i migliori propositi; Aladar in prima superiore ha promesso impegno a manetta  mentre il Piccolo Tigro, al secondo anno di scuola materna, ha promesso che non piangerà più. Ma le loro ansie sono le mie.
Mega lavori di ristrutturazione in casa appena terminati: ho sperimentato, per la prima volta in vita mia, la goduria di dare il bianco. Devastante.
Ora però sono felice, nonostante mi siano uscite le pareti di un rosellino-lilla che ricorda tanto la vecchia carta igienica...il bello è che volevo una tinta "terracotta".
Pertanto, viste le spese di libri-abbigliamento-casa eccetera, questo settembre è stato caratterizzato da un vero salasso.
Aggiungiamo le ansie varie che mi hanno causato attacchi di colite fulminante e, dulcis in fundo, ho la suocera in trasferta da Napoli in pianta stabile in casa per 2 settimane  con due cani al seguito che, aggiunti ai miei, fanno quattro cani.
Scappare non posso. O forse sì...?!?



L'immagine è tratta da google immagini

mercoledì 22 agosto 2012

Cinquanta sfumature di...


Lo stereotipo dell'uomo bello-ricco-profumato-potente-affascinante-che sa fare tutto è fastidioso.
Ha solo trent'anni, pilota l'elicottero, il deltaplano, è manager con non so più quante migliaia di dipendenti, ha un centinaio di hobby costosi e suona ANCHE il pianoforte magnificamente! Wow che fenomeno.
Quella lì che ogni tre secondi arrossisce/inciampa è 'na palla allucinante. 
Che poi una ragazza americana di ventun anni sia anche vergine, è proprio un paradosso. 
Il discorso diretto continuamente alternato ai pensieri della protagonista, in un susseguirsi infinito di virgolette, stanca gli occhi e la mente.

I punti di forza del libro: l'attesa, la curiosità, la scena erotica. Non a caso è scritto da una donna, e le donne sono maestre nel racconto erotico; sanno cogliere sfumature impercettibili.
Mi chiedo se questo libro, scritto per le donne, come ha dichiarato l'autrice, "arrivi" anche agli uomini. 

Ma di sfumature di grigio, a parte gli occhi del miliardario belloccio, ne vedo poche. E' un "dominatore" soft, allettante, gentile; non è psicologicamente complesso né inquietante come ci si aspetterebbe. E' un anaffettivo insicuro e basta. Ricorda il Richard Gere di Pretty Woman con la passione per il "o famo strano?" con tanto di contratto scritto e liberatorie varie.

Mi torna in mente un libro che lessi anni fa, "Il sesso degli angeli" . 
Scritto bene, di una finezza suprema. Adatto a palati forti, l'erotismo è spinto a tremila. Questa è letteratura erotica vera, quello della E.L. James mi ricorda tanto una telenovela colorata a tinte vivaci, nulla più.


Se poi proprio non potete fare a meno di tematiche quali la dominazione-sottomissione, allora questo libro fa al caso vostro ed è tutta un'altra storia rispetto al "pink libro" della James: "Nelle sue mani".
Scritto - bene - da Marthe Blau, è una gran bella scarica di erotismo. Qui un'interessante recensione.



Buon divertimento.

domenica 5 agosto 2012

Musica e profumi

Nel magico scenario dei Giardini di Villa Hanbury a Ventimiglia, un concerto all'insegna del Sud, del Mediterraneo, della contaminazione.
Così sulle note dei noti brani di Tarrega, Granados, fino ai classici napoletani, al Flamenco ma anche al Sud America...mentre i giardini sprigionavano i loro mille profumi mediterraei, dalle chitarre si diffondevano vibranti melodie...



martedì 12 giugno 2012

Adolescenza



Adolescenzaquel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato infantile a quello adulto dell'individuo - Fonte WIKIPEDIA

Ridatemi il mio cucciolo! Quel paciarotto, dolce caro amorevole bimbo!
Che cos'è questa creatura polemica incavolata sboccata antipatica?
Adolescenti: e speriamo che sia davvero solo un periodo transitorio.
Vivono costantemente chiusi a chiave nella loro camera; temperatura 30° C,  zero ossigeno (finestra chiusa per carità non apriamo), tasso di umidità 100%. Spesso al telefono, su internet o in allenamento pollici con l'xbox. 
A volte cantano - e sono canzoni orribili; a volte gridano e sghignazzano tra loro - e sono parolacce e cretinate colossali. Il loro mito? I soliti idioti al motto, ripetuto circa 2000 volte al giorno, anche a sproposito, "DAI CAZZO!".
Non si lavano - sono idrorepellenti e neanche puoi più entrare in bagno mentre sono sotto la doccia e dargli una bella strigliata con la spugna-carta vetro. 
Si riempiono di gel per capelli, producendo tutta quella polverina bianca, portano i jeans in fondo al sedere e sono stanchi, sempre stanchi e annoiati.
Comunicano (con te) con frasi tipo "non rompere", "non capisci un tubo", "fatti curare". Hanno un acuito spirito polemico su qualsiasi argomento. L'importante è andare contro. Di te.
Passano dall'arroganza più odiosa all'apatia più totale...poi, all'improvviso, ti chiamano:
"Mamma, vieni un attimo, devo dirti una cosa..."
"Cosa cavolo vuoi!?"
"Ti voglio beeeeene......"con quel faccino tornato per un istante quello di quando ancora te lo coccolavi e mangiavi di baci...e tu, naturalmente, ti sciogli come una caramella mou.


Immagine tratta da google immagini

martedì 22 maggio 2012

Meravigliosa quotidianità



A volte basta poco. Davvero poco.
Una corsa al pronto soccorso con il piccolo stretto in braccio, le immagini che corrono davanti agli occhi. Una normale febbre si trasforma in pochi secondi di incubo e una piccola convulsione febbrile, forse solo uno svenimento, routine per i medici, per te genitore è uno shock.
Mentre corri al pronto soccorso rimpiangi la quotidianità: nel giro di pochi secondi la tua vita si è girata sotto sopra, nulla ha più importanza. Ti odi per quando ti lamentavi delle cretinate.
Una notte in ospedale diventa il momento per riflettere, cercando di allontanare i brutti pensieri, con i sensi tutti in allerta, mentre il piccolo dorme tranquillo.
Un brutto spavento. Tutto risolto bene e il Piccolo Tigro è presto trotterellante e vispo come sempre.
Ora dobbiamo cancellare quei minuti dalla nostra mente. Ora sappiamo che siamo tanto forti ma mostruosamente vulnerabili.
Che bello ritornare al lavoro, che bello correre avanti e indietro a portare i bimbi a calcio-tennis-scuola-asilo….e che belli i compiti, le lavatrici da fare, stirare, la casa incasinata i cani i fiori la spesa i letti sfatti i calzini sporchi sotto al letto le tazzine del caffé nel lavandino lo stipendio che non basta mai…che bella la noiosa stressante adorata quotidianità!

giovedì 17 maggio 2012

Giornata mondiale contro l'omofobia


I più definiscono aberrazione quello che in realtà fa parte della natura umana.
Le secolari catene, prima fra tutte la religione, ci hanno insegnato a rifiutare le mille sfaccettature della natura umana e a perseguitare chi esce dai ranghi.
Non esistono etero, omo...siamo noi, esseri umani. E basta.
Un giorno l'uomo, quando e se finalmente sarà libero, lo capirà. Ma è un giorno ancora molto lontano.



immagine tratta da google immagini

martedì 15 maggio 2012

Mamma Simo si rifà il look

Non potendo rifarmi altro, rinnovo il blog, che diventa "Mamita Simo"
Perché è così che ormai mi chiama PapàC, perché è così che voglio essere; con quel sabor flamenco che dà un pizzico di colore e follia alla mia vita. 
E chi mi conosce ben lo sa...
E poi una grafica più estiva è quel che ci vuole...evvai con i limoni!
Inauguro l'evento con uno dei miei video preferiti tratto dal film "El amor brujo" di Carlos Saura...

mercoledì 18 aprile 2012

Tu non diventare mai una persona seria!


Le persone serie sono prima di tutto immorali.
(...)
Le persone serie sono in secondo luogo estremistiche.
(...)
Le persone serie sono in terzo luogo teppistiche.
(...)
Le persone serie sono in quarto luogo falsamente pratiche.
(...)
Le persone serie sono in quinto luogo falsamente idealistiche.
(...)
Le persone serie sono in sesto luogo ottuse.
(...)
Le persone serie sono in settimo luogo adulatrici.
(...)
Le persone serie sono in ottavo luogo razziste.
(...)
Le persone serie sono in nono luogo sessuofobe.
(...)
Le persone serie in decimo luogo (e questo è l'unico punto parzialmente a loro vantaggio) sono prive di spirito.
(...)

Tratto da: "Lettere luterane" di Pier Paolo Pasolini
Ed. Garzanti

giovedì 12 aprile 2012

Come fumarsi la crisi



In un paesino spagnolo di 900 abitanti vicino a Tarragona, Rasquera (nome che ricorda un meraviglioso formaggio piemontese) un referendum ha approvato la proposta del Sindaco di coltivare a fini non commerciali, ma solo per autoconsumo (!??) la cannabis che, grazie ad affitti dei terreni e nuovi posti di lavoro, garantirebbe un bel 550 mila euro all'anno in più. (leggi qui l'articolo su ansa.it).
Gli abitanti di Rasquera, per lo più contadini di cui molti pensionati, hanno risposto con entusiasmo (56,4 % di consensi).

A casa mia il nonno ci porta spesso insalatine e misticanze primaverili profumate, con le quali cuciniamo minestre e insalate meravigliose...
-Amore, i bambini si stanno mangiando l'insalatina che ha portato il nonno...ma sono un po' strani...che ne dici???

Ai "Rasqueresi", secondo me, gli è partita qualche valvola...ragazzi, allevate mucche e mangiatevi la raschera, che è meglio!

Raschera


lunedì 6 febbraio 2012

La Felicità è a portata di mano


"Mentre stai  lavando i piatti, prega. Ringrazia per il fatto di avere dei piatti da rigovernare: vuol dire che c'era del cibo, che hai nutrito qualcuno, che ti sei occupata di una o più persone con affetto, cucinando e apparecchiando. Immagina i milioni di persone che, in questo momento, non hanno alcun piatto da pulire, o nessuno a cui preparare la tavola"
La strega di Portobello - Paulo Coelho

Questa sera avrò undici persone a cena. Che culo, eh?



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails