Passa ai contenuti principali

Napoletanità

Ho già raccontato tempo fa, QUI, delle nostre pittoresche partenze per Napoli, dove due o tre volte l'anno ci rechiamo a trovare i nonni...ma non voglio ripetermi, dato che, Natale Pasqua o Ferragosto, è sempre la stessa storia.

Bene, potrei raccontarvi allora della bellezza di Napoli e del suo centro storico, dove, appena scesi dalla circumflegrea, ci si trova immersi nel cuore pulsante della città...di come un balcone possa diventare un quadro originale fotografato da tutti i turisti con il naso all'insù...


Le strade brulicanti di gente, tanta gente...


Il mercato del pesce nella Pignasecca...



Strane coppie si incontrano per le vie del centro storico...


Le bontà non mancano e neanche lo spirito napoletano...


Via San Gregorio Armeno, con i suoi Presepi, le botteghe artigiane e ancora fiumi di gente, ora che ci si prepara al Natale...






Ma il BABA' non può mancare...


E la pizza...finalmente LA PIZZA!


Potrei raccontarvi molto ancora...ma quello che vorrei raccontarvi, senza cadere nella retorica, è di quanto sia bella la napoletanità, di quanto sia ancora importante, qui, il valore umano.
Qui non ti senti solo, c'è sempre qualcuno disposto ad aiutarti se ne hai bisogno, a farti un favore, a regalarti un sorriso o un dolcetto per il bambino.
Qui, a volte, sembra mancare tutto.
Ma quello che non mancherà mai, e questa è la loro forza, è la grande carica umana, un vero e immenso patrimonio.
Solo venendo qui si può capire...ma, in una storica libreria di Napoli, la Libreria Neapolis, ho scovato questo bel libro, adatto per napoletani e non...

Manuale di Napoletanità di Amedeo Colella


Le foto sono di Christian Cordova 


Commenti

  1. Bella sensazione: è stato come venir preso per mano e accompagnato per le vie di Napoli da te... Se poi avessi potuto assaggiare quella meravigliosa pizza... :D
    Un caro saluto e un abbraccio, amica mia!

    RispondiElimina
  2. Ciao zio! Accidenti, la prossima volta vieni con noi...passiamo da Milano e ti carichiamo...nel portapacchi dovresti starci...o no?!?

    RispondiElimina
  3. AMO NAPOLI! Sempre nel mio cuóre!!!!!!!!!! :D
    Una presentazione veritiera, la tua.
    La prima volta che ci sono stata, poi, era Natale. Mi è venuta voglia di raccontarlo in un post.

    RispondiElimina
  4. Io ci sono stata due volte, una volta per pochi giorni, l'altra per 2 settimane. La trovo una città stupenda non solo per il suo aspetto esteriore, ma proprio per le persone che la abitano, sempre disposte a sorridere anche quando tutto va male, disposte a farti sentire una seconda figlia. Stupende foto!

    RispondiElimina
  5. nel portapacchi... se avete una station wagon molto wagon... ma prima o poi voglio venirci davvero! :D

    RispondiElimina
  6. grazie Simooooooooooooooo!!!!!
    Mi hai fatto pregustare ciò che troverò tra qualche settimana...


    p.s. poi c'è l'altra faccia della medaglia, ma oggi non voglio rovinare un post bello come questo!

    RispondiElimina
  7. @Ciao Nez, dài che vengo a leggermi il tuo post!!

    @Marika, è proprio così...le foto le ha fatte mio nipote! Tutti artisti i napoletani!

    @zio, niente wagon ma guarda che ti prendo in parola!! Sarebbe una figata!

    @Luigi che bello, allora trascorrerai Natale a Napoli...noi ci limiteremo a provare a cucinare gli struffoli con la ricetta di zia Maria...chissà se ce la faremo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …