Passa ai contenuti principali

Angeli e demoni


Giacomo Cutrera è un ragazzo dislessico, laureatosi nel 2010 in ingegneria.
Ha deciso, vista la grande sofferenza da lui stesso vissuta, di scrivere un libro e di girare tutta l'Italia per informare, al fine che nessun bambino o ragazzo debba passare quello che ha passato lui.

Ho avuto la grande fortuna di assistere ad una sua conferenza recentemente ed è stata una serata per me e per mio figlio unica.

E' inutile dire ai nostri figli che anche Leonardo, Einsten, Walt Disney e Steve Jobb erano dislessici, perché loro, piegati e distrutti nell'autostima da anni di frustrazioni scolastiche, non ci crederanno mai, di essere dei geni; in genere sono convinti di essere dei cretini e basta.

Invece, avere davanti a sè un modello estremamente positivo come Giacomo Cutrera, che con sensibilità, ironia e grande umiltà (dote rara e meravigliosa!) racconta la propria storia fatta di sofferenza, incomprensioni, ingiustizie e anche della positiva svolta è davvero utile e importante per cambiare il punto di vista.
...Lui che racconta delle tabelline impossibili da memorizzare e i tanti bambini in sala: "E' vero! Anch'io!!"
La dislessia affrontata per quello che è: non una malattia, solo un diverso utilizzo delle aree cerebrali che se da un lato crea problemi nella scuola (impostata al 90 % sulla verbalizzazione e sulla lettura), regala da un'altra parte doti notevoli che vanno ricercate e sfruttate.

E così esci dalla conferenza con il cuore colmo di gioia e le lacrime agli occhi, perché finalmente tuo figlio, per la prima volta ti dice: "mamma, mi sa tanto che noi siamo speciali...".
E quella di Giacomo Cutrera si delinea come una vera missione, fatta di tanti piccoli enormi miracoli.



Qui è scaricabile il pdf del libro "Demone Bianco"

Un grazie all'AID, Associazione Italiana Dislessia, sezione di Cuneo e al Dottor Lingua, che ha organizzato la Conferenza. 

Sempre a proposito di dislessia, c'è un bel film che si può scaricare gratuitamente QUI: "Stelle sulla terra",  film che val la pena di vedere e di far vedere ai bambini, tutti, anche a quelli che non hanno il problema.

Un caro amico Blogger, nonchè eccezionale critico cinematografico, ha recensito questo film, cosa che io ovviamente non saprei mai fare, e mi son ritenuta fortunata e onorata, dato che considero questa recensione anche un po' un regalo per me. Leggetela, è talmente bella che ci si perde...grazie di cuore Roby!!





Commenti

  1. oh, grazie a te Simo, sono veramente onoratissimo delle tue parole, e al di là di tutto speriamo che la visione del film si diffonda, e con esso un po' più di conoscenza diffusa dell'argomento.
    ciao! :***

    RispondiElimina
  2. scaricato il libro e fatto qualche "assaggio". bello, lo leggerò sicuramente

    RispondiElimina
  3. Grande Giacomo. Adesso scarico libro e film. Grazie Simo.

    RispondiElimina
  4. Je suis tout à fait d' accord avec la phrase d' Anatole France mise en exergue à votre blog.
    Belle découverte ici!

    RispondiElimina
  5. @Roby, è bella la tua voglia di conoscere e approfondire, non a caso qualità delle persone intelligenti.
    Ciao!!

    RispondiElimina
  6. @son contenta, Alberto. Questo vuole Giacomo, che si sappia sempre più.

    RispondiElimina
  7. @Versus, pas seulement ici: attaché à mon frigo aussi!
    Bienvenu!!

    RispondiElimina
  8. Mamma mia ho visto le tette al Post...!
    Me voilà, avec l' Italie on ne peut pas de sortir des nourritures maternelles!
    ( Maman est italienne!)
    Bella scoperta!

    RispondiElimina
  9. Un piacere averti letto nel mio blog ed è anche un grande piacere leggerti qui sul tuo.

    ps.Grazie del tuo cordialissimo commento al mio ultimo post.

    Un caro saluto a tutti voi,
    aldo.

    RispondiElimina
  10. @Staive...mais oui, maman est italienne, mais sans "tette"!!!Quel dommage...

    @Monticiano, grazie a te per essere passato di qui, spero almeno di non perderti. Mandaci almeno la tua mail!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. come è vero!
    e credimi se ti dico che parlo con cognizione di causa...

    baci

    RispondiElimina
  12. Je vous ai désormais en blogroll..Voir Versus Anima.
    Belle journée!

    RispondiElimina
  13. @Lo so Rossella, ricordo. Un bacio!

    RispondiElimina
  14. @Versus, merci beaucoup!! Toi aussi, tu es en mon blogroll...à bientot!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …