Passa ai contenuti principali

Alluvione e disillusione

Guardando Genova...



L’alluvione ha sommerso il pack dei mobili,
delle carte, dei quadri che stipavano
un sotterraneo chiuso a doppio lucchetto.
Forse hanno ciecamente lottato i marocchini
Rossi, le sterminate dediche di Du Bos,
il timbro a ceralacca con la faccia di Ezra,
il Valèry di Alain, l’originale
dei Canti Orfici – e poi qualche pennello
da barba, mille cianfrusaglie e tutte
le musiche di tuo fratello Silvio.
Dieci, dodici giorni sotto un’atroce morsura
Di nafta e sterco. Certo hanno sofferto
Tanto prima di perdere la loro identità.
Anch’io sono incrostato fino al collo se il mio
Stato civile fu dubbio fin dall’inizio.
Non torba m’ha assediato, ma gli eventi
Di una realtà incredibile e mai creduta.
Di fronte ad essi il mio coraggio fu il primo
Dei tuoi prestiti e forse non l’hai saputo.

14. XENIA II

Eugenio Montale, poeta genovese, scrisse questa poesia in occasione dell'alluvione del 1966 a Firenze.
Venne pubblicata nella raccolta Satura nel 1971.


L'alluvione è qui simbolo della fine di tutte le illusioni sul valore della propria civiltà e della storia. 
Alla luce della disillusione, anche i miti passati cadono, trascinando il poeta in una profonda crisi di identità, dove la moglie si configura come unico appiglio, salvezza.


In questo sta la diversità: i genovesi, pur nella desolazione di essere stati ingannati, traditi, non ascoltati, stanno affermando la loro fortissima identità, unendosi e lavorando per riportare il sorriso nella loro splendida città.


Un pensiero, un abbraccio da parte mia a tutti voi.



Foto di Corrado Cordova: il Piccolo Tigro a Genova, un anno fa

Commenti

  1. E io mi unisco al tuo abbraccio per la mia terra d'origine, la Liguria, che ha passato il periodo più nero dell'anno nel giro di pochi giorni ed è stata violentata da questi danni immensi :(

    RispondiElimina
  2. Anch'io voglio unirmi al tuo abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Mi unisco anche io...perchè è nelle difficoltà che vengono fuori i veri uomini!!! Forza Genova, siamo tutti con voi...un bacio a te Simo

    RispondiElimina
  4. Mi unisco anch'io. Anche perchè, come sanno gli amici che tollerano le (sporadiche) scempiaggini sul mio blog, amo infinitamente Montale.
    Un saluto!

    Ah, una cosa:
    "...Piove, ma dove appari
    non è acqua né atmosfera,
    piove perché se non sei
    è solo la mancanza
    e può affogare."

    (da Piove, Satura, Eugenio Montale)

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti, speriamo davvero che possano tirarsi su presto!

    Lu, a parte che nel tuo blog di scempiaggini non se ne vedono mai, essendo un luogo intelligente frizzante e colto, ti confesso che anche io amo Montale ma la mia cultura non è tale da conoscere questa raccolta che ho citato...
    Ho cercato Montale in quanto ligure e perché ricordavo le sue belle descrizioni della Liguria di un tempo, tra orti e profumi mediterranei. Digitando poi "alluvione" ho trovato questa poesia, peraltro difficile, che mi è piaciuta per l'allegoria molto attuale.
    Bellissima "Piove", grazie.
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Anche io mi unisco al tuo abbraccio forte a Genova, a tutta la Liguria e alle altre zone dell'Italia che in questi giorni stanno vivendo momenti drammatici per le esondazioni dei fiumi.

    RispondiElimina
  7. Oh, Simo! Grazie per i complimenti e per la condivisione che mi riempie di fierezza. Montale era ligure doc, ed io ho pensato monto, come te, a lui in questi giorni. Ma ancor prima, nei giorni precedenti, essendo lui legato moltissimo a Monterosso (dove trascorreva le estati) ed a scorci delle Cinque Terre. La sua poesia è permeata da quelle immagini, quelle vedute hanno ispirato molti componimenti.
    C'è una poesia in particolare per la quale è stato realizzato un video. Secondo me merita davvero una visione ed un ascolto: http://www.youtube.com/watch?v=Ic3PB5RAHlY

    A presto!

    RispondiElimina
  8. bellissima dedica, Simo!!! P.S. e la poesia di Montale non la ricordavo proprio!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…