Passa ai contenuti principali

David, pensaci tu


A me Halloween non piace; non sopporto il Carnevale e i suoi mascheramenti, figurarsi aggiungerne altri  il 31 ottobre.
Le zucche invece mi piacciono: vellutata di zucca e risotto alla zucca  oltre a quelle belle zucchette decorative da mettere in cucina, di tutte le forme e colori (l'ultima che ho trovato è bellissima, anche se ha la forma e le dimensioni di una peretta). 
Mi piacciono inoltre le - umane -  zucche  piene, mentre mi innervosiscono le - tante - zucche vuote.

Non sto a polemizzare sul sacro Ognissanti contrapposto al profano e acquisito Halloween, non è questo il punto. Il rimescolamento globale è ormai ovunque, anche Babbo Natale d'altra parte ha surclassato Gesù Bambino, re incontrastato della mia infanzia.
Se chiedevo alla mia mamma chi fosse Babbo Natale, mi rispondeva che era tutta una falsità, mentre l'unico ed il solo a portare i regali era Gesù Bambino, che rinasceva ad ogni Natale per portare i regali ai bimbi buoni.
Mi raccontavano inoltre che Gesù Bambino veniva di notte ed entrava attraverso le finestre chiuse e le tapparelle abbassate, dalle quali riusciva anche a farci entrare i pacchi...smaterializzazione?
Ma io ci credevo senza fare una piega, senza farmi alcuna domanda.

Ora invece, con questa nuova generazione di bimbi pragmatici-scettici-disillusi mi tocca mettere in piedi una serie di artifici per rendere credibile la storia di Babbo Natale...che viene su una slitta (l'hai vista la luce nel cielo? No, non è un aereo, è lui!), si ferma in giardino (guarda i solchi della slitta!), si beve una tazza di latte e nesquik e lascia briciole di biscotti qua e là, e poi le renne, che mangiano le carote lasciate la sera prima e fanno la cacca in giardino (guarda! Quella non è la cacca di Mati e Sandy! E' troppo grande! E' la cacca delle renne!!No, dai, non me la far prendere!).
E la finestra basculante aperta, altrimenti come cavolo entra Babbo Natale? No, la porta di ingresso chiudiamola che magari ci entrano pure i ladri. 
Ma perché i cani non abbaiano a Babbo Natale
Ehm...perché sanno che è tanto bravo e che porta delle cose buone anche a loro...
E come fa a volare la slitta? Dov'è il motore? 
Ehm...vola per magia (aiuto, questa non la beve, lo so).
E come fa Babbo Natale a impacchettare tutti i regali e perché hanno la stessa carta di Toys?
Perché li compra lì...
Quando?
Ah beh, ha inziato per lo meno a luglio.
Non l'ho mai visto da Toys...
Lui non si fa mica vedere, va di notte.
Ma Toys di notte fa nanna (mannaggia a me che gli ho detto che alle 19,30 chiude).
...E non suona  l'antituffo? (antifurto). 

Amore...tieni: prenditi il bancoposta.
Vai, comprati quello che cavolo vuoi e, se per caso vedi Babbo Natale, o meglio ancora Gesù Bambino, salutali da parte di una ex bambina tanto, tanto tonta...
Nel frattempo io vedo se riesco a contattare David Copperfield con largo anticipo, tanto per rendere un po' più credibile 'sto benedetto Babbo Natale.


Immagine di David Copperfield tratta da google immagini

Commenti

  1. Anch'io, come te, sono una ex bimbatonta, non le facevo mica tutte 'ste domande io.

    - Belli i regali!!!
    Mia mamma : - Te li ha portati Babbo Natale!
    Io: Ah!
    Stop.

    Ora vogliono sapere tutto..
    le fiabe sono invenzioni..non realtà..
    E io che ancora adesso credo nel principe azzurro!
    Se non esiste..allora si può sapere con chi sto perdendo tempo nella vita?

    Ultima cosa: odio Halloween, peccato che insegnando inglese in molte classi sia costretta ogni anno a parlarne diffusamente.
    Però tutte le volte premetto:
    - A me 'sta festa copiata non piace per niente! :D

    RispondiElimina
  2. anch'io ho mangiato risotto alla zucca oggi!!!
    Sei sempre esplosiva

    RispondiElimina
  3. Troppo forte...io che non voglio rinunciare a Gesù bambino faccio una tale confusione tra il far passare un po' lui e un po' Babbone Natale che i miei figli penseranno che la svitata sono io che credo in queste fregnacce!!!
    Bacio
    P.S: Anche a me Halloween non piace proprio per niente...

    RispondiElimina
  4. eh si! 'ste nuove generazioni ci mangiano in testa!!!!!
    :)
    però sempre evviva la magia e chi è capace di crederci...almeno un pò!
    emme

    RispondiElimina
  5. a me non dispiace Halloween, non sono uscita mascherata, però l'atmosfera è simpatica.

    quando ho scoperto che la befana non esisteva ci sono rimasta malissimo ;D

    RispondiElimina
  6. anche io odio halloween e carnevale!!
    lo sai che io non mi ricordo se credevo a babbo natale oppure no? di certo, però, nella mia infanzia, c'era Gesù Bambino...

    RispondiElimina
  7. Ciao Simo!
    Qui davvero bisogna farci furbe...io mi sono inventata che Babbo Natale è l'aiutante di Gesù Bambino...e dove non arrivo con la coerenza interviene la "magia" e che se un bimbo fa troppe domande e stressa la mamma allora rischia coi regali...^____^
    Baci.
    Nunzia
    P.S
    Io ci provo a festeggiare halloween...spavento i miei bimbi mostrandomi senza trucco...^______^

    RispondiElimina
  8. Oramai le festività straniere hanno surclassato quelle nostrane, mi fa pensare ciò. Il gesù bambino aveva un grande significato, babbo natale no...

    RispondiElimina
  9. Senti Grace, saremo pure state delle bimbetonte, ma ora non lo siamo più...o no?!?
    C'è il principe azzurro, c'è...beh magari non è proprio azzurro, ma c'é!
    Tu come insegnante, io come mamma...che palle 'sta filastrocca di Halloween che da anni studiamo e che mio figlio non ha ancora imparato!
    Un bacio Grace!!

    Buono, vero? Ciao Luigi!!

    Eh sì, Mammola, la vedo dura riuscire a metterli insieme...auguri!!

    Emme, condivido. Viva la magia di una favola e viva che riesce a credere alle favole e ai sogni!

    QueenB, ah la befana! A me invece ha sempre fatto paura, è stato un sollievo sapere che non esisteva.

    Ciao Fra, viva la generazione di Gesù Bambino che attraversava i muri...

    Ahhhhh Zula! Ma va là che dici? Un bacio, sei un mito!

    Ciao Marika, in effetti è un peccato. Dovremmo essere più gelosi e protettivi nei confronti delle nostre tradizioni.

    RispondiElimina
  10. halloween come tante altre feste sono solo per l'era del consumismo ...sta a noi genitori fa cambiare direzione ai propri figli ...magari ...dicendo loro che la festa vera e proria è quella di tutti i santi.....

    RispondiElimina
  11. Lo sapevo Simo che avevamo altri punti in comune io e te! Sicuramente tutto quello che dici sulla zucca, e il fatto che ci piace in tutti i modi! Hai mai mangiato quelle sott'olio e peperoncino che si fanno a Napoli? Io non sono un amante dei cibi sott'olio/aceto, ma in questo caso la squisitezza è straordinaria.
    E poi leggo anche di babbo Natale! A me hanno distrutto la figura della Befana!!! La notte fra il 5 e il 6 gennaio per me era super speciale...quanta fatica per addormentarmi :)

    RispondiElimina
  12. Spinto dalla lettura di questo tuo divertente post ho contato le festività civili e religiose che abbiamo noi in Italia: 13 (tredici) che sono diventate quattordici con il 17 marzo per celebrare il 150° anniversario dell'Unità d'Italia. Ci dobbiamo aggiungere però la festa della mamma, quella del papà e, recentemente, quella dei nonni. Non da molto c'è anche halloween. Scusate ma non sono troppe? E se si volessero festeggiare tutte i soldi da dove si prendono? Sono troppe anche quelle che si DEVONO festeggiare.

    RispondiElimina
  13. uh. Io ci credevo eccome: mi bastava sentire mia madre "parlare con Babbo Natale", nella stanza accanto, via telefono! Poveri bimbi di oggi, è dura vivere senza la magia di babbo Natale!!!

    RispondiElimina
  14. Bibaforever, grazie per essere passata di qui, benvenuta. Concordo pienamente.

    Nico, anche tu come "QueenB" eri un fan della Befana? Ecco spiegato il tuo passaggio di qui...dalla befanissima mamma Simo. Mannaggia, son sempre a Napoli e non conosco le zocche sott'olio! Ma che napoletani conosco io?!?

    Monticiano, non parlarmi di festività da festeggiare...ho già i regali prenotati fino a maggio (natale-pasqua-cresima...ecc...).

    Turista, il fatto è che loro alla fine ci credono...ma siamo noi a doverci fare un mazzo tanto per rendere la cosa "credibile"!!
    No, alla magia non bisogna rinunciare!

    RispondiElimina
  15. Nico...scusa per il lapsus (froidiano?). Zucche...non zocche...

    RispondiElimina
  16. Nico...magari è meglio "freudiano"...e questo non è un lapsus ma una figura di merda...:-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …