Passa ai contenuti principali

Provate a convincerla voi


Sono una cagnolina di circa tre anni. Domenica scorsa mi sono persa. Ero disperata, cercavo la mia casa, i miei padroni, mentre vagabondavo su e giù lungo una strada provinciale molto trafficata.
Mi ha trovata, mentre piangevo davanti al cancello di una casa che speravo disperatamente fosse la mia, un bambino di tredici anni. Aveva gli occhi  lucidi...non voleva lasciarmi andare più.

Sono strani, gli umani. I bambini non hanno paura di volerci bene, gli adulti invece sembra non vogliano lasciarsi andare. Dicono subito "No, non possiamo tenerla, non se ne parla neanche...".
Tremavo, mentre il bambino mi stringeva stretta a lui promettendomi che non mi avrebbe lasciata sola a trascorrere una notte per la strada e intanto i capi branco umani telefonavano ai Vigili per denunciare il ritrovamento di una cagnolina con una specie di collare di corda adatto a un cane grande almeno tre volte me.
C'era una festa di compleanno in quella casa, c'erano tanti bambini ed io correvo incontro ad ognuno di loro pensando che fossero i miei padroncini.

Conosco bene gli umani, so quanto siano incredibilmente contaddittori; i maschi solo apparentemente sono i capi branco, chi comanda in realtà sono le femmine, che possono essere infinitamente buone ma anche terribilmente isteriche...però basta prenderle dal lato giusto. Per questo, appena ho inividuato Mamma Simo,  la mamma di quel dolce bambino che, pallido e quasi in lacrime la supplicava di portarmi a casa con loro, mi sono avvicinata e l'ho guardata negli occhi. Ho visto i suoi occhi cambiare riflessi, colori, luce. "Portiamola con noi, ma solo per questa notte", ha detto.

Dal finestrino dell'auto guardavo le case scorrere veloci, tutte mi sembravano la mia, sentivo gli odori dell'aria ed erano familiari. Mi sono ritrovata invece in una casa nuova, con la compagnia di una cagnolina come me, Mati, un po' più grassa di me a dire il vero, che mi marcava stretta.
Non mi importava nulla che Mati ringhiasse minacciosa; avevo finalmente del cibo, un grande cuscino e una copertina verde sui quali dormire e due bambini con i quali giocare: Piccolo Tigro il più piccolo e Aladar il più grande, quello che mi aveva voluta a tutti costi, minacciando la mamma che sarebbe restato fuori anche lui, quella notte, pur di non abbandonarmi su una strada.
Ero felice ma anche un po' triste, mi mancava la mia casa...guardavo il cancello del giardino e pensavo che forse avrei dovuto cercare di fuggire per tornare da loro. 
Non mi avranno mica abbandonata? No, non è possibile...non lo farebbero mai!
Tra quei pensieri, la stanchezza mi ha presto vinta.

Il giorno successivo, dopo un pomeriggio trascorso a giocare con quel pazzerello del Piccolo Tigro, è venuto vicino a me Aladar con una faccia triste. Era angosciato, non capivo perché.
Un altro viaggio in auto, con lui che diceva cose strane e la mamma che cercava di rassicurarlo pressapoco così: "Questa è la cosa migliore. Ora verificheranno se ha il microchip, le faranno i vaccini e cercheranno i padroni. Pensa che forse qualche bambino come te è disperato perché ha perso la sua cagnolina".
Ma Aladar era inconsolabile e pronunciava una parola, "canile"...una parola che non capivo ma che aveva un suono sinistro, da come la diceva.
Arrivati in quel posto, tremavamo entrambi e non volevamo scendere dall'auto.
Ci è venuta incontro una signora dolce e sorridente, seguita da due cagnolini ancora più piccoli di me. E' una di quelle femmine umane speciali, che vivono per noi cani, che ci amano alla follia.
Ora sono qui.
Mi hanno messo il microchip, ho un'identità e un nuovo nome, scelto dal bambino: Sandy.

I miei padroni non si sono ancora fatti vivi.
Il bambino invece chiama ogni giorno il canile per sapere come sto. La signora del canile è molto buona e mi tratta bene, mi ha detto che Aladar sta male, pensa giorno e notte a me. Non parla d'altro. A scuola non riesce a concentrarsi, non vuole neanche più giocare a pallone o all'xbox.  
Anche la sua mamma mi pensa. Invece di lavorare mette annunci su internet e cerca quelli di cani smarriti. Spera di trovare i miei padroni ...ma forse i miei padroni non cercano me; tra qualche giorno, se non si faranno vivi, diventerò adottabile.
Mamma Simo vorrebbe adottarmi, lo so, non ha neanche lavato la copertina verde sulla quale ho dormito, così se ritornerò mi sentirò meno spaesata...però dice che no, due cani sono troppi. Dice che la casa è già un gran casino...
Provate a convincerla voi...



Commenti

  1. che tenerezza... non sapevo che ci fossero queste procedure per l'adozione di un cane trovato in strada. chi abbandona gli animali dovrebbe essere picchiato a sangue! spero che si sia solo persa e che i padroni torneranno a prenderla... ma è bellissimo che, nonostante le difficoltà logistiche, tu sia pronta ad accoglierla. :)

    RispondiElimina
  2. Che bella storia. Adesso mi spiace per te ma ci vuole il lieto fine: far trovare ad Aladar di ritorno (mogio mogio?) da scuola la meravigliosa sorpresa di Sandy che lo aspetta e scodinzola... :D

    Come dicevo da piccolo per convincere la mamma con la mia insistenza: dài, dài, dàààààààiii...

    RispondiElimina
  3. Fra, chi losa...persa? Fatta perdere? La hanno vista vagare vicino al letto di un fiume, classico posto per portare un animale a perdersi...
    C'è anche il dubbio che sia incinta, la piccola...martedì l'ardua sentenza del veterinario...

    Zio Scriba, che bella sorpresa sarebbe per Aladar! ...Tra pochi giorni, se nessuno si farà vivo, decideremo (devo convincere anche PapàC che finora si è sempre occupato di Mati al 99% e ne ha già abbastanza...).
    Ciao caro carissimo zio!

    RispondiElimina
  4. Speriamo in un finale felice; salutoni a presto.

    RispondiElimina
  5. Aladar, ti prego, convinci Mamma Simo a riprendere
    Sandy lì a casa vostra e promettigli però di occuparti te di lei mantre Piccolo Tigro si deve occupare di Mati. Vedrai che a queste condizioni Mamma e Papà non si opporranno all'adozione di Sandy, un amore di creatura.

    RispondiElimina
  6. Storia triste, abbandonare un cane, perchè di sicuro sembrerebbe così:-( spero in un lieto fine.
    Ti ho trovata sul "condominio", un grazie ed un saluto.
    ps.quello che ti è successo sullo zerbino è indice di maleducazione, ma a che punto si arriva?

    RispondiElimina
  7. Ciao mamma Simo!
    Da queste parole, oltre me, anche Sandy ha capito che ha acchiappato un pezzetto del vostro cuore...
    tanto quando c'è già caos, un po' di più che differenza fa?
    Ma capisco che da fuori è più semplice decidere.
    Aspetterò il finale della storia.
    Bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  8. Simo ti prego adottala!!! Avrò il magone finchè non saprò che l'hai presa tu!!! Noi viviamo in campagna, vicinissimi alla strada provinciale e ci hanno abbandonato qui un sacco di cani e gatti nel corso degli anni, ok, abbiamo molto spazio, però all'inizio è sempre come dici tu, si pensa che non si possa fare, non c'è posto, sono già tanti...ma poi come si fa ad abbandonarli di nuovo, stavolta in un canile? Qualche anno fa avevamo 7 cani, erano tanti (forse troppi davvero) ma loro erano felici e noi pure!

    RispondiElimina
  9. auguri alla cagnetta

    scusa per questo commento fuori tema, ma c’è un problema di urgenza che interessa tutti i blog
    Comunicazione
    Sulle rettifiche in blog e multe ho inserito questa lettera che passo
    Cordiali saluti
    http://www.lacrisi2009.com/2011/09/rettifiche-in-questo-blog-gia-fatto.html

    RispondiElimina
  10. Ciao Cavaliere, a presto e grazie!

    Aldo, hai ragione, è giusto responsabilizzare i piccoli con una divisione dei ruoli: chi toglie la cacca in giardino, chi dà da mangiare...

    Ciao Riri, fantastico il condominio, l'ho scoperto da poco.In riferimento a quell'episodio, in effetti non è stato causa di maleducazione, ma di una svista dei vicini molto anziani. Quindi ho fatto finta di nulla e tolto la cacca...cacca più cacca meno...ne tolgo già di quella tanta tutti i giorni!!
    A presto e grazie della visita!

    Ciao Nunzia, accidenti m'ha acchiappata eccome! Sono combattuta...

    Alla faccia Lumachina! Tu sì che ne hai di cani! Dici che una bocca canina in più da sfamare non è quella gran cosa...?

    Grazie Francesco, comunicazione IMPORTANTISSIMA. Provvedo a mettere il banner.

    RispondiElimina
  11. no ti prego, Aladar deve assolutamente trovare Sandy che lo aspetta, il prima possibile!!! Lo so che i cani sono impegnativi, ma magari mammaSimo può responsabilizzare il suo bimbo facendogli dare una mano allo stanco papà che già si occupa di Mati. P.S. mamma mia quanti soprannomi :D

    RispondiElimina
  12. Troppi soprannomi...mi confondo pure io!
    ...Intanto le notizie sono buone...Sandy sta bene, ha un carattere d'oro...ma bisogna aspettare fino a martedì...poi si deciderà.
    Ciao turista, a presto...in quale angolo del mondo sei?

    RispondiElimina
  13. Ehiehiehi.. Dove si mangia in 4 si mangia in 5 ...:)

    RispondiElimina
  14. ...e dove c'erano 4 impronte ce ne saranno 8...dove c'erano 3 ciuffi di peli ce ne saranno 6...tutto raddoppierà, anche le mie crisi isteriche??? Ciao Emiliano!!!

    RispondiElimina
  15. :))) allora adesso sta con voi? ne sono contenta.

    RispondiElimina
  16. ...non voglio anticipare nulla, ma sto preparando il seguito (con lieto fine)...:-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …