Passa ai contenuti principali

Metto le tette al Post


Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette.
Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra.
Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post.
Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless"
"tette"
"barbara berlusconi topless"
"barbara berlusconi tette"
"barbara berlusconi in costume"

Ecco spiegata l'impennata iperbolica di questo post che non parlava di Barbara Berlusconi, ma dove semplicemente ne citavo il nome.
Un po' la cosa mi deprime, lo confesso, in primo luogo perché tutto 'sto "successo" lo devo a lei...
In secondo luogo perché l'illusione di essere stata super cliccata è durata troppo poco: in pratica basta mettere le parole chiave giuste e arriva un fiume di gente, ma questo non significa essere letti.
Ora però voglio la controprova, la prova del nove. Mo' condisco il tutto con un po' di parole chiave di quelle giuste:

tette
tettine
tettone
ah che tette!
qui mi fermo, anche se mi piacerebbe andare sul pesante...

Vediamo come andranno le statistiche, vediamo fino a che punto le tette funzionano anche coi post...forza ragazzi, datevi da fare. Inutile chiudere o cambiare velocemente, ormai ci siete e il contatore ha registrato la visita anche solo con una sbirciatina...

Il bello è che, di tutte queste api attratte dal miele, nessuna leggerà il post fin qui.
Dopo una rapida occhiata si renderanno conto di essere capitati non in un blog per adulti, ma nel blog di quella derelitta di mamma Simo e se ne andranno per la loro strada, mentre il mio post non letto diventerà il post più letto.

Prima conclusione: le statistiche sono una grandissima stronzata.
Seconda conclusione: nella vita le tette servono sempre... e ve lo dice una che non le ha!


Commenti

  1. Ciao mamma Simo.
    Le tue conclusioni mi fanno schiattare...massì, ma che ce frega delle statistiche!
    ...più o meno...
    Nunzia
    PS.
    Dai che provo cmq ad aiutarti: tette , tette , tette , tette.......^____^

    RispondiElimina
  2. Ti ho raggiunto poco fa per altro percorso, però debbo dire che hai ragione. Non so se ti è capitato di vedere il vecchio film Boccaccio 70, dove l'Anitona faceva perdere la testa a Peppino De Filippo. Allora ci si rideva, oggi ci stiamo tutti dentro. Bevete più latte ...

    RispondiElimina
  3. ecco, hai capito perché certi personaggi nei miei blog è vietato nominarli se non con dispregiativi? perché così non mi troveranno mai con quelle ricerche :)

    RispondiElimina
  4. Buahahah! Grande!

    Contribuisco anche io allora:
    tette
    TETTE
    TETTE SILICONATE!
    :D

    RispondiElimina
  5. Ah ah ah! Grande! beh, io non appena ho letto il titolo "tette al post" non ho potuto fare a meno di correre a vedere che caspita avevi scritto.
    Lo vedi che allora funziona? La prossima volta prova con "culo".
    Poi prova con "bionda calda", "nuda", "sesso gratis", e dulcis in fundo "Ruby come non l'avete mai vista"!

    RispondiElimina
  6. ma tu hai tantissime altre qualità Simoooooooooo!!!!

    RispondiElimina
  7. Zula, grazie!! Mai avute tante tette in tutta la mia vita!

    Francesco, me lo guarderò...

    Roby, ora ho capito...

    Elisa, ma sì anche siliconate. Evvai!

    Mi sono taggato...Certo che tu l'hai fatto apposta...con un nome così sarai cliccatissimo di sicuro!!!

    Grande tu, Suster, viva la sincerità. Pensavo a questo titolo: "Matilde che divorava piselli". Poi lo spiego dopo che Mati è la mia cagnolina obesa che impazzisce per gli ortaggi.

    Grazie Luigi, sei sempre troppo gentile!

    RispondiElimina
  8. grandissima Simona!
    forse dovrei metterle anch'io le tette al blog...

    scherzo! ^_*

    RispondiElimina
  9. Simo..il titolo " Metto le tette al post" è fantastico..non riesco a smettere di ridere!!!
    Baci

    RispondiElimina
  10. ah ah ah XD anche matilde e i piselli ha il suo perché!! (e se scrivi "che odorava" forse attira ancora di più!)

    RispondiElimina
  11. Rossella,mettile anche tu...vai che è una meraviglia! Non hai idea le visite!!

    Ridi, ridi Grace...perché tu lo sai cho posso metterle solo qui...tu sarai pure tappa, ma io sono piatta.

    Fra, ora vado a vedere le statistiche poi ti faccio sapere. E finisce che mettiamo su un blog porno. Ecco, porno può essere un'altra parola interessante...

    RispondiElimina
  12. COME VOLEVASI DIMOSTRARE:
    il post "nuove mode" mantiene il primo posto (potete vedere a lato), ma nelle statistiche settimanali e mensili il post "metto le tette..." lo marca stretto, galoppando al secondo posto.
    Bene, avanti di questo passo mi silicono di brutto.

    RispondiElimina
  13. Attirata dalle tette, un'altra che le tette non le ha :)
    Genialata incredibile!
    Buona serata

    RispondiElimina
  14. Allora il post con le tette ha funzionato...
    E vabbè, si vede che cinque millenni di evoluzione a noi uomini (nel senso di maschi) ci sono stati utili solo parzialmente... ;-)

    RispondiElimina
  15. Ciao Rachele, benvenuta! Come vedi, alla luce dei fatti, la mia teoria era valida...il post è tra i più letti o comunque cliccati....ah poveri noi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …