Passa ai contenuti principali

Ma fatemi il piacere!


Quanti ce ne sono, in giro per il web, di blog di mamme come me.
Spesso si avverte in questi blog un senso di compiaciuta serenità, pare di entrare in case dove regnano i colori pastello e il profumo di lavanda, tra bambini che corrono e panni stesi...
In genere i bambini vengono soprannominati con nomi fantasiosi e dolci, come "Caramellina", "Pulcino Bagnato", "Zucchero filatoo cose del genere.
 Il papà, ovviamente ricco, bello, dolce affettuoso e paziente in genere viene chiamato Angelo,Principe Azzurro" o "Uomo perfetto-meraviglioso. Arriva sempre la sera tutto felice pieno di attenzioni per i piccoli e la domenica trullo-trullo-gioioso-allegro-saltellante porta la famiglia in fantastiche gite fuoriporta. Il Papà perfetto-felice-meraviglioso non russa, non si incazza, non manda mai a stendere Mammastupendamentefelice e non è mai noioso che lo schiacceresti contro al muro. No, Lui è il Principe Azzurro.

Poi c’è la casa, che non mancano di fotografare: in genere una mega cascina ristrutturata con parco di 300 ettari, dove Mammastrafelice si diletta in giardinaggio mentre i pargoli perfetti pascolano ruspanti durante pomeriggi assolati (la nebbia, la pioggia qui non esistono, così come non esistono terra, nutella spiaccicata ovunque, ghiaccioli sgocciolati sui pavimenti e cacche di cane in giardino; qui i cani non fanno la cacca).

La cosa incredibile è che riescono a scriverci fiumi di parole e di post, su questa pallosa vita domestica da spot tv di serie C. A chi la vogliono raccontare? A se stesse o al prossimo?
Ma ci credono davvero a quello che scrivono? Ma fatemi il piacere!



Certo, perché loro la mattina si alzano, aprono le finestre (con vista sulle colline toscane, ovvio) e felici iniziano una perfetta giornata. Caramellina e Pulcino Bagnato sono due amorini che giocano allegri e in armonia tutto il giorno, mentre la mamma li contempla fiera e magari ricama, aspettando Uomomeraviglioso (e che due palle!). E poi?!? Poi loro sono perfette cuoche, donne di casa a volte anche lavoratrici e pure manager e preparano pappine bio con gli ortaggi dell'orto che curano con le proprie mani vellutate con la french manicure.

…Mica come quelle Mammesconvolte che alle ore 21 stremate planano sul divano e non hanno neanche il tempo di farsi una doccia (altro che manicure) e si addormentano davanti a quel bel film che volevano tanto vedere…e se per caso fosse rimasto un barlume di energia erotica si voltano a guardare Principenon proprioazzurro con una lontana speranza dato che le belve si sono miracolosamente addormentate ma  Uomoimperfettocertocheunavoltatantopotrestianchetrombarmienonronfare russa beatamente da un’ora…

…E quei Pulciniamorevoli che si insultano dalla mattina alla sera…come sono dolci!
-Tu sei uno tonto semo!- dice il pulcino di 3 anni e mezzo...
-Esci dalla mia stanza, testa di c.!- risponde il galletto tredicenne...
-No, tu tetta di tacco!-  controbatte il piccolo batuffolo ingenuo…
Avanti così fino alle botte in un crescendo di insulti multilingua, dato che siamo una società multietnica e la prima cosa che si impara, di un’altra lingua, sono ovviamente le parolacce. Evvai.

La Mammasconvolta  non ne può più e minaccia di andarsene, di scappare via, lontano, anche solo per un fine settimana. La fuga perfetta: relax, un libro, silenzio e solitudine. Un miraggio.
E il Principe Celeste un po' sbiadito? E’ sparito, s’è defilato, rinchiuso nel suo studio a dialogare con il portatile. Ha l’aria tra il depresso e lo sconcertato e non si schioda da quel cavolo di computer per nulla al mondo. Passa vicino alla sua Principessa e non la guarda proprio, forse per non constatare quanto sia trasandata e insopportabile e isterica.

Perché la Principessa è incazzata come una belva, col mondo, con il cane, con le formiche che entrano in casa (pure loro devono rompermi le palle?), con la differenziata e l’umido che cola da ‘sti sacchetti di carta – ma come cavolo si può usare la carta per l’organico?- E poi ce l’ha con il cane del vicino che con tutti i posti che ci sono per fare la cacca, proprio sul suo zerbino la doveva fare.
La Mammameravigliosamicapoitanto non sopporta più nessuno. Non parla: ruggisce. Non sorride: digrigna i denti. E’ brutta, cattiva e incazzata. Ma è VERA!!


Immagini tratte da google immagini
Immagine del Principe Azzurro

Commenti

  1. Sei vera e simpaticissima :))
    Spero tu non sia così incazzata davvero... e "il principe celeste un po' sbiadito" è stupenda! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Ehm...mi avvicino pian piano...
    Ciao! Sono Nunzia (paro una che si presenta ad un incontro degli alcolisti anonimi...)
    Spero di non essere giunta nel momemnto sbagliato ma...PIACERE DI CONOSCERTI!^____^
    Prima che mi arrivi una ciabattata in fronte ti saluto...ma torno presto!^___^
    Nunzia

    RispondiElimina
  3. resisti Simooooooooooooooooooooooooooooo
    siamo tutti con te!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. ahahah! ti amo quando scrivi ste cose. ma AMO è un verbo ammesso?
    con affetto, il tuo scorfano spinoso azzurro... :)

    RispondiElimina
  5. Io faccio parte della categoria Mammasconvolta e giusto oggi ho mandato un sms ad un'amica per sapere come era andato l'inserimento alla materna di suo figlio, lei ovviamente è Unamammastupendamentefelice, tutti sanno che non ha voglia di trascorrere del tempo coi suoi due bambini che ovviamente sono belli, sani, perfetti, non litigano mai e blah blah blah, ed è evidentissimo che lui potesse la sorellina se la mangia tanto ne è geloso...comunque, per fartela breve lei risponde al mio sms con uno che dice così:"Inserimento perfetto cara Fabi"...e che dirti, quando le ho detto che ero contenta di aver trovato all'asilo altri genitori con cui trovarci nel week end per trascorrere qualche giornata in compagnia lei mi ha risposto:" Ma sai io e il mio meravigliosomarito andiamo così d'accordo tra noi che non abbiamo per niente bisogno di trovarci con gli altri...bastiamo noi 4 per essere felici"...Più che "Ma fatemi il piacere" io commenterei con un bel "MAVAFFAN...O VA!!!" Baci baci

    RispondiElimina
  6. Oh Gesù, che post incredibile!

    RispondiElimina
  7. Non sono mamma...Mi piace osservare intorno a me. Mi sono allontanata volutamente da alcune famiglie o persone piu' finte della famiglia del Mulino Bianco.
    Si, sei vera tu...molto piu' vera dell'amante del mio ex che si dipingeva mamma perfetta, moglie perfetta, ma così perfetta da farsi i mariti delle altre.
    Io spero tuo marito si svegli, perché donne come te VERE, sono assai rare.
    Bellissimo post!

    RispondiElimina
  8. Beh, Fra, a volte sono anche più incazzata di così...eh eh...

    Ciao Nunzia, benvenuta!! Non spaventarti, il mio umore cambia velocemente e dopo la sfuriata divento doooolce....

    Ciao Luigi!! Resisto, resisto!! Chi mi circonda, forse resisterà un po' meno...

    Roby!!Sono io che vi amo! Voi che mi sopportate e ridete anche dei miei sfoghi...ah che bello!

    Brava Fabi, mandala proprio a stendere. Io quel tipo di mamme le chiamo le "minchiamamme" e le detesto!

    Ciao Emiliano!! Benvenuto nella follia più totale!!

    Nicole, ammazza che storia. Però ti devo correggere...era vera anche lei: una VERA ZOCCOLA...

    Simo...ma sì parliamone...vengo a prendermi un caffé da te così mi faccio due risate...bacio bacio

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…