Passa ai contenuti principali

Il verme nel piatto


Non ho ancora capito perché, se disgraziatamente cade un capello nell'insalata, un pelo nella frittata o se una mosca annega nel minestrone, vada sempre a finire nel piatto dell'ospite. 
L'altro giorno ero veramente fiera delle mie focaccine preparate per merenda, noi li chiamiamo i panini-pizza, perché sono delle specie di piadine fatte con la pasta per la pizza, ma cotte in padella. Sopra, quando sono ancora calde, metto la nutella e i pupi godono come scimmie! 
Bene, c'erano i miei due dolci cuccioli affamati come belve più G., amico di Aladar, che mangia come Hulk.
Porto in tavola i miei panini-pizza nonché la granella di nocciole, da mettere sopra la nutella, tipo ferrero rocher fai-da-te...'na goduria!
Peccato che G., l'amico di mio figlio, dopo aver messo una bella manciata di nocciole sulla nutella mi dica: 
-Simo! Ma qui c'è un verme! E si muove anche!
Porca miseria, stava lì bello dritto sguazzando nella nutella e pareva mi guardasse. Mi sarei suicidata.
Che cosa andrà a dire G. alla mamma?
-Sai, a casa di Aladar per merenda ho mangiato pane, nutella e vermi!
Che figura!
Un bel bruchetto panzuto, di quelli grassottelli che si trasformeranno in quelle piccole tarme del cibo marroncine che poi ti ritrovi la cucina piena e non sai da dove vengano, in genere dal riso. 
Mi sono attaccata a questo concetto:
-Ma no, dài, questo non è un verme, è una futura farfallina! Un po' come voi, che ora siete dei buzzurri adolescenti e un giorno sarete dei fighi...
Mi hanno mandata a cagare. In coro.

Immagine tratta da google immagini

Commenti

  1. Beh, se la mamma di G. è normale sarà capitato pure a lei quindi capirà! Se è come Bree di Desperate Housewives forse non capirà! :) Comunque, io ti capisco! :))
    Però, che cavolo ci faceva dentro alla nutella?! avrei capito in mezzo alle nocciole...

    RispondiElimina
  2. Sì sì era nelle nocciole! Però le nocciole erano già state messe sulla nutella...vabbé hai capito...forse mi sono spiegata male...:-)
    Ciao Fra!!!!!

    RispondiElimina
  3. Noooo! Che figura!!!!!!!! Comunque è vero...certe cose capitano sempre agli ospiti!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Ahahahah spassosissimo questo racconto, soprattutto perché non sei certo l'unica a cui è accaduta una cosa del genere :-) Grande Simo! Sarebbe stato bello però vedere la faccia dell'amichetto di tuo figlio :-)

    RispondiElimina
  5. @D.: pare sia una legge universale, tipo quella di Murphy!

    @Nico: l'amichetto ormai mi ha presa di mira. Non perde occasione per sfottermi! Povera me...la mamma invece l'ha presa bene...

    @Ciao Luigi!! Eh povera me...altro che grande. E non sai che cosa mi è capitato ieri sera...vedevo altre farfalline e, dato che avevo ovviamente buttato la granella di nocciole, ho pensato che forse c'erano altre tarme...per farla breve, ho smontato la cucina e ho trovato tarme in tutti i sacchetti di farina, mandorle...dappertutto!
    Al che mi è presa la crisi nevrotica ed ho disinfettato tutto con acqua e aceto, come una pazza, cane e bambini compresi. Scherzo, si fa per dire...è stata una tragica serata.:-)

    RispondiElimina
  6. Cavolo ci sarei rimasta di merda anch'io... col terrore che lo andasse a dire alla mamma tornato a casa. Prova a guardare sul soffitto. Da noi camminavano sul soffitto della cucina e cadevano nei piatti... allucinante... piovevano vermicelli!

    RispondiElimina
  7. Omioddio!! Sul soffitto no! Giuro che chiamo i NAS e i pompieri.
    Dopo "Piovono polpette" il nuovo film: "Piovono vermi"!!
    ORRORE!!!!!!

    RispondiElimina
  8. ahahahahahhaha che risposta fantastica gli hai dato ahahahahahahh! E' vero che di solito questi "incidenti culinari" vedono come protagonisti gli ospiti: quando cucina mia madre, invece, la malcapitata sono io. SEMPRE. Lei mi dice che succede perché NON MANGIO, ANALIZZO. Mah... ;)

    RispondiElimina
  9. @Turista: C'è anche chi nega l'evidenza. Tempo fa un'amica mi disse che non era un moscerino quello nel mio piatto, ma uno scherzo della rétina...

    RispondiElimina
  10. Ciao Simo o Mamma Simo come più ti piace.
    Per quanto riguarda il vermicello mi è venuta in mente una frase, non so se l'ha già detta qualcuno, se l'ho letta o se, maledizione a me, mi viene da dirla: "noi fummo ciò che siamo, noi saremo quel che fummo". Probabilmente non c'entra un'amata cippa.

    ps. riguardo il tuo commento al mio post che ho gradito a prescindere, mi dispiace averti fatto tornare in mente ricordi non piacevoli
    Ciao,
    aldo.

    RispondiElimina
  11. in questi casi è d'obbligo la pala. per sotterrarsi!

    baciotti

    RispondiElimina
  12. Ma no Aldo, figurati! Anzi, è bello sentire, fortemente, quei sentimenti che, nonostante tutto, provo come figlia oltre che come madre.

    Brava Rossella, solo la pala...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…