venerdì 3 giugno 2011

Cattive madri o madri cattive?



"Tua madre ti odia e tu odi quella parte di te che è come lei..."

Spezzare la catena. La catena di odio che scavalca generazioni, che si ripete inspiegabilmente di madre in figlia.
Bambine non amate prima, poi donne insicure e infelici e madri fragili, affettivamente sterili.
Paura, vuoto, solitudine. Fino al completo isolamento, alla paranoia, alla follia.

Spezzare la catena. Come?? Rifiutandosi di vivere nell'odio e nel rancore.
Imparare ad amare senza paura, cercando di non ripetere con i propri figli quello che si è subito, rifiutandosi di utilizzare quegli schemi, purtroppo ben noti, di manipolazione perversa. 
Imparare a ridere anche della calunnia, della persecuzione diffamatoria, strumenti miseri di menti meschine e perfide, vittime di se stesse, ormai perse in una folle caduta infernale.

Diventare madre a 360 gradi.   Amare, amare e ancora amare, aggrappandosi con forza agli affetti veri, autentici.
Solo così la catena si spezzerà e il male, una volta per tutte, collasserà su se stesso.



A proposito di...

Violenza perversa nella famiglia e nel lavoro
Ed. Einaudi
ISBN 88-06-15397-8
Un libro dalla parte delle vittime, perché ci si può salvare!

Immagini tratte da: http://www.google.it/imgres?imgurl=http://images-srv.leonardo.it/progettiweb/electra/blog/evitante.jpg&imgrefurl=http://electra.leonardo.it/blog/tag/arte&usg=__SpZpTXKoY6BiiuTxLRNrJv8OhuM=&h=444&w=325&sz=50&hl=it&start=79&zoom=1&itbs=1&tbnid=Lnu9mF3x6oAlkM:&tbnh=127&tbnw=93&prev=/search%3Fq%3Dmamma%2Be%2Bfiglia%2Bdisegno%26start%3D60%26hl%3Dit%26sa%3DN%26ndsp%3D20%26tbm%3Disch&ei=q8SeTcCbNIbEswbgpeDiAQ

e da: http://www.gerypalazzotto.it/wp-content/uploads/2010/09/catena-spezzata.jpg



6 commenti:

  1. simo, questo post è molto sentito e non metto becco, ma lo capisco bene anche se da papà.

    RispondiElimina
  2. quanto sono vere queste parole...

    RispondiElimina
  3. Vedi Simo da quello che scrivi e come lo scrivi si capisce che c'è un abisso fra te e quell'altro tipo di madri.

    RispondiElimina
  4. Robydick, Luigi e Monticiano: son temi difficili da affrontare questi. Sicuramente, e rispondo al Monticiano, cercherò con ogni mezzo di non essere MAI così!
    Affronterò ancora il tema della violenza morale in famiglia.

    RispondiElimina
  5. Hai spiegato perfettamente alcune sensazioni provate spesso anche da me. Ho un pessimo rapporto con mia madre... è pure un'insegnante elementare in pensione.
    Sai cosa mi ha aiutato a cambiare totalmente visione della vita e acquistare finalmente sicurezza in me stessa, senza essere troppo dura? Avere incontrato il mio attuale marito... peccato averlo incontrato a 35 anni, se l'avessi conosciuto prima mi sarei risparmiata un bel po' di dolore.
    Ora sono madre anch'io, ma mi sento su una strada completamente diversa da quella di mia mamma... per fortuna.

    RispondiElimina
  6. Grazie per la tua testimonianza, Cindry.
    Anche per me l'incontro con PapàC, avvenuto a 34 anni, ha rappresentato una svolta. Se oggi ho raggiunto equilibrio e serenità, lo devo a lui.
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails