Passa ai contenuti principali

Auguri Papy!

Grandi preparativi, quest'anno, per la Festa del Papà!
Ora che il Piccolo Tigro ha quasi tre anni, ho pensato di coinvolgerlo e di spiegargli che sabato sarà la festa del suo papà...

A parte il fatto che c'ho impiegato mezz'ora a fargli capire che la festa è del suo papà e non sua, quindi il regalino deve prepararlo lui  per il suo papy e non viceversa...
Quando mi pareva avesse metabolizzato il concetto, mi ha elencato tutto trullo una sfilza di regali: brum pompieri...brum viola... brum forte...e non ha mancato di aggiungere Babbo Natale, dato che dal Natale scorso, non passa giorno in cui non gli chieda un regalino.
E non solo, attacca post-it per tutta la casa dove "scrive", a modo suo ovviamente, la letterina a Babbo Natale, gonfia di richieste...vagli a far capire che dovrà aspettare quasi un anno, perché Babbo Natale ora riposa al polo nord...ha finito i soldini...le banche non gli fanno più credito...è caduto in una profonda depressione...

Vabbé, alla fine il concetto è "entrato" e il tigrotto si è messo al lavoro tutto contento e si è apprestato a colorare, con grande impegno, questi bei bigliettini che ho trovato su un sito molto utile, questo.



Il Piccolo Tigro ha scelto il colore rosso per dire al suo papà quanto gli voglia bene...e, con l'aiuto di mamma, ha anche firmato...

Il Piccolo Tigro al lavoro




Direi bellissimo il risultato!




...Sorridi, tigrotto...
Auguri Papy!!!
 A proposito, Auguri a tutti i papà e a tutti i nonni, che sono pur sempre dei papà al quadrato!

Commenti

  1. Auguri anche da parte mia!
    (ma voglio anche la festa dello zio, perbacco... :D)

    RispondiElimina
  2. Auguri!! e che carino il bimbo al lavoro! :))
    P.S. Per favore, dì a papàC, credo gli farà piacere, che oggi una mia amica (musicista) è salita in macchina mentre le note de "Il rocio" si diffondevano nell'abitacolo ed è rimasta piacevolmente colpita dalla bellezza del pezzo :))

    RispondiElimina
  3. Hai ragione zio, è una grande lacuna questa! A Napoli, ad esempio, sono tutti zii: l'amico di papà è zio, l'amico di mamma è zio (oh oh...), i cugini sono zii anch'essi...è un modo affettuoso per dare importanza a una persona vicina alla famiglia. Quindi, istituiamo al più presto la "Festa del Barba"! (barba in piemontese significa zio...)
    Baci grandi zio!!

    RispondiElimina
  4. Grazie Fra, farà sicuramente piecere a PapàC!

    Ciao Rossellaaaa!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…