Passa ai contenuti principali

La Profezia della Curandera


Lo sapevo che questo era un libro speciale.
Di quei libri che vibrano, mentre li tieni in mano, che senti ti cambieranno in qualche modo la vita.
Che arrivano al momento giusto, quando sei predisposta per assimilarne i contenuti.
Un libro in grado di risvegliare la coscienza di noi donne, una guida spirituale in forma di romanzo, la voce di un curandero (sciamano) che ci racconta di forza interiore, umanizzazione della cultura, rispetto e amore attraverso una avvincente narrazione.

"Finché nel cuore della donna
continuerà a brillare la luce dell'amore
il mondo sarà salvo, ma se quell'amore scemerà,
allora l'odio e l'indifferenza
dilagheranno e finiranno col distruggerlo."

Nessuna scuola o università insegna alla donna a comprendersi o a conoscersi; oggi l'insegnamento e la cultura tendono a mascolinizzare il pensiero, perseguendo solo lo sviluppo della mente e della razionalità. Ma la donna è ben altro: è femminilità, forza generatrice, amore incondizionato.

"L'arma più potente di una donna è la sua energia interiore che protegge lei e tutti coloro che ama"

"Una volta che avrai compreso la potenza che risiede dentro di te, potrai alzare la testa, guardare gli altri con amore e con dolcezza e agire, al tempo stesso, con serenità e determinazione".


Simbolicamente, le dure prove cui è sottoposta Kantu, la bella e giovane protagonista, sono le prove cui siamo sottoposte tutte noi, dalla vita stessa. Prove altrettanto dure che ci trasformano, ci insegnano a vivere e, se lette nel modo giusto, ci fanno evolvere in persone migliori.

Hernan Huarache Mamani, l'autore, è un indio quechua laureato in economia che attualmente lavora a un progetto di divulgazione della propria cultura e di un nuovo tipo di educazione basata sulla ricerca della verità e sul rispetto di tutti gli esseri viventi. Il progetto si chiama "Università della vita e della pace".
Tornando al suo villaggio in seguito a una malattia, ha riscoperto antichi valori e tradizioni andine intraprendendo un cammino che lo ha fatto diventare un "curandero".

E' bella la sensazione che ci pervade quando la coscienza si apre, anche se questo avviene attraverso un libro. E' per questo che sto già leggendo "La donna dalla coda d'argento" ed ho ordinato "Negli occhi dello sciamano"...per beneficiare il più a lungo possibile di questo stato di grazia.
Lo consiglio a tutte le donne, anche se vorrei poterlo regalare a tutte le mie più care amiche.

"La profezia della curandera" ISBN 978 - 88 - 566 0164 - 0




Commenti

  1. ho parlato anche io di un libro nel mio post di oggi...è bello scambiarsi consigli sulle letture!

    RispondiElimina
  2. Anch'io amo leggere è il posto dove mi rifugio quando ho bisogno di "scappare" dai cattivi pensieri. Ciao!

    RispondiElimina
  3. D'Aria, ho letto il tuo post molto bello e ti ho lasciato un commento. Penso che il libro di cui parli me lo comprerò...

    Eli, è un gran bel rifugio! Ma non solo per scappare dai cattivi pensieri, anche per dare un po' di "cibo" alla nostra anima...

    RispondiElimina
  4. Ho visto questo libro nella vetrina della mia libreria di fiducia, e già il titolo mi "chiamava". Dopo aver letto questo post, non posso che andare a comprarlo!
    Ti ringrazio :)

    Daisy

    RispondiElimina
  5. @Daisy, fammi poi sapere se ti è piaciuto...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …