Passa ai contenuti principali

Assorbenti per Signora /2

Il Blog è una finestra. Da questa finestra possono entrare tantissime belle novità, amici, idee, conoscenza, allegria. E qualche volta accade anche qualcosa di inaspettato; conosco amici blogger che sono stati letti e pubblicati su libri, altri addirittura contattati e invitati a partecipare a trasmissioni televisive.
Anche a Mamma Simo è accaduto qualcosa di inatteso...

Che cosa poteva accadere a quella stordita di Mamma Simo?

Vedasi il post qui sotto, con argomento gli “Assorbenti per Signora”, al quale è seguita, con mia grande sorpresa, una gentile mail che mi preannunciava che, se mi avesse fatto piacere testarli, mi sarebbe stato recapitato un pacco di prodotti da un’Azienda , la Organyc, ancora poco conosciuta in Italia ma presente in 26 paesi nel mondo, da Canada ad Australia, Spagna, Francia, Finlandia…Cina!
Lo sapevo che le cinesi erano più evolute di noi…

Sì, perché noi italiane continuiamo a metterci ‘sti assorbenti di plastica che nella maggioranza dei casi ci creano ogni sorta di allergia, mentre dalle altre parti del mondo passano molto meno tempo a “grattarsi”, a quanto pare. Loro l’hanno già capito…chissà perché noi arriviamo sempre dopo.

Ma torniamo al pacco: l’ho aspettato con ansia, pregustandomi il momento in cui l’avrei aperto, manco mi avessero mandato un carico di nutella…
E quando il pacco è finalmente arrivato, recapitatomi in ufficio, l’ho aperto tra le colleghe incredule e ho reso partecipi anche loro con qualche “omaggino”.

C’erano proteggi slip in bustine singole e aperti, salviettine intime, tamponi, tutto rigorosamente BIO.

100% COTONE BIOLOGICO - 90% BIODEGRADABILI – COMPOSTABILI

Niente plastica, niente fibre sintetiche, niente profumo, niente cloro. Anche le bustine sono di un materiale compostabile contenente amido di mais e le confezioni in cartoncino riciclato.
Le salviette intime, meravigliosamente profumate, non contengono alcol, cloro, parabeni né SLS e sono naturalmente profumate grazie agli estratti biologici di calendula e camomilla.
Tutto certificato. Un Bio vero, insomma.

Eccoli...

Tutta trulla ho testato i prodotti (LEI ed io ci sentivamo anche importanti…): vai con il salvaslip, vai con la salviettina profumata…ah che meraviglia, niente prurito, niente bruciori.
Avete presente quelle salviette che appena le passi ti piglia ‘na fiammata che dici “mah, forse c’hanno l'olio essenziale di eucalipto…ammazza quanto bruciano”, poi passano le ore e LEI inizia a espandersi, gonfia, prude, punge e tu sei in ufficio e ti strusci sulla sedia e sogni solo un idrante da indirizzare LI’?

Bene, niente di tutto questo, una freschezza morbida e profumata…idem per i salvaslip: come non averli.

E così, tu e la tua "patatina bio", vi sentite bene anche perché sai che stai rispettando l’ambiente, non inquini, utilizzi materiali riciclabili provenienti da agricoltura biologica. Lo sapevate che ogni donna consuma in media 17000 assorbenti nell’arco della sua vita? Una bella responsabilità…

In conclusione, tu sei felice, LEI è felice, tutte e due serene allegre ruspanti e consapevolmente bio…evviva.
Ora bisogna solo capire dove trovarli: QUI!!

Foto Corrado Cordova

Commenti

  1. che figata, adesso sei una tester di assorbenti!!! meglio di quelli che di supposte ;)

    RispondiElimina
  2. uh che bello!!! ti hanno mandato gli assorbenti!! :)) e sono d'accordo con d'aria! :))

    RispondiElimina
  3. Ciao, visto che sei in vena di sperimentare... hai mai pensato di provare gli assorbenti lavabili? Io li vedo tutti gli anni ad una fiera del biologico, ma non ho mai avuto il coraggio. Eppure c'è chi dice che sono fenomenali, smetti di sprecare soldi e fai bene al pianeta... e questi si che sono davvero di cotone biologico. Per il mio bambino ho comprato i pannolini lavabili, me la sento... ma per me stessa no, non so come mai.

    RispondiElimina
  4. hmmmm...interessante. io uso la mooncup ma per quelle poche volte in cui ho bisogno di assorbente penso valga la pena passare al bio.

    RispondiElimina
  5. D'Aria...in quel caso non avrei accettato...
    Fra, sai che risparmio!
    Cindry, mia nonna mi raccontava di come, prima che inventassero gli assorbenti usa e getta, la casa fosse piena, in quei giorni, di catini con i panni in ammollo...non ce la farei proprio!!
    Jole, concordo. Non so ancora il costo però.

    RispondiElimina
  6. @Simo: allora, mi sono informata sulle mooncup: costano 18 euro. Sarà, ma io sono incuriosita, devo provarle! Anche se ieri sera mi sono sganasciata dalle risate a sentire la Littizzetto che ne parlava! AHAAHAHAHA! :-D
    Quanto agli assorbenti e pannolini per bambini in mater bi l'unico problema è il costo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …