Passa ai contenuti principali

Metti il diavolo...ad Avetrana


Mi ritrovo con un libro tra le mani, appena finito di leggere, acquistato in quanto  ambientato nel Salento, "nel tempo in cui le tarante mordevano nelle campagne inoculando il veleno nei corpi dei pizzicati, e bisognava metterli a ballare per liberarli dal male". Affascinata come sono dalle danze popolari del Sud e dal retroscena culturale che portano con sè, pensavo di aver a che fare con un libro che parlasse di tarantate e Pizziche...
Invece ho trovato molto di più in questo bellissimo romanzo corale, e leggendo mi sono accorta che contiene tantissime incredibili e sorprendenti analogie con i fatti recenti di cronaca.

Il libro si intitola "Metti il diavolo a ballare", romanzo d'esordio di Teresa De Sio, una fotografia della realtà del Salento negli anni cinquanta, quando la depressione di una bambina vittima di violenze e molestie veniva interpretata come causa del morso della taranta, ed esorcizzata con la Pizzica, danza ancestrale per liberare il corpo dal veleno della taranta e dal "male".

Sorprendenti le analogie, che accomunano una realtà antica ad una moderna: ignoranza, brutalità, menzogne, segreti inconfessabili e quella fastidiosa curiosità morbosa che avvolge tutto come una nebbia: allora erano coloro che assistevano ai riti atavici per liberare la bambina dal male, oggi siamo noi incollati davanti ai telegiornali e alla quantità enorme di trasmissioni gaudenti per l'audience ritrovata, oppure, peggio ancora, i cosiddetti turisti dell'orrore...che orrore!

Due paesi, quello di Mangiamuso nel romanzo, quello di Avetrana oggi, realtà rurali di una Puglia che pare addormentata e ferma nei secoli, paesi scompaginati nella loro stessa esistenza da eventi violenti e incoffessabili.

"La vita di tutti gli abitanti di Mangiamuso, da quel preciso momento, non sarebbe più stata la stessa."

Mentre leggevo le dure pagine che descrivono le violenze sulla bambina, Archina, stavo male ma dicevo a me stessa che queste cose non accadono più, che erano frutto di un'arretratezza culturale che non esiste più, pur sapendo che mi stavo ingannando, come facciamo ogni qual volta la realtà è difficile da accettare. E proprio in quel momento i telegiornali mi dicevano che nulla è cambiato, che tante dolci creature vengono ancora uccise, prima di tutto nell'anima.

Il dramma di Avetrana non è la morte, ma tutto quello che c'è stato prima.
E quello che più sconvolge è che, in entrambi i casi, le vere e sole vittime passano quasi in secondo piano, in mezzo a tanto rumore, in mezzo al balletto osceno di bestiali protagonisti e comparse mostruose, tra tradimenti e segreti malcelati : Archina e Sarah, bambine accomunate da un destino crudele, ingiusto.

Archina però si salva , si riscatta a costo di un enorme dolore, a Sarah invece questa possibilità non è stata data. Sarah non c'è più.
Anche quei vili bastardi aguzzini hanno l'epilogo che si meritano, nel romanzo.
Troppo dolce la punizione invece, nella realtà.

"Ma poi, mentre stavo correndo contenta [...] quello, il padrone, usciva sulla porta e mi chiamava. Cu chella voce catarrosa, rasposa, 'nfettata, [...] 'na voce che addeventava nu nomme che era 'o mio, Archina! Archinaaaaa... Alluccava forte, il vecchio, fino a che io non correvo e arrivavo a tempo per vedere il mio nome liquefarsi nel suo catarro, sputato a terra, fetido come un topo morto."

Tratto da "Metti il diavolo a ballare" di Teresa De Sio ED. EINAUDI
ISBN 978-88-06-19853-4

Commenti

  1. Io che mi tengo alla larga persino dai tg, immagina cosa posso pensare di quella sporca stupida feccia sciacalla che sono i turisti dell'orrore...
    Davvero molto stuzzicante il romanzo della De Sio, e assai promettenti gli assaggi di scrittura che hai proposto, soprattutto quello finale.

    RispondiElimina
  2. mooolto interessante questo libro, lo leggero'.
    conosco molto bene il salento e conosco molto bene avetrana, e fa male ora collegare quei posti a un dramma cosi terribile.

    RispondiElimina
  3. una parte di me gia si incammina verso la libreria con tanta voglia di conoscere questa autrice di cui le parole d te riportate incantano...altra parte invece scappa, ha bisogno, ha voglia di storie felici.

    RispondiElimina
  4. "La vita.......non sarebbe stata più la stessa".
    Questa frase che hai tratto dal romanzo "Metti il diavolo a ballare" collima perfettamente con quello che è accaduto e sta accadendo ad Avetrana, ed hai perfettamente ragione. Non pensavo che la cantante Teresa De Sio che a me piace molto insieme a sua sorella Giuliana attrice molto brava, fosse anche una scrittrice.
    Due napoletane veramente in gamba.
    Grazie della segnalazione.

    RispondiElimina
  5. Eddaje!Riesci sempre a stuzzicare la mia curiosità!
    Per quanto riguarda l'altra questione: non comment.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  6. @ciao zio! Sì, è una scrittura molto diretta, sia nelle parti dove ti sembra di sentir parlare in dialetto, sia nelle parti più dure, dove la De Sio non risparmia nulla al lettore. Se lo leggerai mi dirai la tua, mi interessa molto!

    @gufoprincipefata, avendo conoscenza del Salento penso che questo romanzo si apprezzi ancor di più. Qui è il sud vero a vivere! Si parla anche di Procida, meravigliosa isola nel mio cuore...
    Purtroppo l'essere umano a volte riesce a diventare artefice di incredibili atrocità, a quanto pare è sempre stato e sarà sempre così.

    @jole, ti capisco. Ogni cosa ha il suo momento, io vado molto a "fasi"...un bacio

    @Monticiano, anche io amo molto le sorelle De Sio, anche se diversissime. E Teresa mi ha davvero stupita con questo libro. E' un talento.

    @Mammalellella e Simona...e a che cosa servirebbe allora mamma Simo? Son contenta di avervi incuriosite...bacio!

    RispondiElimina
  7. Oramai non si parla che d'altro... Eppure forse è questo quello che ci meritiamo, perchè la parte indignata è di gran lunga minore rispetto a quella guardona, avida di spiare, sapere, spettegolare su questo caso mediatico così importante.

    Bello questo parallelo con il libro e bellissimo lo stralcio finale... Deve essere un libro molto molto toccante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…