Passa ai contenuti principali

Mamme e lavoro

Ricevuto e pubblicato.
Quanto segue mi è stato mandato via mail da Sonia, assidua lettrice del mio blog nonché cara amica. Sonia partecipa al mio contest...grazie Sonia e complimenti per quanto hai scritto, che sottoscrivo in pieno!



"Mamma senza paracadute" ovvero "come si affronta la maternità al giorno d'oggi".
Il libro tratta la storia di una madre, ironia della sorte, privilegiata: non fa parte infatti ne’ delle schiera delle cosiddette lavoratrici atipiche, quelle che all'annuncio di una maternità perdono il posto di lavoro, ne' di quelle che devono rientrare allo scadere dei famosi 3+2 (o 4+1 per chi può andare avanti fino all'ottavo mese), costringendo il bambino ad uno svezzamento precoce nonché ad una innaturale separazione dalla madre; nemmeno fa parte di quelle donne che un lavoro non ce l'hanno e per le quali dunque non c'è altro che la magra soddisfazione di avere la precedenza, spesso sudata, alle casse del supermercato o il posto assegnato in autobus, e comunque finché c'è la pancia, perchè quando giri con un bimbo di pochi mesi è tutto un coro di 'ma così piccolo!', 'ma non è troppo presto?', 'ma non avrà freddo?' però poi incontrare un'anima pia che ti faccia passare davanti, così puoi andare ad allattarlo, è più difficile che vincere al super enalotto...

La protagonista ha un lavoro come giornalista nella redazione di una rivista, ha un compagno, ha superato i trenta e ha una schiera di amiche e colleghe, molte delle quali single. Leggendo le pagine del racconto, che scorrono veloci, non si può fare altro che ritrovarcisi: i pensieri che inevitabilmente ti assalgono quando scopri di aspettare un bambino, quelli dolci e impauriti della mamma che è in te, e dall'altra parte l'impatto con la realtà sociale in generale, e lavorativa in particolare.

Sono passati decenni da quando la De Beauvoir scriveva sulla condizione femminile, eppure a volte si ha l'impressione che non sia cambiato nulla: la donna si ritrova ancora a dover scegliere tra carriera e famiglia, mentre dati ISTAT dicono che in Italia è solo una minoranza dei padri quella che usufruisce del periodo di congedo parentale. E' socialmente accettato che sia così per l'uomo, mentre la donna che sceglie di seguire i figli nel periodo pre-scolastico è considerata una perdente, perché ci si aspetta che sia così brava da riuscire ad essere moglie-madre-lavoratrice perfetta tutto contemporaneamente, tipo Wonder Woman.

Quando per la prima volta mi sono scontrata anche io con la realtà di una legge che, con buona pace della Gelmini, è decisamente restrittiva rispetto alle esigenze di una neomamma, è stato come andare dietro le quinte di uno spettacolo visto migliaia di volte per scoprire qual è realmente il mondo delle mamme oggi:e il paradosso che esiste è mirabilmente riassunto da un sito creato per “aiutare” le mamme lavoratrici, alla cui home page ero andata speranzosa, per poi scoprire con somma delusione che aiuta le mamme a non sentirsi in colpa se devono rientrare al lavoro! Come dire che il problema è la mamma che si sente in colpa, non la legge che la costringe a rientrare al lavoro troppo presto.

E' una tecnica vecchia, una trappola in cui si rischia di cascare se non si ascolta il proprio cuore, liberi da condizionamenti esterni: un po' come quando ti convincono che se lavori 'solo' otto ore sei uno sfigato, a differenza dei tuoi colleghi che stanno in ufficio fino a sera, come se fosse importante solo la quantità e non la qualità, e a chi interessa se poi dopo qualche anno la famiglia è andata a rotoli...

Abbiamo perso il senso del limite: c'è un tempo per il lavoro, c'è un tempo per la famiglia, c'è un tempo per se stessi, c'è un tempo per gli amici, per i viaggi... c'è un tempo per vivere e sentirsi vivi. Ed essere mamma ti fa sentire viva, come non mai: è una sensazione meravigliosa che non dobbiamo permettere che nessuno sminuisca.

La protagonista si scontra anche lei con il mondo del lavoro, con l'ipocrisia dei tuoi superiori che mentre ti fanno le congratulazioni e si rallegrano con te, dall'altra parte pensano 'No, proprio adesso!' e intanto cercano mentalmente qualcuno a cui dare il tuo posto, magari non solo temporaneamente... i colleghi la cui invidia perchè 'tu stai a casa' cede il passo ad una lotta per accaparrarsi i tuoi spazi... In tutto questo devi sentirti anche frasi del tipo 'Ah, che bello, stai a casa un po' di mesi...'

Parliamone.

Fare la mamma è un lavoro. Punto. Basta con queste sciocchezze: un bambino deve essere seguito dai propri genitori e nessuno li può sostituire nei primi due- tre anni di vita.

Il racconto offre uno spaccato di vita di una donna che oggi si trova a diventare mamma ed è facile leggendolo capire come sia diverso dall'essere mamma quarant'anni fa o sessanta anni fa: quasi tutte quelle che oggi hanno tra i trenta e i quaranta anni sono state cresciute da mamme casalinghe, mamme a tempo pieno, che hanno dedicato la vita alla famiglia. Oggi si fa fatica a conciliare la famiglia e il lavoro con i nidi comunali strapieni e quelli privati stracari, mancanza quasi totale di nidi aziendali, assenza dei permessi retribuiti per le malattie dei figli, difficoltà ad accedere al part time...

Credo che il successo di questo bel libro sia dovuto alla bravura dell’autrice nell’offrire con un linguaggio semplice, mai banale, uno sguardo d’insieme sulla condizione della donna oggi, con i ritmi che la società le ha imposto, mettendo a nudo una realtà conosciuta da tutti, ma nella sostanza troppo spesso volutamente dimenticata.

Grazie Lidia (anche mia mamma si chiama così) e grazie Simo per avermi fatto conoscere questo libro! Attendo l'incontro dal vivo.
Sonia

Commenti

  1. Oddio ma voi due insieme fate scintille!Belle de zia! Grande testo mia Sonia e grazie a Simo per permetterci questo confronto (si dice così?) ;-)
    Un bacio a tutte e due!
    Smack!

    RispondiElimina
  2. Ommammamia Simo, non me l'aspettavo!! Grazie per aver pubblicato il mio commento fiume come post, che emozione...
    Qui c'è appena stato il nubifragio, per poco non mi si è allagata casa!

    @Topanova: ma grazie a te! Senti un po', allora ci sei per 'Peccati di gola'? Io e la Simo saremo in pole position... ;-) Un bacione!

    RispondiElimina
  3. Complimenti a Sonia per il postcommento d'autore... E complimenti a mamma Simo per aver suscitato tali parole.

    Insomma mi unisco a Simona e vi ringrazio.

    RispondiElimina
  4. Bello eh il post di Sonia? E' una grande, non c'è che dire. Simo,è vero facciamo scintille, ma se ci sarai anche tu ai peccati di gola...faremo 'na strage!!
    Grazie a te rospetto, è un onore e un piacere averti qui!

    RispondiElimina
  5. Condivido appieno quando dici che c'è un tempo per ogni cosa, e sono felice di aver dedicato i primi 4 anni di mia figlia a lei, son contenta di averla tenuta a casa dall'asilo il primo anno di materna perchè lei non era pronta e sono ancora piu' contenta perchè ora ho avuto la conferma d'aver fatto la cosa giusta, perchè ha fatto l'inserimento quest'estate senza problemi, ed ha cominciato il secondo anno di materna da poco senza nessun tipo di problema. E' una bimba socievole, gioiosa e sicura di sè stessa forse anche grazie a me che ho assecondato la sua natura! E pensare che in troppi mi hanno detto che stavo sbagliando, che dovevo mandarla alla materna perchè l'avrebbe aiutata a spronarsi da quel carattere che era troppo chiuso e sensibile....perfino la pediatra mi diceva che stavo sbagliando e che in realtà ero io a volerla tenere legata a me...mah! Io sono felicissima di vedere che ora è diventata piu' indipendente altro che'!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  6. @Ica,sei stata in gamba. Quando tutti ti danno contro è difficile, ma tu hai ascoltato il tuo istinto di mamma che non sbaglia mai.
    Con la tua stessa forza e risoluzione mi sono opposta al nido. Anche se si trattava di poche ore per qualche mattina la settimana, ho detto un irremovibile no. A costo di qualche sacrificio, abbiamo optato per una (splendida) baby sitter. Mi ritengo fortunata per il fatto che posso evitare il nido e iniziare direttamente la scuola materna l'anno prossimo. Con il mio primo figlio non è stato così, e non auguro a nessuno di provare l'angoscia che sentivo ogni giorno quando lo portavo al nido: sapevo che non era ora, che soffriva (ha sempre pianto) ed avevo la netta sensazione di strapparlo dal nido. Piangevo, ogni giorno. E' stato terribile.
    Sto leggendo "Besame mucho" e sono felice nel constatare che non sono io a sbagliare, anzi che è giusto e normale essere così, è semplicemente un fatto naturale. Sono i nostri SAGGI geni a dirci che i nostri cuccioli è con NOI che devono stare fino ai tre anni almeno. Purtroppo le leggi e la nostra società aberrata e pedofoba vanno in senso opposto, dimenticando che, bambini sereni ed equilibrati, saranno gli adulti sani del futuro!

    RispondiElimina
  7. A proposito del libro che ho citato,(Besame mucho) lo consiglio a tutte le mamme. Oltre a contenere consigli preziosi e riflessioni intelligenti, ti mette in una meravigliosa predisposizione d'animo perché amplifica la consapevolezza di mamma...io mentre lo leggo corro a mangiarmi di baci il mio piccolo!
    Mi è stato consigliato da Sonia e l'ho acquistato qui:
    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__besame_mucho.php

    RispondiElimina
  8. Simo, sapevo che ti sarebbe piaciuto quel libro! Io di Gonzales consiglierei tutta la bibliografia, da 'Un dono per tutta la vita', sull'allattamento, a 'Il mio bambino non MI mangia', sullo svezzamento.
    Pensa che lui è uno di quelli che si è preso qualche anno di aspettativa non retribuita per seguire i suoi figli, non è un mito? :-)
    @Ica: anche io sono sicura che tu abbia fatto la scelta giusta per tua figlia e ora è proprio lei che te lo sta dimostrando! Le mamme non sbagliano mai... vero? ;-)
    La mia pediatra invece è una di quelle che dice 'Più sta a casa con lei, meglio è', ovviamente parlando del nido.
    Bacioni a tutti!

    RispondiElimina
  9. vi condivido appieno!!!! ;))))

    RispondiElimina
  10. Dico tranquillamente che questa recensione del libto "Mamma senza paracadute" scritta da Sonia e che tu Simo hai molto intelligentemente postato nel tuo blog dimostra chiaramente quali riguardi si dovrebbero avere nei confronti delle mamme nei primi anni di vita delle proprie creature. Purtroppo nel nostro Paese di tutto ciò non se ne tiene abbastanza conto.
    Ho dovuto fare il nonno sitter ad entrambi le mie nipoti perché se i genitori non lavoravano
    erano guai seri.

    RispondiElimina
  11. @Il Monticiano: che fortuna avere i nonni vicini! I nostri sono a 200 chilometri di distanza...i più vicini, intendo: gli altri a 400!
    Purtoppo ci si aspetta che la madre torni al lavoro subito, o quasi, senza pensare che c'è una creatura che ha bisogno di lei.
    Certo che finchè ci saranno donne, che rivestono anche cariche politiche, che ritengono che stare a casa dopo il parto sia un privilegio, beh, siamo ancora lontani anni luce dai paesi che concedono due anni, come la Moldavia, o paesi nei quali esistono i nidi aziendali in tutti i luoghi di lavoro, come mi risulta sia la Francia (servizio di Report di qualche anno fa).
    Buona giornata a tutti!

    RispondiElimina
  12. Simoooooooooo n'dò stai????????????

    RispondiElimina
  13. Gioia, sono felice d'averti letta...un bacio grande e non stancarti troppo! ^_^
    A presto

    RispondiElimina
  14. Grazie cara Pagnottella, come ti ho detto è solo questione di tempo e mi sintonizzo nuovamente...grazie per avermi pensata, un bacio grande!

    RispondiElimina
  15. Hello, your article is very interesting

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …