Passa ai contenuti principali

Quando Papy è una mamma migliore di Mamy...

PapàC ed io siamo perfettamente intercambiabili. Tutto al 50 %.
Una fortuna per noi, che non dobbiamo ricorrere ad asili nido o a baby sitter a tempo pieno. Grazie al mio part-time e al suo lavoro di insegnante e musicista, riusciamo a gestirci il Piccolo Tigro senza ricorrere a nessuno, a parte qualche sporadica mattinata con la baby sitter, che il piccolo oltretutto adora.

PapàC ed io non abbiamo un istante di tregua: lui è operativo la mattina, io il pomeriggio. Passeggiata, bicicletta, giostrine, pranzo e nanna con Papy e alle 14,30 ci passiamo il "testimone" in corsa, io arrivo lui parte, battiamo un cinque e un bacio al volo e comunichiamo tra noi solo più tramite sms, per trovarci la sera dopo le 20 a cena e, quando arriviamo a conquistare l'agognato divano, tempo cinque minuti russiamo profondamente.

E' un compromesso a volte faticoso, ma ampiamente ricompensato dalla serenità che traspare dallo sguardo del Piccolo Tigro.
Ma qualche risvolto controverso, per Mamma Simo c'è...

Ore 19,30: il Piccolo Tigro è a tavola e mangia il suo bel passato di verdura, mentre gli leggo il solito libro degli animali, senza il quale non riesco a falo mangiare.
-Guarda che bello il leone! Aaamm!- Boccone. -Guarda l'elefante, che proboscide lunga! Aaaamm!- Boccone.
L'importante è non perdere il ritmo.
Questa sera ho un asso nella manica, un nuovo libro che lo farà impazzire: tutti gli animali con i relativi cuccioli. Mamma mucca e il vitellino, mamma gallina e i suoi pulcini, e via di seguito.


Il Piccolo Tigro è interessatissimo al nuovo libro e apre la bocca senza fare una piega.
-Guarda amore, mamma coniglia e i suoi coniglietti! Mamma e Tato, hai visto?-
-No mama-tato: papà-tato!-
Va bene, è verosimile, come fa a distinguere una coniglia da un coniglio? Ci riprovo.


-Guarda amore, mamma volpe e i suoi volpacchiotti!-
E' lampante, mamma volpe è femmina, non possono esserci dubbi. Volpe, la volpe: nome comune di animale, femminile, singolare.
-No mamà!! Papà-tato!!-

I dubbi ora vengono a me: e se mi avesse sostituita? E se PapàC fosse una mamma migliore di me??
Come dare torto al Piccolo Tigro, lo sceglierei anch'io PapàC. Paziente, dolce, equilibrato. Mica schizzato  isterico e nevrotico come me.
Sì, però sono io che ti ho portato nella pancia nove mesi, allattato per otto, sono io la MAMMA!!!

Il Piccolo Tigro continua imperterrito: Papà scimpanzè e Tato, Papà lupo e Tato, Papà tigre e Tato.
Sono ormai depressa come una mamma vongola saltata in padella, quando il piccolo esclama:
MAMA' - TATO!
Sono sollevata, allegra, felice perché questo significa che non ho perso il mio ruolo di madre, nutrice, punto di riferimento:
-Dài amore, fammi vedere mamma e tato!-

Il suo ditino mi indica con dolcezza una bella grassa mamma con il suo cucciolo. Inequivocabile. E' una mamma. Ma anche la volpe la scimmia la foca la mucca erano inequivocabilmente mamme...

Perché mi identifica proprio con questa?!?

Commenti

  1. :)) lo sai che i maiali sono animali simpaticissimi, pulitissimi (al contrario di quanto si crede) e amorevolissimi??? sarà per quello???

    RispondiElimina
  2. ahahahahahhaahahahhahahha...ma dai, sarà il colore!

    RispondiElimina
  3. serpi in seno, ecco cosa sono.. :)

    RispondiElimina
  4. Però è il disegno dove il cucciolo appare più felice e protetto.

    RispondiElimina
  5. MammaF...dici? Vabbé la prendo per buona...
    Pagnottella, sì è solo colpa del rosa!
    MammaC: hai ragione. Creati per mandarci in crisi.
    Cindry la tua interpretazione mi piace. Bella. Buona questa!
    Un bacio grande a tutte da super schizzo Mamma Simo

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…