Passa ai contenuti principali

I miei libri...e la mia stanza della lettura


Nella stanza dedicata alla lettura, questi sono solo alcuni dei tanti libri iniziati o "iniziandi", che purtroppo, a causa dello scarso tempo a disposizione,  resteranno lì ancora per molto tempo.
Alcuni seri, alcuni allegri, altri già letti ma talmente belli da volerli rileggere...eccoli, mi aspettano...chissà se con le ferie riuscirò finalmente a leggermeli tutti.

Il primo lo sto leggendo (da mesi) ed è quasi finito: Mamma senza paracadute di Lidia Castellani. Bellissimo, mi ha fatta ridere, piangere, commuovere. L'unica volta in cui sono riuscita a gustarmelo e a leggerlo per più di mezz'ora di fila è stato nella sala d'aspetto del dentista, provvidenzialmente in ritardo con il precedente paziente. Ora che lo finirò mi verrà voglia di ricominciare daccapo, dato che è passato troppo tempo.

Poi c'è Il popolo degli abissi di Jack London. Libro introvabile, consigliatomi da un amico di blog, Robydick. Son riuscita ad ordinarlo on line alla casa editrice Robin ed è lì, in cima alla pila, che mi attende da mesi ormai. Il libro affronta tematiche sociali di grande attualità, nonostante sia stato scritto nei primi anni del '900.

Scendendo nella pila, un classico, L'isola di Arturo di Elsa Morante, riacquistato per la terza o quarta volta, dopo averlo imprestato (e perso). In realtà l'ho comperato per farlo leggere a mio figlio, il quale mi ha già detto: "Visto che ti piace, perché non me lo leggi tu??". L'idea in fondo non mi dispiace, avrei voglia di rileggermelo.
Inoltre quest'anno andremo, come tutte le estati, a trovare zia Lina all'Isola di Procida. Bella, magica isola, lontana dal lusso di Capri o Ischia, dove è ambientato il romanzo in oggetto.
A detta degli abitanti di Procida, la casa di zia Lina sarebbe proprio quella descritta dalla Morante, la Casa dei guaglioni dove viveva Arturo Gerace.
"Dal tetto della casa, si può vedere la figura distesa dell'isola, che somiglia a un delfino; i suoi piccoli golfi, il Penitenziario, e, non molto lontano, sul mare, la forma azzurro-purpurea dell'isola d'Ischia. Ombre argentate d'isole più lontane. E, a notte, il firmamento, dove cammina Boote, con la sua stella Arturo."

Frida Kahlo di Rauda Jamis è una biografia bellissima. L'ho già letto ma lo voglio rileggere al più presto. Mi ha fatto entrare Frida nel sangue. Una donna e un'artista eccezionale.

I guardiani della notte di Jorge Amado. Dopo Gabriella garofano e cannella, me lo devo leggere a tutti i costi. Un libro esotico da portarmi in vacanza, forse sarà la volta buona.

S.O.S. TATA : guida per genitori. Tanti consigli di buon senso, che spesso dimentichiamo, pur dandoli per scontati. Acquistato da PapàC in un momento di euforica esaltazione paterna. Ha ispirato la mia "etichetta" SOS MAMMA...Da leggere "al bisogno".

Ultimo libro da leggere "al bisogno", una sorta di manuale. Amaroli, l'Acqua di Vita, lo tengo sempre pronto, per ogni evenienza. Me l'ha regalato una cara amica. Che cos'è Amaroli?
Come dice la Chiabotto..."plin plin!".
Certo, proprio quella. Urinoterapia. Ogni mattina ti bevi un po' della tua "plin plin" e puoi anche far a meno dei medici. Pare sia miracolosa. Guarisce da ferite, ustioni, diabete, hi più ne ha più ne metta ed è anche un ottimo cosmetico antinvecchiamento. Puzza solo un po'...
Non ho mai avuto il coraggio di bermela, ma non si sa mai. Mali estremi, estremi rimedi.
Tempo fa il mio Piccolo Tigro mise la manina in una tazza di cioccolata bollente. Aveva le estremità delle dita viola e urlava. La mia amica, provvidenzialmente a casa mia, (l'amica che mi ha regalato il libro) mi disse di immergere la manina nell'urina. Se non fossi stata spaventata a morte non l'avrei mai fatto. Ho fatto "plin plin" in un bicchiere di plastica e vi ho immerso la manina. Che sia quello o no, dopo un'ora era tutto scomparso. La manina perfetta. Come non fosse successo nulla.

Ah, dimenticavo...vi allargo il campo sulla mia sala lettura, nel caso non vi fosse chiaro il motivo per cui dedico solo piccoli ritagli di tempo alla lettura...ma più di così non mi è possibile...meglio di niente, no??


Testi citati:
MAMMA SENZA PARACADUTE - Lidia Castellani - Ed. TEA
IL POPOLO DEGLI ABISSI - Jack London - Ed. ROBIN
L'ISOLA DI ARTURO - Elsa Morante - Ed. EINAUDI
FRIDA KAHLO - Rauda Jamis - Ed. TEA
I GUARDIANI DELLA NOTTE - Jorge Amado - Ed. GARZANTI
S.O.S. TATA - Renata Scola, Francesca Valla - Ed. KOWALSKI
AMAROLI L'ACQUA DI VITA - Dr. Christian Tal Schaller - Ed. BIS

Commenti

  1. ahahahah, la tua sala di lettura assomiglia in maniera impressionante alla mia! Che emozione l'idea di rileggere Elsa Morante... magari nell'isola, nella casa di Arturo! Bellissimi consigli di lettura, mi incuriosisce l'ultimo, ho sentito parlare molto bene anch'io dell'urinoterapia... S(O)S Tata invece lo boccio :-)!

    RispondiElimina
  2. cara Simo, sono sempre in attesa delle tue impressioni sul libro. non è un sollecito, so pazientare. ;-)
    ciumbia! una stanza per leggere... un sogno per me, come t'invidio.

    RispondiElimina
  3. Ho paura che la sala lettura sia la stessa di Piccolalory, della mia e chissà di quante altre mamme con poco tempo.... !!! Ah ah aha ah!!!
    Procida è bellissima: ci sono stata anni fa e mi è rimasta nel cuore. I colori delle case, le barche colorate e il profumo dei limoni grandi come meloni...mmmm che bei ricordi!!!!!
    Fa sempre piacere qualche consiglio su cosa leggere: prenderò in considerazione "mamma senza paracadute"!!! Grazie!

    RispondiElimina
  4. frida e amado.
    gli altri non li conosco. Che angolino relax... ;)

    RispondiElimina
  5. L'importante è leggere: ti assicuro che noi scribacchini non ci offendiamo, né formalizziamo, per il DOVE... :-))

    RispondiElimina
  6. @Piccolalory:infatti, un sogno leggere il libro in qualche suggestivo e nascosto angolo dell'isola...magari lassù, all'Abbazia di San Michele...http://www.abbaziasanmichele.it
    Non ti dico poi il fascino della casa della zia, con i Santi nelle teche in vetro nella camera da letto antica, che solo al sud si vedono ancora. E i tetti dell'isola visti dalla terrazza che ricordano scenari da mille e una notte, raccontano di marinai, invasioni e fiabe lontane...
    Bello il tuo post, condivido. A proposito, alla faccia dei buoni e saggi consigli delle tate...stanotte il Piccolo Tigro è planato nel lettone alle 4...e sai che ti dico? Nonostante mi abbia arrotolato e strappato i capelli fino alle 7,30 me lo sono proprio goduto il mio cucciolo abbracciato stretto stretto!

    Robydick mo' arrivooo!!Con le ferie me lo leggo e ci scrivo anche il post...
    Eh, la mia sala lettura me la invidiano in tanti...

    Cara D.,ti piacerà Mamma senza paracadute. Poi fammi sapere!

    Angela...relax, ma solo se chiudo la porta a chiave. In caso contrario non mi danno tregua neanche lì!!

    Zio Scriba...con un po' di pazienza arrivi anche tu lì...ti ho "ordinato" a un'amica che ha aperto una nuova bellissima libreria...e le ho anche "ordinato" un intero scaffale dedicato a zio...ecchecavolo!!

    RispondiElimina
  7. ma che bella carrellata di titoli,tanti tantissimi da prendere in considerazione! Solo che per me anche la sala lettura (la stessa tua) non è piu un posto dove rifugiassi da quando la piccola peste cammina..
    pero Jack London con Il popolo dei abissi lo metto in cima della mia lista dei libri da acquistare.

    RispondiElimina
  8. Ci sono due cose che sogno di fare da quando è nata la piccolina: un giro in bicicletta e una bella lettura senza limiti di tempo... Per il giro in bici aspetto tra un po' quando lei potrà salire sul seggiolino; per la lettura al momento mi ci dedico durante le sedute a porte chiuse in una sala lettura mooolto simile alla tua! ;-)
    Amado piace molto anche a me, ma 'I guardiano della notte non lo conoscevo', devo cercarlo. 'Gabriella garofano e cannella' è delizioso: lo lessi anni fa, dopo 'Dona Flor e i suoi due mariti', un racconto magico!
    A proposito di spezie uno dei miei preferiti è 'La maga delle spezie' (http://www.lafeltrinelli.it/products/2178327.html) di Chitra Banerjee Divakaruni, una scrittrice indiana che mi è piaciuta moltissimo e della quale ho letto quasi tutti i suoi libri, uno più emozionante dell'altro.
    A Procida sogno di ritornare con la mia famiglia: è un'isola magica. Devo (ri)leggere l'Isola di Arturo!
    P.S. Ci vorrebbe una seconda vita per leggere e rileggere tutto quel che si vorrebbe, vero? Adesso prendo nota dei titoli che hai suggerito (tranne SOS Tata, sono d'accordo con PiccolaLory!)!
    Bacioni!

    RispondiElimina
  9. @jole, te lo dico subito che è introvabile nelle librerie. Ordinalo on line sul sito che ho messo, ti arriva in due o tre giorni lavorativi.
    Ti consiglio di andarti a leggere anche un bellissimo post del mitico Robydick (ho scoperto il libro grazie a lui):
    http://robydickwritings.blogspot.com/2005/09/lavoro-catenacciaro.html

    @Sonia: mi ha già conquistata, la maga delle spezie. E' il mio...poi un giorno in un post racconterò del magico intruglio super mega afrodisiaco che faccio io con la cannella...eh eh...
    Hai ragione, ci vorrebbe una seconda vita...
    Povere Tate, me le avete bocciate di brutto! Vebbé, ma non è poi così da buttare...se non altro per capire quanti errori facciamo quotidianamente...sigh...
    p.s. il prossimo post è indirizzato in modo particolare a te...vedi un po' (appena Papà C mi manda le foto lo metto...neh?).
    Un bacio!

    RispondiElimina
  10. Eh, sì, dopo quello che ho letto sul post della Piccolalory a proposito del programma SOS Tata ci sono rimasta proprio male!
    Un libro per le mamme? Per me 'Mamme Zen' di Jacopo Fo e Monica Traglio è fantastico:
    http://www.jacopofo.it/libri/estratti/mamzen1.html
    Qualcuna l'ha letto?
    Bacioni!
    P.S. Sono curiosissima sia dell'intruglio che del prossimo post!! ;-)

    RispondiElimina
  11. Dimenticavo: grazie per aver citato il libro di Jack London e lo stupendo post di Robydick!
    Volevo segnalare che è disponibile anche sul sito online della Feltrinelli:
    http://www.lafeltrinelli.it/products/9788873713944/Il_popolo_degli_abissi/Jack_London.html?prkw=Il%20popolo%20degli%20abissi&srch=0&Cerca.x=0&Cerca.y=0&cat1=1&prm=
    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Eh eh...mo' arrivo...
    Ah, mamme zen. Bella idea. Mi sa che la pila crescerà!
    A presto!

    RispondiElimina
  13. l'isola di arturo l'ho adorato, c'è anche il film se vuoi...però ovviamente non è magico come il libro.
    anche amado lo adoro. :)

    RispondiElimina
  14. Simo ... caspita la tua stanza della lettura somiglia moltissimo alla mia!!!
    mi piacciono le letture di cui parli in questo post...
    ti abbraccio
    dida

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…