Passa ai contenuti principali

Amore...ma quanto russi?!?

Dalla Legge di Murphy sull'amore:

 "Chi russa si addormenta per primo"


Sussurri, calcetti, micio micio, solletichino, muovi le lenzuola, amore russi...amore girati...LA VUOI SMETTERE DI RUSSARE SI' O NO?? ECCHEPALLE!

Personalmente non ho il problema di addormentarmi, riesco a passare dalla veglia al sonno profondo in 3 secondi e potrei anche dormire appesa a una pianta stile opossum, il mio problema è che mi sveglio durante la notte con tanto di tachicardia. E quando il risveglio è verso le 4 del mattino, non prendo più sonno.

Le ho provate tutte.
Quello che mi ammazza è il crescendo...il respiro da lieve aumenta a poco a poco e quando son lì sul punto di addormentarmi, con i pensieri che iniziano ad accavallarsi e sto per perdermi nelle braccia di Morfeo sperando di dormire giusto un'oretta prima che suoni la sveglia (leggi Tigro), il suo russare ha raggiunto l'apice; sembra una belva dell'era giurassica incazzata nera.

A quel punto l'adrenalina esplode. E non dormo più.
I rimedi sono tanti,dicono, dal cuscino apposito al cerotto nasale agli spray (??!!) fino all'intervento chirurgico (ma siamo pazzi?).

L'unico rimedio efficace è farlo girare su un fianco, il problema però è farcelo restare. 
Alternativa: un bel cazzotto che lo svegli e lo faccia incavolare, così l'adrenalina sale a lui e non dorme più.
Garantito By mamma opossum

Commenti

  1. come ti capisco!!! ma nel mio caso non serve neanche farlo girare sul fianco, allora vado giù di gomitate...per fortuna ancora non viviamo insieme, perchè poi dovrò passare alle maniere forti ;-)

    RispondiElimina
  2. Hai il mio stesso problema! Proprio sta notte è stata una guerra! Come ti capisco, ti sale il nervoso a mille! A volte penso che potrei diventare violenta... e in effetti ogni tanto gli tiro una manata in faccia.
    E' vero sul fianco non russa, ma ci sta poco e poi rotola a pancia sopra! Ho provato a puntellarlo con un mio ginocchio, ho provato lo spray, i cerotti da mettere sul naso, quelli da mettere sul palato...
    l'unico vero rimedio quando non ce la faccio più è il divano!

    RispondiElimina
  3. Ho my god! che ridere!!!
    L'unica soluzione? Una stanza per ognuno ^_^
    Ti dirò, tra me che faccio certi discorsi nel sonno e pagno che russa, caprai...anche a me smuove il crescendo!!!
    Vivo ancora con i miei, ogni tanto resto a casa di pagno a dormire, quindi sia per me che per lui, la presenza dell'altro si avverte maggiormente, vista la non abitudine a dormire insieme ^_^
    baci

    RispondiElimina
  4. Idem per me!
    Ma io ho risolto con un bel paio di tappi.
    Mi addormento prima di tutti, ma soprattutto la mattina non sento la mia sveglia e la mia dolce metà mi deve tirare per i piedi.
    Provali anche tu, sono fantastici.
    Grazie di esserti unita al mio blog, ti aspetto per qualche commento!
    Ciao.
    :)

    RispondiElimina
  5. A Lumaca a 1000 e Pagnottella vanno i miei auguri per quando arriverà il momento di convivere definitivamente...
    Direi che le maniere forti e i tappi sono le uniche cose che funzionano. Forza ragazze!

    RispondiElimina
  6. Cavolo io i tappi li uso e sono pure quelli di cera,ma non funzionano, sono ipersensibile ormai a quel tipo di rumore!

    RispondiElimina
  7. Cindry...ti farò sapere!!

    RispondiElimina
  8. Io ho risolto....quando capita filo sul divano!!!

    prova...non si sa mai..!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…