Passa ai contenuti principali

Nate per...STIRARE

Ce l'abbiamo nel DNA, nei nostri cromosomi ce n'è uno a forma di ferro da stiro.
Ricche o povere, casalinghe o lavoratrici o casalinghe-lavoratrici, con o senza colf, prima o poi ogni donna dovrà fare i conti con la propria abilità nello stirare e con le montagne di panni regolarmente ammucchiate per giorni e giorni negli armadi.
Loro no. Non si è ancora capito se sia un fatto evoluzionistico (non l'hanno mai fatto quindi non hanno sviluppato la predisposizione all'abilità), o se sia un fatto sociale (l'uomo che stira non è abbastanza macho...chi l'ha detto poi?) o se sia solo e sempre colpa di noi mamme e/o mogli che, non si sa bene perché, li esoneriamo in quanto maschi.
Sta di fatto che non sanno cosa si perdono.
Stirare rilassa.
Il movimento dello stirare, avanti e indietro, togli le pieghe fai le pieghe... implica ordine, precisione e calma e porta automaticamente a mettere ordine nei pensieri. Con il ferro in mano, entri in contatto con te stessa, pensi, sogni o magari segui con la coda dell'occhio qualche film strappalacrime o qualche trasmissione idiota, o ti ascolti quel cd che tanto ti piace...e poi avere il ferro in mano dà una sorta di senso di potere: "guarda che te lo tiro!". Chi non ha mai minacciato di sparare una raffica di vapore? Io con il getto di vapore stordisco le mosche...
E poi, quando ci si mette a stirare, è perché si è finito tutto il resto...lavare pavimenti, piatti, cucina...quindi è quasi un relax.
Se poi si usano quelle magnifiche acque profumate - io ho la cascata di glicine!- da spruzzare sulla biancheria prima di passare il ferro...allora il momento diventa ancora più catartico...

...Mamma...perché quando stiri fai l'occhiolino??

Perché c'ho il tic e lo sai che quando c'ho il tic sbatto un occhio solo. Chettefrega?

(Sorrisetto sarcastico malefico strafottente)
Ma scusa, non avevi detto che stirare ti RILASSA?

Certo, tesoro mio, che mi RILASSEREBBE. Se potessi SOLO stirare e ascoltarmi anche un cd, magari.
Il fatto è che, mentre sto cercando di stirare 'sta montagna di roba che porco giuda manco fossimo una famiglia di 12 mi spieghi com'è possibile produrre 'sta mole in 3 giorni ne ho le palle strapiene io vado in giro come una barbona mentre voi vi cambiate 4 magliette al giorno e i pantaloni e la canottiera e poi sudate e poi puzzate come degli animali. E poi c'è tuo fratello, poverino, lui è piccolo, ma è possibile che gli venga la cacarella ogni due giorni e che faccia tutta 'sta pipì??
Ah certo! Come mi rilasso! Peccato che, mentre stiro, devo fare i compiti e studiare con te, mentre tuo fratello urla come un pazzo e sfoga la rabbia di non essere al centro dell'attenzione su quella povera cagnolina che non sa più dove nascondersi. E mi spieghi perché ha rovesciato tutto il succo di frutta per terra che Mati lo sta leccando e tuo fratello anche lo sta leccando e ci vanno le lenzuola sopra così dopo averle stirate sono tutte appiccicaticce e le rimetto direttamente in lavatrice??
Scusa eh, se mi viene il tic! Meglio il tic che tirare il ferro da stiro...dico bene?

Mamma, tu non stai bene. Fatti curare.

Fai i compiti o VAPORIZZO ANCHE TE.

Immagine tratta da google immagini

Commenti

  1. Io sabato mi sono comperata il mio primo ferro da stiro...lilla! Che soddisfazione!
    Chiedo al commesso di MediaWorld la differenza tra iul ferro con caldaia e quello senza.
    "Signorina quello con caldaia è sicuramente più performante, consente di stirare per più tempo senza sosta una mole di vestiti pari a ...".
    Senza caldaia grazie.

    RispondiElimina
  2. ah ah Anche io vaporizzo le mosche. E se stiro devo stare davanti alla tv.

    RispondiElimina
  3. Avevo deciso di portarti anche i miei...ma forse è meglio di no! :-D
    piesse: io guardo le fiscion mentre stiro. Certe piegheeeeeee.......

    RispondiElimina
  4. E' così a casa di tutte allora?
    Oggi ho stirato per due ore forse qualcosa in più: ho un mal di testa!
    Ciao.
    Ste

    RispondiElimina
  5. @Daria: beeello il ferro lilla! Per quanto riguarda la caldaia, diventa indispensabile dai due figli in su. Prima va bene anche quello senza...in bocca al lupo!
    @Angela, Simona e Stefania: è pello pensare di non essere sole!
    Un abbraccio a tutte!

    RispondiElimina
  6. ma bello questo post!
    però c'ho un dubbio amletico: ma che donna sono io che non stiro dal 2006, con pesanti ripercussioni sulla mia vita di coppia?

    RispondiElimina
  7. Cioè fammi capire: il glicine dove lo metti?
    Io, da quando ho un fantastico ferro a caldaia faccio mota meno fatica. Poi ogni tanto mio marito (credo per fare un po' di scena e rimembrare i tempi di quando viveva solo) mi fa: allora le camicie me le stiro io. Si certo. Ancora aspetto!

    RispondiElimina
  8. @polly...sei semplicemente l'eccezione che conferma la regola!! Magari tu non hai neanche i tic...eh eh...
    @Annachiara le acque si spruzzano sulla biancheria, non si possono mettere nella caldaia. La goduria non è tanto il profumo che rimane sui panni (è molto leggero), ma quello che emana mentre stiri! Io uso queste:
    http://www.millefiorimilano.com/
    Ciao!!

    RispondiElimina
  9. Io odio stirare: soprattutto perchè nove volte su dieci, uso il “pronto” al posto dello “stira e ammira”.

    Anche ieri.

    Non c'è nulla da ridere!

    M.

    PS Della serie gli elettrodomestici contro gli insetti. Una notte di molti anni fa, devastato dalle zanzare, ho attaccato l'aspirapolvere: funziona alla grande come il tuo ferro antimosche. Unico inconveniente i vicini: i miei, giustamente, si inviperirono, erano le tre!

    RispondiElimina
  10. Grande! Ma potresti essere anche tu un'eccezione che conferma la regola, in quanto uomo che stira. Mi piacerebbe vedere l'effetto del "pronto"! Sicuramente ha un buon profumo di mobile...
    Anche io uso l'aspirapolvere per acchiappare insetti in volo...poi però mi fa schifo e cambio il sacchetto...
    Ciao!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…