Passa ai contenuti principali

MANDIAMOLI A CASA!

Si chiama Panzallaria e ormai è diventato per me un punto di riferimento.
Meglio che leggere un quotidiano. Bello, divertente, intelligente e pieno di spunti: ne colgo un altro al volo, nell'intento di diffondere il più possibile ciò in cui credo.
Giuseppe Civati, in collaborazione con altre intelligenti persone, ha stilato una bella lista di luoghi comuni che riguardano gli stranieri e relativa spiegazione con tanto di fonti certe e attendibili di quanto siano falsi (e idioti), come tutti i luoghi comuni.
Ecco il decalogo (in realtà sono 19) in sintesi, mentre il Pdf  "MANDIAMOLI A CASA" lo trovate QUI.


Gli stranieri sono il 23%!



Tutti questi clandestini!


E vengono tutti qui!


Non gli facciamo costruire le moschee,
perché al loro paese non ci fanno costruire le chiese


Vengono qua e ci rubano il posto, lavorando in nero


Quelli che vengono sono i peggiori!


Meno immigrati, meno criminali


Infatti sono tutti in galera


Vengono qui e si fanno curare a nostre spese


Nelle graduatorie per la casa sono favoriti gli stranieri


Ci portano via le nostre donne


Meno male che c’è la Lega


Ci vogliono classi per soli stranieri


Gli vogliono dare il voto perché votano tutti a sinistra


«Non si vogliono integrare»


Fermiamo gli sbarchi


Come fanno ad accettare di lavorare per pochi euro?


Aiutiamoli a casa loro


 Immagine tratta da Google immagini - http://www.misconrauticampania.it/images/clandestini.jpg

Commenti

  1. anche io volevo allegare questo pdf nel blog della mia associazione, ma non ci riesco, tu come hai fatto?

    RispondiElimina
  2. Molto interessante. Grazie.

    Qualche tempo fa anche Michele Serra, a suo modo, aveva affrontato l'argomento.

    Ecco il suo articolo:
    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/per-una-virile-cultura-della-razza/1865767/18

    L'integrazione richiede molto tempo. Dovremmo essere avvantaggiati sia dalla nostra tradizione di migranti sia dalla nostra cultura religiosa, teoricamente aperta all'accoglienza.

    Evidentemente c'è dell'altro: tutta la nostra piccolezza ed incapacità di affrontare in modo strutturale i problemi.

    Ma tant'è.

    Non possiamo però arrenderci ad una così netta evidenza: allora ben vengano tutte le iniziative come questo PDF.

    Ancora grazie.

    M.

    RispondiElimina
  3. Articolo molto interessante! Ho scopiazzato da te e l'ho postato anche sul mio blog, perché lo leggano più persone possibili ;-)

    RispondiElimina
  4. @Lumaca a 1000: inserisci il link del pdf (vai sopra, fai copia-incolla).

    @Mauro: troppo bello l'articolo di Michele Serra!

    @Elisa: hai fatto bene, anche io a mia volta ho scopiazzato...

    Ciao a tutti e grazie a voi!

    RispondiElimina
  5. Buona Idea,, ma loro sono d'accordo?

    RispondiElimina
  6. Il fatto che G.Civati abbia pubblicato un pdf sul suo sito mi è parso un chiaro intento divulgativo. Nei nostri post abbiamo sempre citato la fonte con tanto di link. Ma forse, chi ne sa di più di me di copyright, consiglia di chiedere il permesso...questo volevi dirmi, UIFPW08?

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…