Passa ai contenuti principali

Insieme forever?


Quando aprii questo blog, pochi mesi fa, non sapevo nulla di blog, di post, di seguire, gestire, lettori fissi e lettori variabili.
Sapevo che mi piaceva l'idea di uno spazio tutto mio, dove appuntare pensieri o raccontare. Pensavo che vi avrei scritto citazioni, notizie prese qua e là, pensieri o riflessioni non troppo personali.
Invece il mio blogghino ha immediatamente preso vita, scegliendo lui in che direzione andare.


In primo luogo, mi ha fatto virtualmente incontrare persone stupende, mi ha portata per caso a leggere blog interessanti, spiritosi, curiosi, alcuni talmente belli e ben scritti da farmi venire la voglia di sparire dalla circolazione.
Quanta cultura, quanta sensibilità...allora non è vero che in Italia è tutto Grande Fratello!
Grazie ai blog incontrati girovagando per il web, ho capito giorno dopo giorno quello che volevo dire e come dirlo. Grazie al blog ho iniziato a capire qualcosa in più di me.


E' stato lui, il mio blogghino che d'ora in poi chiamerò Ghino, a portarmi a riflettere, ad arrabbiarmi, entusiasmarmi o a ridere di me stessa.
Mi fa compagnia, mi ha aperto la coscienza, a volte mi sveglia anche di notte, quando mi viene un'idea per un post e inizio a costruirla in testa.
Spesso mi chiedo che cosa scriverò quando avrò esaurito le idee, e lui arriva subito a darmi nuove idee, talmente tante che non riesco a scrivere tutto.


E' un simpaticone, il mio Ghino, a volte crudele, una sorta di specchio nel quale mi rifletto. In alcuni giorni mi piace, in altri meno, ma in ogni caso mi sta raccontando molto di me.
La cosa positiva è che mi dà la possibilità di filtrarmi, di dare di me l'immagine migliore, quello che forse voglio gli altri sappiano. Ho la possibilità di nascondere i buchi neri della mia anima, quei lati di me che proprio non mi piacciono.

Mi ha dato un'identità accettabile per il mio impietoso senso critico, il mio Ghino, un compromesso a volte tra quello che sono e quello che vorrei essere. Magia della scrittura, spesso a cavallo tra il rischio di autocelebrazione o amara confessione.

Una valvola di sfogo, un modo per arricchirmi, un divertimento. Tutto questo è Ghino, nuovo compagno d'avventura. Voglio già bene a Ghino, non so più fare a meno di lui e mi manca se non lo vedo per un giorno intero.
Chissà se diventeremo vecchi insieme...

Commenti

  1. non posso che ritrovarmi paro-paro nelle tue parole!
    complimenti a te ed al tuo blogGHINO, che ti fa star bene ed ancora lo farà (per lo meno finché non ti ammalerai di SEO, come tutti del resto.. eheh)

    d

    RispondiElimina
  2. molto obiettivo e sincero quello che hai scritto.
    condivido soprattutto la bellezza delle amicizie che si creano seppur virtuali.
    io ghino ce l'ho da anni, a volte ho scritto altre per mesi no, ma è lì, quando sento che qualcosa può dare piacere a me e ad altri la scrivo.

    RispondiElimina
  3. Beh non posso che darti ragione...ho aperto il blog da poco anche io più o meno per lo stesso motivo..cercavo qualcosa in più delle 12 ore fuori casa a lavorare, al rientro alla sera mangaire, divano e...crollare come un pesce..!

    E allora non mi resta che darti il benvenuto in questo mondo..che alla fine è il tuo mondo ;o)

    RispondiElimina
  4. @cicciopettola: che cos'è SEO?

    @robydick: a proposito del mio arricchimento grazie a Ghino: mi è arrivato il libro!

    @dario: grazie!

    RispondiElimina
  5. buona lettura!
    vedrai che ci scriverai un articolo ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…