Passa ai contenuti principali

SOS MAMMA: occhio all'Ostetrica Fanatica

Premetto: la categoria delle Ostetriche è una categoria di persone umanamente e professionalmente eccezionali, e io ne ho conosciute di splendide davvero. Ma, come ovunque sulla faccia della terra, si può trovare la "mela marcia", la cosiddetta Ostetrica Fanatica, e se hai la sventura di trovartela in occasione di parto o allattamento o simili, non ti resta che identificarla rapidamente e altrettanto rapidamente FUGGIRE.

Si sa che le ostetriche, a differenza dei medici in genere interventisti e iper medicalizzati, sono più vicine alle esigenze della donna e tutte orientate verso il "naturale". Poco condivisibile il fatto che siano in genere in aperto conflitto con i medici e che la cosa in certi momenti sia abbastanza destabilizzante.
Condivido in pieno invece il "naturale": mi curo esclusivamente con l'omeopatia da 8 anni, e sono a favore di parto naturale, allattamento & c.
Però...con buonsenso!

L'Ostetrica fanatica la riconosci in genere già dal colore dell'incarnato: spento.
Ha quell'aria acidula incavolata e saccente, la vedi nel reparto ostetricia seduta sul letto di qualche sventurata che, povera, non riesce ad allattare perché magari ha i capezzoli talmente distrutti che invece del latte esce sangue e lei, la fanatica, le fa una filippica di ore e, la cosa più brutta, la GIUDICA. Le insinua che è una cattiva madre, che ha perso il dono naturale che è allattare...
Vicino a me in camera quando ho partorito, c'era una povera ragazza che supplicava inutilmente di avere un paracapezzoli per evitare di piangere dal dolore mentre allattava. Niente: è stata inflessibile.

L'ostetrica fanatica spesso non ha figli, quindi nel suo immaginario ha probabilmente elaborato il parto dandogli una valenza magica e irreale, cui si aggiunge la sottile goduria di vederti soffrire come una bestia.
Perché lei, la furba, è anche convinta che al posto tuo partorirebbe senza fare una piega, tipo coniglia felice.

E' quella che tu la supplichi di farti stendere sul lettino della sala parto o travaglio e lei ti costringe a partorire a 4 gambe come una bestia, perché è più NATURALE.
Ma se ti dico che non ci riesco, che non mi viene proprio di star lì a 4 gambe a sbucciarmi le ginocchia (perché lo sai che noi bipedi ci spelliamo le ginocchia non avendo le zampe, vero?) e dato che qui non vedo alberi cui aggrapparmi per partorire come natura vuole, nè liane per appendermi e darti un bel calcio in volo, si può sapere perché non mi lasci coricare lì su quel bel lettino con tanto di maniglie a mo' di astronave che per qualche motivo l'avranno pure inventato, no?!?

Io, nel mio ultimo quanto surreale parto, ho avuto la fortuna di incontrare l'Ostetrica Fanatica per antonomasia nel dopo parto, in una situazione per di più di emergenza: emorragia post-parto.
Dato che partorisco vitellini dai 4 chili e mezzo in su, il mio povero utero non riesce a contrarsi in tempi brevi e, voilà, l'emorragia.

...La mia novantaquattrenne nonna in corridoio a pregare colui che è lassù di prendersi lei e non me, mio padre e il mio compagno sul punto di un infarto, io che non sentivo più le estremità, collassavo ogni 2 minuti e iniziavano a scorrermi davanti le immagini di tutta la mia vita...mentre il medico dà disposizione di farmi 3 sacche di plasma e va a prendere i moduli da farmi firmare per il consenso alla trasfusione...

Quella di soppiatto mi viene vicino con fare furtivo e, con aria da santa inquisizione, mi dice:
NON FIRMARE! Sei pazza? Non serve a niente la trasfusione, quando poi vai a casa ogni sera prendi una mela e le pianti dei chiodi...poi alla mattina te la mangi e vedi che recuperi tutto il ferro perso!

Primo: a casa ci vorrei arrivare viva.
Secondo: sei furba o sei scema?
Terzo, non le ho detto dove infilarsi la sua mela con tanto di chiodi, non per gentilezza ma per mancanza di forze.

Per fortuna, se da un lato il mio fisico mi stava lasciando, il mio senso critico era ancora bello sveglio, e ho firmato.
Dopo la trasfusione e sei giorni di flebo di ferro, sono rinata e sono tornata a casa con i globuli rossi vispi e tosti come non mai.
Irrilevante dire che la stronza mi ha anche tolto il saluto.

Commenti

  1. Incredibile. C'è gente a questo mondo che andrebbe davvero pagata alternando cazzotti a vaffanculo. Per quale strano motivo questo genio dell'otetricia non voleva farti fare una sacrosanta trasfusione?

    Roba da matti...

    RispondiElimina
  2. Credo sempre all'insegna del "naturale" a tutti i costi, così "naturalmente" ci lasci la pelle. Mi viene ancora un nervoso!

    RispondiElimina
  3. Va beh, ma che te ne importa del suo saluto. Oppure hai intenzione di ripetere l'esperienza? ;-)

    RispondiElimina
  4. @annachiara non gufare. Ho dato. Ora aspetto solo la menopausa...
    Un bacio

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Oggi compio 40 anni!

Oggi compio 40 anni, dato che sono nata il 6 settembre 1970 alle 8,15. L'unica volta, in tutta la mia vita, in cui son stata mattiniera. Ho la stessa età di una Fiat Dino Coupé, praticamente sono d'epoca.


Fatto sta che oggi mi sento bene, molto bene.
Anche se la mia collega di 20 anni mi vede come una vecchia babbiona; tempo fa mi disse, ingenuamente: "ma ti rendi conto, hanno tentato di stuprare una di quarant'anni!!". Beata gioventù.
Mio figlio invece mi vede come una mamma ormai in picchiata libera verso l'inesorabile decadenza, mio padre mi guarda e dice: "non è possibile, la mia bambina sta invecchiando!" Grazie papy, tu invece no, eh?
Ma io, nonostante tutto, oggi mi sento bene.

Non "restituirei" neanche un anno, per nulla al mondo tornerei indietro: essere quella che sono oggi mi è costata talmente tanta fatica!
In genere si dice "vorrei fermarmi qui", ma se tanto mi dà tanto, son curiosa di andare avanti.
E, dato che ogg…