Passa ai contenuti principali

SOS MAMMA: Mamme sull'orlo di una crisi di nervi

E' in arrivo la primavera!

A dire il vero, che la primavera stesse per arrivare, non me ne ero proprio accorta, soprattutto stamattina quando ho raschiato ghiaccio dai vetri della macchina per dieci minuti, mentre Aladar sbraitava che faceva tardi a scuola.
Non avevo neanche sentito nuovi profumi nell'aria, causa sinusite ormai cronica.

Mi sono accorta che qualcosa di nuovo era nell'aria quando è arrivata in ufficio la mia collega, in genere malinconica...questa mattina è entrata raggiante, vestita tutta colorata, si è seduta alla scrivania e mentre accendeva il computer, cantava...mi ha detto che era felice perché sentiva la primavera...
...Mi sono persa qualcosa?!? Perché le mie cellule non vibrano tutte quante in armonia con l'universo all'arrivare della primavera?!?

Quando, alle 14,30 dopo 6 ore e 30 di lavoro continuato, senza quasi alzarmi dalla scrivania, con gli occhi incollati al computer che ormai vedono doppio e le gambe toniche stile ameba, torno finalmente a casa dopo aver recuperato Aladar da nonnoN e nonnaC, ho la tragica conferma: la primavera è arrivata.

Apro la porta, ad aspettarmi il piccolo Tigro felice come una pasqua che saltella e si rotola qua e là stranamente ricoperto di peli, ovunque. Il pavimento è tutto un tappeto di peli che si ammucchiano negli angoli, sotto i termosifoni... e le sedie della cucina sembra che abbiano le zampe, talmente tanti sono i peli attaccati ai feltrini.
Il soggiorno è immerso in una bella luce calda, illuminato da quel sole impietoso di fine febbraio alle 3 del pomeriggio, che ti fa vedere uno per uno tutti i miliardi di granelli di polvere che svolazzano nell'aria, sommati a quelli posati sui mobili. Mi sento male.

Il mio cervello inizia un rapido "loading" e mi fa scorrere davanti agli occhi tutto quello che devo fare da adesso a stasera alle otto: aspirapolvere-lavatrice-stendere-stirare-aspirapolvere-compiti-merenda-aspirapolvere-cena-aspirapolvere (se poi ci stesse anche uno sciampetto, che ho i capelli che sembrano lavati con l'olio Carli...). Mi sento malissimo.

Mati è lì come sempre sul divano che dorme...e perde peli a mazzette.
Eh sì, questo significa primavera, perché lei la sente in anticipo e come ogni anno me ne annuncia la venuta così.
E come se non bastasse, con lo scioglimento della neve, il giardino è tutto una schifezza fangosa che alletta da morire Mati, che ha la passione di scavare buche (non a caso nel suo dna c'è qualche bisnonno Beagle). Oltre ai peli, soggiorno e cucina sono pertanto ricoperti anche da una patina di terriccio che scricchiola sotto alle ciabatte.

Mi volto verso la poltrona dove Mati, che ha già percepito il mio nervosismo in fase esplosiva, ha aperto gli occhi e mi guarda con aria perplessa...le lancio uno sguardo assassino.
Inizio a minacciare di mandar Mati a dormire in giardino come è giusto e come dovrebbero fare tutti i cani che si rispettino, invece di dormire tutto il giorno sul divano davanti alla stufa con la copertina in pile di Ikea!
Cerco di contenere la collera ma lei cresce...e io ormai urlo.

PapàC esce velocemente e va al lavoro (beato lui...), Aladar mi guarda con odio e mi dice "prova a mandar fuori Mati che io vado fuori con lei" (sì voglio proprio vederlo...); il piccolo Tigro capisce che Mati va difesa e corre a sedersi vicino a lei, riempiendosi ovviamente ancora di più di peli, la abbraccia e la accarezza...e cade in catalessi.

Io passo alla fase vittimistica: "Altro che bronchite, io ho l'asma allergica per colpa di tutti 'sti peli! Non posso mica passare la mia vita a togliere peli!!"

Nessuno mi degna più di mezzo sguardo, non mi resta che sfogarmi con il mio FOLLETTO, l'unico in grado di alleviare le mie nevrosi.
Quanto alla primavera, vorrei tornare a ottobre e andarmene in letargo come una marmotta alpina.


Il piccolo Tigro, Mati e i peli...













La Marmotta Alpina

Commenti

  1. questo è uno dei motivi per cui ho vietato animali pelosi... ma devo dire che Diego e Mati sono tenerissimi!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. La foto è davvero deliziosa e tu mi fai morir dal ridere (mi sento un po' a casa da te...eh ..eh..)
    buona giornata!

    RispondiElimina
  3. bellissssssimi!!!! anche qui con il gatto Scheggia succede un po cosi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…