Passa ai contenuti principali

S.O.S. MAMMA: MANUALE D'USO / 1

Girovagando per il web mi sono imbattuta in bellissimi blog e siti vari sull'argomento "genitori". Ho trovato regole, consigli, informazioni, di tutto di più per diventare genitori perfetti o quasi.
Mi sono anche comperata il libro utilissimo "SOS TATA", da un paio di mesi parcheggiato in bagno, sulla lavatrice. Eh sì, proprio lì...qualcuno sa per caso dirmi un altro momento in cui poter trovare il tempo di leggere?
Beh, il mio manuale d'uso è il risultato delle mie riflessioni guidate dalle letture sull'argomento...forse non sarà un modello da seguire, ma spero sarà un conforto per tante mamme sregolate come me...


Regola Nr. 1
Poca TV per i bambini piccoli, mai durante i pasti.


Ore 6.00: il piccolo Tigro, 22 mesi, è in piedi nel lettino, sveglio, sveglissimo.
"Mamà!" ...
Non rispondo, magari si riaddormenta.
"Mamà!!!" urla con forza svegliando probabilmente anche i vicini di casa.
Solo suo fratello nella stanza a fianco non si sveglia. Ma per lui ci vogliono le bombe.
Mi alzo e contro ogni regola lo metto nel lettone (questa la esaminerò in un capitolo a parte)...speriamo di appisolarci ancora per qualche minuto. Diego si siede nel lettone, riesce ad accendere la luce, mi guarda dritto negli occhi (ma non gli bruciano per la luce improvvisa?!?) e mi di dice: "Aaargh!!"
Traduzione: vuole vedere il film Dinosauri.
Ci alziamo, lattino, sdraietta, pannolino,...e gli propongo un'alternativa, dato che non ce la facciamo più a guardare Dinosauri.
"Amore, perché non guardiamo Lala?"
I TELETUBBIES: noiosi, noiosissimi, ma utili, ben fatti, su misura per i più piccoli.
Diego tutto felice "Lala lala, yo-yo, yo-yo!"
Smanetto col telecomando, quanto lo odio 'sto decoder, e mannaggia a lei, Rai sat yo yo è senza segnale!
Prima delusione della giornata, che va gestita con abilità per evitare la prima mega incavolatura del piccolo.
Provo a dirgli: "Amore, perché non guardiamo Nemo il pesciolino oppure Titti l'uccellino?
Mi risponde: "AAAAARGH!!!"
E vai con Dinosauri...sempre Dinosauri, a colazione, pranzo, cena... alla faccia dei pasti che sono un momento d'incontro della famiglia, durante i quali la tv andrebbe tenuta spenta...eccetera...
Ma grazie al cielo esiste la tv!


Commenti

  1. anch'io odio i "teletabis"... ma Ariel si diverte, e anche il piccolino sembra apprezzarli... così mi tocca sopportare!

    RispondiElimina
  2. idem... anche noi siamo preda (una sera a settimana, non di più) dei Teletubbies, Simo mangia e dorme con Dipsy e noi ce ne siamo fatti una ragione... C'è di peggio, dai!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…