Passa ai contenuti principali

"Nascette mmiez’’o mare" ....la storia di Napoli


Nascette mmiez’’o mare na scarola e Michelemmà
comm’a storia ’e sta città
io te la voglio raccuntà senza buscia ma verità
Assaie bella è Michelemmà sulo bellezza pot’avantà
funiculì e funiculà
ma cu ’a bellezza si vuò campà haie voglia sempe ’e t’a suscià
 Ah comm’a femmena pezzente senza dote e senza niente
cu ’a bellezza sulamente fa ’o mestiere malamente
accussì Napule Nà ’o pentone sta sempe llà
arrisuolve sta jurnata cu ’a pusteggia e ’a serenata
 Li Turche se la joca se la jocano a primera
sulo chesta è ’a storia vera
chi ce pass’a sta città vere sì s’a po’ jucà
Nove rignante ce passajeno a cavallo
Napule ce facette ’o callo
ogni vvota si cagn’o gioco ccà nce appennen’a si loca
 Ah cu ’e Nurmanne e l’Angiuine s’affittaie sera e matina
e si pave nu carlino vire ’o scoglio ’e Margellina
accussì Napule Nà na canzona è sta città
ca mentre ll’ate magneno essa te vò cantà
 Sta figliola è na figlia è na figlia de nutare
Carlo terzo mò è cumpare
ca s’arape na cantina proprio miez’a sta marina
Stu rre Burbone s’a mparaie bbona ’a canzone
canta lloco ca faie bbuono
mentre canta ’a luna sponta io m’assetto a Capemonte
 Ah viva sempe sta cantina ’e chitarre e manduline
ca stu rre dà ogni matina feste e forca cu ’a farina
accussì Napule Nà festa e forca può magnà
si te piace sta canzone viva ancora ’o rre Burbone
E mpietto teneva na teneva na stella diana
Garibbarde s’’a pigliaie mmano
po’ facette ’o ruffiano c’’o scarpone italiano
 Vene Savoia e se ’nfila ’a scarpa soia
c’’o piluscio d’e berzagliere
ma cu st’autu canteniere ca se sta peggio d’aiere
 Ah te dicette ’o rre Vittorio mò te manna ’o sanatorio
voglio fa ’o risanamento e t’o faccio ’o sbentramento
accussì Napule Nà sta luna nova può cantà
ca t’a vonno allarà peggio ’e primma ’a ccà e ’a llà
 Chi pe la cimma e chi la cimma e chi pe lu streppone
lu streppone a lu patrone
ca pe ffà n’atu straviso t’’a fa nera sta cammina
 Va la cimma ’nterra e te lass’int’a na guerra
mmiez’a chillu serra serra
pe la cimma a Musullino e ’o streppone ’e marocchine
 Ah sò sbarcate alla marina auti Turche cchiù assassine
e a Pusilleco addiruso l’hanno fatto nu pertuso
sta città pe copp’a ll’onne chianu chiano mò sprefonna
san Gennaro nun risponne ca stu sanghe nun nce ’nfonna
e accussì Napule Na a che serve cantà cchiù
vire Napule e pò muore ca ce muore sulo tu
 Nascette mmiez’’o mare na scarola e Michelemmà
nascette e po’ murette tant’e tantu tiempo fa.


Commenti

  1. Carissima Simona,
    complimenti e benvenuta nel mondo dei blogger, mi piacciono molto i tuoi ... pensieri e...soprattuttto mi sento 'da napoletana', di ringraziarti per il tuo amore vero per Napoli, ti sento 'viscerale' come solo una napoletana evidentemente non solo di nascita ma d'adozione può essere!
    ti abbraccio e ti seguirò con piacere
    dida

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per i graditi commenti, ma grazie soprattutto per aver avuto la voglia di leggermi...

Post popolari in questo blog

Rimpatriata dei compagni di classe...20 anni dopo

Apro "gmail" e vedo che i miei ex compagni di Liceo, la 5^ B del 1989, organizzano una rimpatriata per sabato prossimo. Meraviglioso. Chissà se saremo i soliti quattro o cinque che ci rivediamo più o meno ogni 2-3 anni, o se ci saremo tutti. Ne dubito.
Bello ritrovarsi ora, nell'anno dei 40...

Al pensiero di rivederli, alcuni dopo una ventina d'anni, mi viene da fare il bilancio dei miei obiettivi raggiunti e non: chi ero 20 anni fa? Chi sono oggi? Come pormi di fronte a loro, che immaginano ancora quella ragazzina che non c'é più?
Non c'è più nulla, oggi, di quella Simo là che, a vederla in retrospettiva, manco mi piace.
E i miei sogni? Le mie aspirazioni? Quel mondo che dovevo divorarmi?
Chissà loro, se ce l'hanno fatta.
Molti di loro ce l'hanno fatta, lavorativamente parlando; chi avvocato, giornalista, psicologa, agente finanziario, veterinario...gran bella classe, la nostra 5^B. Poi matrimoni, separazioni, figli e RI-figli...abbiamo già una vi…

Metto le tette al Post

Povera Mamma Simo, è proprio alla frutta, direte voi. Lei non le ha e le mette al Blog, le tette. Acuta osservazione, ma la vera motivazione è un'altra. Dando un'occhiata alle statistiche del mio Blog, ho scoperto che il post più letto è "Nuove mode", un post non più bello di altri né tantomeno più interessante o ben scritto. Anzi, sotto alcuni punti di vista, è abbastanza una tavanata, come molti dei miei post. Qual è la caratteristica che lo ha fatto svettare?
Potrebbe essere la foto? Una bella gnocca che esce dal mare con le tette al vento...
Da una più attenta osservazione dei dati statistici, novità di blogger, ho notato che le parole chiave digitate che hanno fatto sì che questo post abbia ricevuto un numero di otto volte superiore la media di visite dei miei post più letti, sono state:

"topless" "tette" "barbara berlusconi topless" "barbara berlusconi tette" "barbara berlusconi in costume"
Ecco spiegata l'impen…

Amare un artista

Amare un artista. Non lo stereotipo di artista, inteso come un uomo sopra le righe, genio e sregolatezza, sguardo languido bohémien. No, niente a che vedere con una copia mal riuscita di Johnny Depp in "Chocolat".
Un artista vero, con il suo incasinato mondo interiore, con il quale ci si ritroverà spesso a fare i conti; con il suo primo grande amore, quell'arte che lo nutre ma che spesso lo annienta. Amore e odio: questo prova lui per la sua arte, ma non ne potrà fare mai a meno, e alla fine sarà sempre il suo rifugio.
Apparentemente fragile, in realtà forte come una roccia, ma non lo saprà mai. Non sa di avere un dono prezioso che le persone "normali" non hanno. Il vero artista è umile, troppo umile, ma ha un bisogno vitale delle conferme altrui. Capace di amare alla follia, così come di rinchiudersi nel guscio e svanire nel nulla. Impossibile non amarlo, quando se ne percepisce l'essenza.
E forse, un artista, è l'unico uomo che si può amare per sempre con …